Marketing

Asics Italia punta sul digitale terrestre con Publitalia

L'azienda ha scelto di comunicare sul dtt attraverso uno spot trasmesso durante le partite del pacchetto Mediaset Premium, un superspot interattivo e un tv site. Per Torino 2006, di cui è sponsor ufficiale, è on air una campagna stampa, con testimonial Fiona May e Stefano Baldini. Della strategia parla ad ADVexpress il direttore marketing Paolo Lupani.

Asics, azienda di articoli sportivi, sceglie il digitale terrestre per tornare in comunicazione in Italia. Una mossa strategica quella della filiale italiana dell'azienda giapponese (fondata nel 1949 dal signor Onitsuka), dovuta alla necessità di rafforzare la propria comunicazione nel nostro Paese aprendosi alle opportunità offerte dai nuovi mezzi. Ne parla ad ADVexpress Paolo Lupani, direttore marketing di Asics Italia.

"Fino a oggi, in Italia il marchio Asics ha comunicato prevalentemente con annunci sulla stampa periodica specializzata – spiega il manager – legata a sport come il volley e la corsa. L'ultima è quella per le Olimpiadi di Torino 2006, di cui siamo sponsor, firmata dall'agenzia torinese Diecicento, on air da novembre su stampa quotidiana e periodica, che ha come protagonisti Fiona May (nella foto) e Stefano Baldini. Ultimamente ci siamo però resi conto che era necessario un rafforzamento della nostra comunicazione, grazie anche all'esperienza fatta in questo senso dall'altro marchio del gruppo, Tiger Onitsuka. Per questa linea abbiamo puntato su una serie di spot in onda su Mtv, con l'obiettivo di fare conoscere il marchio. I risultati sono stati ottimi, sia in termini di immagine che di vendite".

Da qui dunque la scelta di pensare anche ai prodotti Asics, scommettendo tutto su un mezzo nuovo, appunto il digitale terrestre. La comunicazione prevede uno spot da 30", sempre di Diecicento, on air dal 15 gennaio fino alla fine dell'anno nel secondo break pubblicitario (quello dell'intervallo) delle partite dell'offerta Mediaset Premium. Inoltre Asics sarà sul portale di rete di Italia 1, con dei banner presenti a mesi alterni fino a luglio del 2007, che rimandano a quello che nel settore viene chiamato 'tv site', un sito cioè creato ad hoc per il dtt, contenente varie informazioni sull'azienda, la collocazione dei negozi e le collezioni realizzate per le Olimpiadi di Torino 2006, di cui è sponsor. Di tutta la parte interattiva di Asics si occupa Publitalia che ha anche realizzato il superspot interattivo, che sarà on air dal 1° febbraio . Trasmesso solo in alcune giornate di campionato, questo format permetterà di accedere, tramite un pulsante, al tv site.

"Il digitale terrestre è un canale dalle forti potenzialità – spiega Lupani – . Nel nostro caso ci permette di raggiungere direttamente un target mirato di possibili acquirenti dei prodotti Asics, che coincide con coloro che acquistano le carte Premium di Mediaset per seguire le partite di calcio. Ma soprattutto, questa campagna ci rende protagonisti del settore sportivo su questo media, essendo i primi ad averlo scelto fra i concorrenti".

Il budget investito da Asics Italia per la comunicazione sul dtt è ancora in fase di definizione. "Approssimativamente la cifra dovrebbe essere compresa fra i  500mila euro e il milione di euro", precisa Lupani. Questo investimento fa parte dei 2 milioni di euro destinati complessivamente dal gruppo alla comunicazione nel 2006, e che comprende quella per il marchio Asics e quella per Onitsuka Tiger, che a marzo riprenderà su Mtv.

Per concludere, un accenno all'importante impegno di Asics Italia nelle imminenti Olimpiadi di Torino 2006 a cui si è accennato all'inizio. L'azienda vestirà 21.000 volontari, 12.000 tedofori, 702 atleti e accompagnatori, 250 dirigenti, 2.400 tecnici broadcasting, 100 le discipline che Asics veste con la propria tecnologia.