Evento non profit

All’Asta i Gobi di WePlanet per l’ambiente, la ricerca medica e la sanità. La Charity Auction delle opere per un futuro sostenibile si è svolta presso il Milano Convention Center in Fiera Milano

La serata di beneficienza, realizzata in collaborazione con Fondazione Fiera Milano, e BNL -BNP PARIBAS – Private banking, ha visto concludersi il grande progetto dei Globi d’Artista che dal 27 agosto per oltre due mesi sono stati esposti nelle vie, piazze, parchi di Milano. Una mostra d’arte open air, 'WePlanet -100 globi per un futuro sostenibile', patrocinata da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero dell’Ambiente e da altre importanti istituzioni locali e nazionali, organizzata in collaborazione con i brand del Gruppo Mondadori.

Si è svolta ieri, presso Milano Convention Center in Fiera Milano, in collaborazione con Sotheby’s la Charity Auction delle opere WePlanet per un futuro sostenibile.

Tra i beneficiari: ForestaMi, in particolare l'Associazione Parco Segantini Onlus, l'Ospedale Niguarda, la Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca scientifica d'eccellenza contro i tumori, e la Fondazione Progetto Arca Onlus che opera a sostegno dei poveri per l’assistenza e l’integrazione.

L’ Associazione WePlanet si adopererà per raccogliere ulteriori fondi attraverso le opere che non sono state battute all’Asta, confermando il suo impegno per la sostenibilità non solo dell’ambiente, ma anche della socialità e dell’integrazione, della difesa della vita. Per informazioni è possibile visitare il sito www.weplanet.it alla pagina ‘Asta Di Beneficienza’.

WePlanet esprime un grande ringraziamento a Sotheby’s, in particolare nella persona dell’Amministratore Delegato Filippo Lotti e della sua collaboratrice Maria Pia Balestrini ed a Susanna Messaggio che ha presentato l’evento conclusosi molto positivamente.

La serata di beneficienza, realizzata in collaborazione con Fondazione Fiera Milano, e BNL  -BNP PARIBAS – Private banking, ha visto concludersi il grande progetto dei Globi d’Artista che dal 27 agosto per oltre due mesi sono stati esposti nelle vie, piazze, parchi di Milano. Una mostra d’arte open air,  'WePlanet -100 globi per un futuro sostenibile',  patrocinata da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero dell’Ambiente e da altre importanti istituzioni locali e nazionali, organizzata in collaborazione con i brand del Gruppo Mondadori.

Le grandi sfere, in plastica riciclata, sono state elaborate artisticamente secondo diversi temi da giovani artisti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera,  e da artisti e designer famosi che hanno interpretato tematiche e valori della sostenibilità utilizzando come tela il grande supporto sferico. Diversi i nomi noti che si sono resi disponibili in ambito arte e design: fra questi il designer Giulio Cappellini e Antonio Facco che firmano l’installazione “Milano è bella” dedicata alla città, e Michele De Lucchi, coautore di “Pangea Mondo Cucito”, globo ispirato alla teoria della tettonica a placche realizzato in collaborazione con i ragazzi della onlus Semprevivi.

Durante i preparativi, Weplanet ha ospitato i globi nel Laboratorio allestito nell'ex dopolavoro ferroviario della Stazione Centrale di Milano messo a disposizione da Grandi Stazioni Retail. Gruppo Boero ha fornito smalti ad acqua eco-compatibili.

Grazie all’impiego della realtà aumentata, la mostra si è trasformata in  un percorso interattivo capace di raccontare la singola opera e l’insieme del progetto per consentire al pubblico di conoscere l’artista che li ha interpretati, il mecenate che ha adottato la singola opera e la sua visione di sostenibilità, ma anche di visualizzare la mappa completa dei globi esposti e di potersi interfacciare con i canali tematici dedicati del Comune di Milano.

Il progetto ha portato a Milano un messaggio universale di rinnovata vita e difesa del nostro pianeta. Cento globi, ciascuno messaggero delle più stringenti e significative tematiche ed obiettivi di sviluppo sostenibile dettati dall’ Agenda Onu 2030: dall’ambiente urbano alla vita sulla terra e sott’acqua; dalla migrazioni dei popoli all’energia pulita e accessibile; dalla fame zero all’economia circolare, dalla ricerca e la scienza alla salute dell’umanità.

Il viaggio in questo universo creativo e visionario ha coinvolto le più differenti anime della società civile di Milano, oltre che il mondo produttivo delle aziende, sempre più attente e sensibili ai valori della sostenibilità.