Promozioni

Dmax e Sofan lanciano un'inedita iniziativa per il match finale del Guinnes 6 Nazioni 2019

Grazie alla collaborazione tra il Gruppo Discovery e la startup italiana, durante l’ultimo match degli Azzurri al Guinness 6 Nazioni trasmesso sabato 16 marzo su Dmax, tre fortunati ragazzi hanno avuto l’opportunità di vivere l'esperienza della partita accomodati su un divano brandizzato a bordocampo. L'iniziativa è stata raccontata su Instagram con tante Stories postate con l’hashtag dedicato #divanoameta e il tag a @sofan.it @dmaxitalia.

Vedere una partita a bordocampo seduti comodamente su un divano? Grazie alla partnership tra Dmax (canale 52) del gruppo Discovery Italia, e Sofan, la prima startup italiana che consente di condividere il divano di casa per guardare eventi sportivi insieme ad altri tifosi, è diventato realtà. Durante l’ultimo match degli Azzurri al Guinness 6 Nazioni trasmesso sabato 16 marzo su Dmax, tre fortunati ragazzi hanno avuto l’opportunità di vivere quest’esperienza unica e mai vista in uno stadio italiano.  

Dal 1 febbraio al 16 marzo, infatti, gli utenti di Sofan hanno avuto la possibilità di creare gli eventi per vedere le partite del torneo Guinness 6 Nazioni di Rugby insieme ad altri appassionati, guardando l'esclusiva di Dmax o lo streaming live di Dplay. Dmax e Sofan hanno chiesto loro di raccontare con delle Instagram Stories il loro modo di guardare le partite del Guinness 6 Nazioni. I 3 tifosi sono stati selezionati fra le tante Stories postate con l’hashtag dedicato #divanoameta e il tag a @sofan.it @dmaxitalia e hanno avuto l’opportunità unica di assistere al match giocato sabato scorso tra Italia e Francia allo stadio Olimpico di Roma accomodati su un divano brandizzato a bordocampo.

Anche quest’anno Dmax è stato in prima linea per offrire alla platea televisiva di appassionati lo spettacolo unico del Guinness 6 Nazioni 2019. Il torneo in cui le sei Squadre Nazionali europee più forti, Italia, Inghilterra, Francia, Galles, Irlanda e Scozia si affrontano a viso aperto in una corsa lunga due mesi.