Live entertainment

La terza edizione di Basement Cafè by Lavazza fa centro con la conduzione di Sofia Viscardi: oltre 200mila visualizzazioni per la puntata del debutto

Il programma si conferma cult campione di views e nuovo format culturale di riferimento per i giovani. Dall’ambiente urban e underground del rap, che nei primi quattro appuntamenti del format ha totalizzato più di 2,5milioni di views tra YouTube e Facebook, si passa ora ai sogni e alle ambizioni, proseguendo con la popolare youtuber e le riflessioni sul futuro.

“Siamo molto orgogliosi dell’esordio di Sofia Viscardi e di essere riusciti a portare ai giovani un contenuto che tratta temi rilevanti quali sessualità e privacy nell’era dei social media” – commenta David Fischer di Blue Joint Film che dal 2018 ha ideato e produce con Lavazza l’innovativo progetto -  “Nel corso di due stagioni Basement Cafè by Lavazza è diventato un format culturale di riferimento per il pubblico del web e un luogo di confronto e contanimazione tra due generazioni”.

Più di 200mila views in totale per la prima puntata condotta da Sofia Viscardi, online dalle 14 di giovedì 19 novembre sul canale YouTube Basement Cafè by Lavazza e Facebook, tante le interazioni sui social, più di centinaia i commenti – in aumento in queste ore – dove la discussione procede incessante dagli account tra zoomer e millennials.

La puntata di giovedì 19 novembre, per la prima volta tutta al femminile, si è sovrapposta con coincidenza alla cronaca attuale: tra i temi trattati si è discusso di revenge porn, condivisione non consensuale di materiale personale e pratiche educative in fatto di sessualità. 

Le ospiti nel salotto di Sofia erano la nota influencer Camihawke, digital content creator italiana all’anagrafe Camilla Boniardi, e Silvia Semenzin, ricercatrice di sociologia digitale ed esperta in diseguaglianze e tecnologia (nonché promotrice di #intimitàviolata, la campagna che ha portato alla legge contro il revenge porn), che si sono interrogate sui limiti e le potenzialità dei nuovi media in fatto di espressione sessuale e sul futuro delle relazioni online.

La terza stagione, in linea con le precedenti, si è aperta con alcuni dei massimi esponenti della scena rap italiana: le coppie Massimo Pericolo e Tedua, Emis Killa e Lazza hanno dialogato con il padrone di casa Antonio Dikele Distefano, anche autore del programma. Dall’ambiente urban e underground del rap, che nelle prime quattro puntate ha totalizzato più di 2,5milioni di views tra YouTube e Facebook, si passa ai sogni e alle ambizioni, proseguendo con Sofia Viscardi le riflessioni sul futuro.

La terza stagione di Basement Cafè proseguirà quindi con la guida di Sofia Viscardi, la prossima coppia è Achille Lauro e Francesca Barra (26/11), ai quali è stato chiesto quali significati assumano oggi i concetti di notiziabilità e moralità. La politica vista da una prospettiva insolita è, invece, al centro dell’incontro tra Gad Lerner e Myss Keta (3/12); mentre il tema delle arti visive quali forme di pensiero libero e liberatorio è protagonista del dialogo tra lo street artist napoletano Jorit e la giornalista e scrittrice Michela Murgia (10/12). Nell’ultima puntata, dal confronto generazionale tra l’astronauta Paolo Nespoli e la giovane cantante Francesca Michielin (17/12) nasce un momento di riflessione sull’importanza del rispetto per l’ambiente per un futuro migliore. Tra queste, spazio anche alla puntata speciale con l’autore Antonio Dikele Distefano e i grandi protagonisti degli e-sports Alessandro Avallone, in arte Stermy, e Giorgio Calandrelli, in arte Pow3r (28/11).