UPDATE:
Tornano le Arena Opera Festival Experience, emozioni esclusive per le aziende. Il progetto, esclusiva di Fondazione Arena, è realizzato in collaborazione con il Gruppo Noahlity“Portiamo la Street Art nello spazio”: Star Bottle lancia un museo virtuale nel Deep SpaceSigep World approda a Singapore. Al via la prima edizione di Sigep Asia. Presenti oltre 300 Brand del Food&Beverage da 31 PaesiIPG Mediabrands. UEFA EURO 2024. Per Italia - Spagna 12,3 mln di spettatori e share del 57,9%. Di Rocco (UM Italy): “Un pubblico importante incollato alla tv. Un'audience eterogenea e rilevante, una grande opportunità per aziende e brand"Chi “Al Chiaro di Luna”: l’esclusivo summer party di “Chi” illumina quest’anno il Palace Hotel di Milano Marittima che firma l’allestimento insieme all’agenzia Left&RightRadio Norba Cornetto Battiti Live: per il quarto anno consecutivo Cornetto Algida è al fianco del festival musicale più atteso dell’estateFrancesco Poletti (Publicis Italy/Le Pub): "Cannes Lions 2024 conferma che la creatività che arriva all’audience si distingue per innovazione, impatto ed efficacia"illycaffè presenta “6 minuti per farla innamorare", il cortometraggio che celebra il caffè come gesto d’amorePeroni Nastro Azzurro torna a essere protagonista dell’estate italiana con Stile Capri Wave on Tour. Roadshow a cura di TrampCannes Lions 2024. Con 2 bronzi a Small NY/Indiana per Coordown (Film) e a Michele Mari per Amnesty International (Sustainable Development Goals) il medagliere italiano tocca quota 26 Leoni, 21 dei quali targati LePub Milan
Evento non profit

"Passa al lato luminoso!", dopo la campagna creativa debutta la mostra fotografica al Museo della Luce

Egle Videikaite, direttrice del museo "Siamo riusciti ad attirare l’attenzione sul problema della violenza verbale sui muri delle nostre strade e nei cui confronti, però, rischiamo tutti di assuefarci".

Al via la mostra fotografica Passa al lato luminoso! dedicata all’omonima campagna creativa che ha coinvolto i cittadini della Capitale: i visitatori potranno ammirare gli scatti dei dodici più significativi interventi che hanno convertito - in messaggi di speranza, spensieratezza ed educazione - le espressioni di disprezzo, intolleranza e odio che deturpavano diversi muri della città.

In pratica, artisti e volontari - applicando lettere adesive rimovibili e fosforescenti - hanno modificato il testo di tag, graffiti e slogan offensivi e, soprattutto, il loro significato: a tal fine, hanno combinato l’esigenza di intervenire su scritte oltraggiose, talvolta a carattere politico o sociale, con la capacità di adottare un tono genuinamente positivo e mai di giudicante contrapposizione.

La mostra, ad ingresso gratuito, è visitabile in via San Marco 9 a Roma (a 100 metri da Piazza Venezia e adiacente al Museo della Luce che ha ideato e promosso la campagna): sarà aperta tutti i giorni, da venerdì 17 a domenica 26 maggio dalle ore 12:00 alle ore 18:00. Le immagini esposte in formato 1m x 1m, stampate su pannelli di alluminio, saranno corredate da brevi descrizioni che ne spiegheranno anche il processo di realizzazione dietro le quinte.

"Siamo davvero soddisfatti della nostra campagna e per almeno tre motivi - spiega Egle Videikaite, direttrice del Museo della Luce - Innanzitutto perché siamo riusciti ad attirare l’attenzione sul problema della violenza verbale sui muri delle nostre strade e nei cui confronti, però, rischiamo tutti di assuefarci. Poi, per il favore con cui i cittadini di Roma hanno accolto la nostra iniziativa, che hanno sostenuto con le proprie segnalazioni mediante un’apposita pagina web. Infine, perché - come Museo - questo progetto ci ha consentito una partecipazione attiva alla vita della città che ci ospita. In quest’ottica, la realizzazione della mostra non è solo un’azione per amplificare i risultati della campagna ma anche un riconoscimento a tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno contribuito al suo successo”. 

Passa al lato luminoso! è un progetto ideato e promosso dal Museo della Luce: la struttura si trova in Via d'Aracoeli 6, all’interno dello storico Palazzo La casa del Gesù e occupa una superficie di 1.000 m2.  Nei suoi spazi, l’arte della luce e l’ottica si combinano con alcune scoperte che hanno cambiato il mondo che - anche grazie all’interattività dell’intrattenimento proposto - garantiscono un’esperienza coinvolgente e altamente educativa: la bellezza e il potere della luce incuriosiscono e avvincono quotidianamente visitatori d’ogni tipo ed età.

Il Museo della Luce di Roma fa parte del network internazionale Museum of Illusions che ha sede principale a Vilnius in Lituania e spazi espositivi anche in Polonia, Bulgaria, Italia e Spagna