Evento pubblico

K Events firma tre grandi eventi a Venezia

In attesa del lancio di Fiat 500, K-events produce uno straordinario triplo evento a Venezia nel segno della cultura. Direzione creativa di Robert Carsen e costumi di Dries Van Noten. Project leader, Alex Corrias.

Mentre cresce l’attesa per il grande evento di lancio di Fiat 500, che si svolgerà domani a Torino con la regia e direzione creativa di Marco Balich, K-events (Gruppo FilmMaster) ottiene un altro grande successo con una serie di eventi che si sono svolti a Venezia nei giorni scorsi.

Gli eventi prodotti dalla K-events per Palazzo Fortuny si basavano sul concept “Arte Tempo – where time becomes art” che indaga il rapporto tra l’arte, il tempo e il loro mostrarsi attraverso secoli, luoghi e linguaggi espressivi diversi. Una singolare indagine dal doppio volto: da un lato sul tema del tempo e di come esso formi e trasfiguri l’arte, dall’altro su come il linguaggio dell’arte sia necessariamente universale e quindi senza tempo. Gli eventi, nascono da una collaborazione tra la Città di Venezia, i Musei Civici Veneziani e Axel Vervoordt con lo scopo di raccogliere fondi per il restauro del Palazzo Fortuny.
La direzione creativa era affidata al grande regista teatrale Robert Carsen, mentre il Project leader era Alex Corrias.
Palazzo Ducale 2 copia.JPG
Il primo evento, Contemporary Doge, tenutosi lo scorso 29 giugno a Palazzo Ducale di Venezia, ruotava intorno a una Cena di di Gala per 500 invitati: VIP internazionali e veneziani, autorità, artisti e musicisti. L’evento iniziava con una visita privata al Palazzo, seguita da un cocktail nella Loggia ed una cena nella Corte. La cena è stata servita da 250 camerieri che indossavano costumi disegnati dallo stilista Dries Van Noten. Ogni portata prevedeva una coreografia su musiche di Monteverdi, eseguite da un ensamble di fiati.
Il menu si basava su una rivisitazione contemporanea della cucina rinascimentale. Tutti i piatti, bicchieri, candelieri, sottopiatti erano stati prodotti appositamente per l’evento e ispirati alle misure e forme rinascimentali.
Palazzo Ducale 4 copia.JPG
Il secondo, White Over the Top, che si è tenuto il 30 giugno presso i Magazini del Sale di Venezia. consisteva in una Cena “Bianca” e Festa nei Magazzini del Sale sotto la luna piena. L’allestimento era basato anche in questo caso sul contrasto tra antico e moderno; fra la dimensione “grezza” dei magazzini ed un allestimento modernissimo, incentrato tutto sul bianco e su giochi di luce (in particolare, spiccavano le luci incassate in grandi cristalli di sale o all’interno di mucchi di sale). Anche per gli ospiti il bianco era il dress code.
Magazzni 1 copia.JPG
Sulle mura erano appesi grandi tele costruite artigianalmente, su cui venivano proiettati i contributi video del video artista Kurt Raskle (famoso artista contemporaneo di New York, che ha esposto le proprie opere al Moma ed al Guggenheim). Il menù era incentrato anch’esso sul tema del bianco. La serata è proseguita sulle note dei Dj che suonavano un mix di musica dance e suoni “spirituali”.
Magazzni 3 copia.JPG
Infine, il terzo evento, il Mercato Veneziano, svoltosi domenica 1 luglio alle Pescherie di Venezia consisteva in un Brunch conclusivo con l’allestimento che ricreava l’antico mercato veneziano, dove tra banchi di frutta e verdure venivano fatti gli ordini d’acquisto per gli oggetti prodotti per l’evento, il cui ricavato verrà devoluto per il restauro del Palazzo Fortuny.
Pescherie 6 copia.JPG
Le tavole erano allestite con centrotavola di frutta e verdura e vasetti contenenti pittura acrilica di diversi colori e pennelli di diverse dimensioni. Tutti i tavoli avevano segnaposti di carta su cui gli ospiti si sono divertirti a dipingere.
Pescherie3 copia.JPG
Durante il brunch, gruppi di suonatori veneziani di strada si esibivano tra gli ospiti eseguendo antiche canzoni popolari. Il catering era servito, seguendo un antico costume rinascimentale, in piatti decorati di pane secco.
Pescherie 4-1 copia.JPG
Il Team che ha realizzato gli eventi è composto da: Project leader - Alex Corrias, Direzione Creativa - Robert Carsen, Regia - Dario Cioni, Scenografia - Luana Raso, Costumi - Dries Van Noten, Producer - Sigrid Mangilli, Direttore di Produzione - Fabio Andreini.