Agenzie

I trent'anni di Merlo: eventi, web e storytelling per progetti integrati dai risultati tangibili

L'estate 2016 ha vista l'agenzia impegnata in quattro tour nazionali, declinati su storytelling ideati ad hoc per far vivere al consumatore esperienze memorabili. In qualità di vincitrice del Bea 2015, inoltre, firmerà la creatività del Bea Festival 2016 (22 e 23 settembre), affiancando ADC Group nell'organizzazione.

Era il 1986 quando Aldo Merlo fondò un’attività specializzata in allestimenti e cartelli pubblicitari. Fu allora che ebbe origine Merlo Pubblicità snc. In breve tempo, decuplicò il fatturato e nacque vita a Merlo Sistemi srl. Da lì, il passo verso la costituzione di Merlo SpA fu celere. Obiettivo: diventare una vera e propria agenzia di eventi. Al traguardo dei suoi primi 30 anni, oggi Merlo è riconosciuta dal mercato e dal settore come un’agenzia di eventi e comunicazione integrata ad alto contenuto strategico e tecnologico.

“L’obiettivo? Declinare sempre di più la nostra esperienza in settori merceologici diversi e, allo stesso tempo, strutturare l’azienda con competenze e specializzazioni sempre più definite - spiega Giulio Merlo (FOTO), amministratore delegato -. Non a caso, la nostra squadra è cresciuta per affrontare le sfide di un mercato sempre più competitivo e che cambia rapidamente”.

Innovazione, creatività, ma anche una forte attenzione ai risultati degli eventi. Questi i pilastri intorno ai quali ruota la mission di Merlo e che le hanno consentito di salire sul gradino più alto del podio del Bea 2015
Grazie a questo successo l’agenzia firmerà la creatività e la produzione del Bea Festival 2016, in programma a Milano (Spazio Cavallerizze, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia) il 22 e 23 settembre.

“Ci impegniamo allo scopo di fornire alle aziende contenuti spendibili non solo in termini di comunicazione, ma anche a supporto delle strategie commerciali, portando risultati concreti e tangibili che possano misurare l’efficacia degli eventi al di là della loro spettacolarità, con l’obiettivo di creare un sistema di comunicazione che coinvolga non solo chi partecipa fisicamente agli eventi, ma anche tutti coloro che possono interagire con la comunicazione dell’evento attraverso i socialIl nostro posizionamento è fortemente basato sugli eventi come strumento di comunicazione ibrido, con le nuove espressioni del digital e viceversa. Vogliamo diventare un vero hub creativo che raccolga i migliori talenti dedicati agli eventi supportati da una solida esperienza organizzativa”.

 

Territorio e web

Il territorio è una fonte sempre più importante per sviluppare progetti di live communication allo scopo di avvicinare il brand al target. 

In un mercato saturo come quello di oggi, nel quale i prodotti sono sempre più simili e il consumatore sempre più evoluto e meno fedele alla marca, strategica si rivela la capacità di far vivere esperienze al target. Le emozioni, i luoghi dell’anima, quei territori, a volte familiari e a volte inesplorati, che vivono dentro di noi e che raccontano la nostra vera essenza sono lo storytelling di tutta la brand experience Mercedes-Benz 2016. 

Ogni evento nasce dal web, ha uno sviluppo sul territorio e torna sul web con l’obiettivo di far diventare ogni attività un contenuto da valorizzare in termini di comunicazione.

“Questa estate abbiamo portato avanti in contemporanea ben quattro tour nazionali, progetti che uniscono creatività, pensiero strategico, ma anche una grande capacità operativa e organizzativa”, precisa Merlo.

 

Merlo agenzia di eventi di Mercedes-Benz Italia

Il roadshow FirstHand ha percorso l’Italia con 15 tappe nelle principali piazze per portare al pubblico i vantaggi del programma di usato Mercedes-Benz, raccogliendo un grande successo sia in termini di comunicazione sia come risultati commerciali. Merlo, in qualità di agenzia di eventi partner di Mercedes-Benz Italia per tutto il 2016, ha ideato e realizzato il concept creativo e di comunicazione. 

