Evento non profit

L'8 marzo oltre 700 km di tavola virtuale uniranno gli ospiti della cena di gala benefica di Gomitolorosa. Special guest Filippo La Mantia e Cristiana Capotondi

Un'iniziativa a sostegno delle attività di lanaterapia in dieci ospedali italiani durante la quale 100 ospiti di Biella, Torino, Milano e Roma potranno gustare la grande cucina d’autore comodamente a casa e compiere allo stesso tempo un gesto di solidarietà.

La sera dell’8 marzo Gomitolorosa organizza Gala in Rosa100 ospiti  di Biella, Torino, Milano e Roma potranno gustare la grande cucina d’autore comodamente a casa e compiere allo stesso tempo un gesto di solidarietà.

Ognuno riceverà al proprio domicilio le tre portate cucinate dai migliori ristoranti della città:
Gli ospiti di Milano riceveranno le pietanze preparate da Chef Filippo La Mantia; 
Quelli di Biella, dal ristorante Regallo  (https://www.ristoranteregallo.com/);
Quelli di Roma, del ristorante il Convivio Troiani (https://www.ilconviviotroiani.it/)
Quelli di Torino, infine, da Gastronomia Barbero (https://www.gastronomiabarbero.it/home).

Insieme ai piatti anche delle GIFT BOX, originali scatole regalo, ricche di bevande e accessori donati da importanti aziende italiane sensibili alla causa, che renderanno l’esperienza della cena ancora più gradevole.

L’iniziativa benefica è promossa da Gomitolorosa, l’associazione no profit che promuove il lavoro a maglia negli ospedali come strumento per ridurre l’ansia in pazienti, soprattutto oncologici, utilizzando gomitoli prodotti con lana italiana in sovrapproduzione.  La onlus è stata fondata nel 2012 dal dottor Alberto Costa, oncologo senologo riconosciuto a livello internazionale per il suo contributo all'avanzamento della cura dei tumori al seno.

L’obiettivo della serata è quello di raccogliere fondi da destinare alla realizzazione di  kit individuali  con cui le pazienti oncologiche potranno lavorare a maglia, nelle sale d’attesa nei dieci ospedali dove Gomitolorosa è presente con il progetto di LANATERAPIA, per agevolare il recupero del benessere psico-fisico di pazienti e familiari, grazie al potere terapeutico del lavoro a maglia.  Con il KIT PERSONALE, le pazienti eviteranno il passaggio di strumenti e materiali, potendo così intraprendere il loro percorso benessere in sicurezza.

Proprio come in una cena di gala che si rispetti, nulla sarà lasciato al caso: dal dress code che richiederà di indossare la spilla di lana rosa, anche agli uomini, realizzata dalle volontarie Gomitolorosa, ad una curata mise en place con tessuti F.lli Graziano a Mongrando, posate Neva Posateria Creativa, piatti Weissestal, passando per i bicchieri del beverage e il brindisi d’avvio griffati Tescoma, VDE Tivoli 1946 e Zafferano.

Un brindisi davvero speciale questo perché avremo il piacere di condividerlo con la bellissima Cristiana Capotondi, una delle prime amiche del Gomitolorosa, appassionata di maglia e sostenitrice del potere terapeutico che ne deriva, il primo volto che ha posato con il nostro caldo gomitolo rosa per la nascita del progetto IL FILO CHE UNISCE, grazie all’allora Presidente Cinzia Sasso che oggi ci sostiene nel Comitato d’Onore.

Per quanto riguarda la cena, non mancheranno nomi noti del panorama della cucina italiana, tra questi Chef Filippo La Mantia che interverrà durante la serata per dare consigli sul mangiare bene e altre curiosità sul cibo. Le portate saranno accompagnate dal prosecco e dallo spumante rosè Cantine Maschio, dal vino Pecorino delle Cantine Casalbordino e dall’acqua più buona d’Europa, Lauretana. Per chi non dovesse amare il vino, nella Gift Box si troverà anche una buonissima birra Menabrea con una speciale sleeve di gomitoli.

Utili gli accessori della Gift Box, come il tappo champagne Petrini, la candela profumata della cereria Pernici che riscalderà l’atmosfera e, visto che lavarsi le mani non è più solo una buona abitudine, ma una raccomandazione, si potranno usare profumatissimi saponi L’Erbolario Lodi.

All’insegna del rosa è anche la proposta dei dessert creati con maestria e amore da tutti gli chef e cuochi coinvolti nelle 4 città e mentre li degusteremo potremo saperne di più sulle rose, grazie al racconto della bella cartolina ricordo donata da Nicla Edizioni.

Le GIft Box verranno consegnate dal vettore ufficiale del Gala in Rosa BRT Corriere Espresso non appena arriveranno le adesioni all’iniziativa, mentre la Dinner Box con tre portate cucinate dai migliori ristoranti di Biella, Milano, Roma, Torino, verrà consegnata con amore e cura la sera dell’8 marzo direttamente da COSAPORTO, il tuo delivery di qualità.