La partecipazione alla rievocazione storica della Mille Miglia è stata caratterizzata dall’emozione dell’Orgoglio. Per l’arrivo a Roma, ispirata dalla parola Orgoglio, per Mercedes-Benz è stata realizzata un’area per i suoi 200 ospiti in Via Veneto con un racconto fotografico della Dolce Vita, un osservatorio per assistere agli arrivi e un cocktail dinner esclusivo.

 

smart The Movement

Con le stesse premesse nasce anche il concept strategico legato a smart

smart è un’idea. È l’idea di chi è ottimista, positivo inguaribile e sorridente cronico. The Movement è l’opportunità di far parte di un mondo popolato da individui fortemente definiti che si riconoscono da lontano: gli smartisti.

Classificabili tali anche senza - ancora - possedere una smart, gli smartisti sono portatori di valori sociali, altruisti, attenti alla natura, dimostrano una spiccata gioia di vivere e sono giovanili a prescindere dall’età. Fieri di appartenere a una tribù urbana che si muove in grande sintonia con la contemporaneità. E Merlo ha chiamato a raccolta quella tribù, creando The Movement.

The movement è il keymessage di tutta la brand experience smart. The movement dictionary, il nuovo linguaggio in linea con i valori smart composto da neologismi o parole desuete, è lo storytelling che dà coerenza e continuità alla comunicazione di tutti gli eventi.

E se è vero che oggi per creare un vero engagement con il target è necessario coinvolgerlo nella creazione dei contenuti in modo che diventi il primo ambasciatore dell’evento e del brand, ecco che sul sito smart-themovement.it si è andati a comporre un dizionario che si è arricchito grazie al contribuito degli utenti che potevano proporre il proprio neologismo ed entrare a far parte della community. Merlo ha ideato e realizzato il concept creativo e di comunicazione.

 

Tour smart 2016

Il tour smart 2016 vede l’unione di importanti eventi per garantire copertura nazionale.

Il primo è ‘Cabriosare’: a Roma, in Piazzale XII ottobre, la prima tappa del tour estivo della nuova smart cabrio.

'Cabriosare’ è un termine che nasce con la nuova smart cabrio. Lo smartista che sceglie di 'cabriosare’, è uno spirito libero che non ha paura di osare, che non teme le novità.

dare il benvenuto agli appassionati, smart forfun³, una smart extralarge che per l’occasione si è mostrata in un’inedita versione cabrio. Fino al 3 luglio, la nuova fortwo cabrio è stata protagonista di un tour che ha toccato dieci città italiane, portando la gioia di vivere tipica del marchio da Roma a Cuneo, passando per Napoli, Pescara, Treviso, Verona, Bologna,Milano, Genova e Latina.

Il secondo evento è Flashcolor smart: il marchio, da sempre vicino al mondo del running, è protagonista della corsa non competitiva The Color Run. Il tour ha preso il via da Torino sabato 30 aprile ed è approdato a Bari, per poi colorare le città di Trento, Reggio Emilia, Firenze, Genova, Venezia, Lignano, Rimini e Milano. Un vero e proprio fiume di colori attraverso l’Italia, in linea con i valori della piccola di Casa Mercedes.

La parola d’ordine per The Color Run è Flashcolor, che esprime l’amore degli smartisti per l’esplosione cromatica della Color Run e la loro voglia di vivere questa esperienza fuori dagli schemi. In ogni tappa, all’interno delle promo area, era possibile provare la gamma smart e la nuova fortwo cabrio anche in virtuale grazie alla tecnologia degli oculus.

All’interno del villaggio, un allestimento caratterizzato dall’arancione, il colore che identifica la community smart e una torre di 3 metri per l’esposizione della protagonista dell’evento, la nuova fortwo cabrio. I partecipanti sono stati coinvolti attraverso una meccanica di engagement all’insegna del divertimento e del ballo.

 

Tour Coldiretti

Infine, Merlo è anche on the road con Le Raegioni del Cuore. Tour Nazionale Coldiretti. Un tour che tocca 14 capoluoghi di Regione per parlare ai soci delle traiettorie di futuro dell’agricoltura, incontran-doli nel loro territorio allo scopo di mantenere e rafforzare il rapporto e il dialogo. La teatralità dell’evento è un punto focale dello storytelling, una storia sviluppata nell’arco di un intero giorno dall’alba al tramonto con un impianto scenico diviso in quattro momenti identificati da quattro concetti chiave per raccontare la Nuova Coldiretti.