UPDATE:
Linkontro. Le Insegne della GDO nel tempo dell'incertezza. Pugliese (Conad): "I budget restano invariati ma cambia il tono della comunicazione per far sentire la vicinanza ai consumatori. Campagna di lancio per Nasce TuDay, nuova insegna di prossimità"Linkontro. Le Insegne della GDO nel tempo dell'incertezza. Pedroni (Coop): "Investimenti pubblicitari in aumento e una nuova campagna con al centro il nostro prodotto a marchio per supportare il potere d'acquisto dei clienti"Sbarca sulla terra Zaira, la meta influencer di Buzzoole per avvicinare la Gen Z ai brandLinkontro. Le aziende nel tempo dell'incertezza. D'Este (Ferrero): "Nessun taglio ai budget media, ma investimenti ai livelli di leadership di mercato. Comunicazione e rapporto con i consumatori fanno guardare al futuro con positività"NielsenIQ. In uno scenario marcato da pandemia, guerra e inflazione, peggiora il potere di acquisto: in soli tre mesi le famiglie fragili passano dal 10% al 17%. Il 96% degli italiani rivedrà le priorità di spesa. Il discount vale il 20% del mercatoIl Festival della Comunicazione torna in presenza e dà appuntamento a settembre a Camogli con l'edizione più ricca di sempreClean Up Your Bike dà il via allo Sport Tour 2022 di NuncasNielsen Linkontro 2022: Vecchioni (diversitylab.it): “Le aziende devono credere nella diversità, posizionarsi su questo tema, farlo proprio e diffonderlo, altrimenti perderanno un'importante occasione di unione con i propri consumatori”Al via Torino Digital Days 2022: oltre 60 eventi gratuiti e aperti al pubblico per la terza edizione realizzata da Tandù, Bonobo Events e HoverstateUna strategia più internazionale e integrata in tema di contenuti, media e comunicazione: nasce su queste basi la ‘Nuova Vivendi’
Integrated

Mulino Bianco lancia la 'Collection 2022' con la nuova Mattutina e la creatività di Publicis Italia. Oltre 50 prodotti coinvolti

Debutta la nuova raccolta punti 2022 per una sfida in famiglia che durerà da gennaio a giugno. Tre i premi da collezionare per raccontare tutti i modi di fare colazione.

Una tendenza che da oltre 40 anni appassiona gli italiani. Una vera e propria tradizione, cresciuta e diversificatasi nel tempo, di pari passo con stili di vita e abitudini alimentari.
È collection mania, la passione degli italiani per le raccolte punti, alimentata in primis dalla creatività di un brand come Mulino Bianco, che da gennaio a giugno lancia la nuova Collection Mulino Bianco 2022 dedicata a biscotti, merende, fette
biscottate per un totale di quasi 50 prodotti coinvolti. In palio 3 premi esclusivi: la riproduzione fedele del Coccio del 1978 (con 20 punti), la Biscotazza (con 40 punti) e la novità Mattutina (con 60 punti). La creatività del progetto è di Publicis Italia, che ha realizzato anche uno spot.

La nuova Collection arriva dopo il successo dell’edizione 2020-2021 che ha visto partecipare alla raccolta punti oltre 1 milione di famiglie italiane. Un dato significativo che evidenzia sia la forte fidelizzazione dei nostri connazionali verso il brand Mulino Bianco (oltre 300mila, negli anni, i premi distribuiti nelle case degli italiani) che il radicamento della cultura delle raccolte punti.

 

COCCIO, BISCOTAZZA E MATTUTINA: 3 GIFT CHE INCARNANO LE ANIME DELLA COLAZIONE ALL’ITALIANA

Quella delle collezioni è una vera e propria tradizione italiana il cui simbolo è il “Coccio”, ispirato alle tazze contadine di inizio secolo e al rito del pane nel latte. Un oggetto che nel 1978 Mulino Bianco associa alla sua prima raccolta punti e che arriva nelle case di ben 6 milioni di famiglie, capostipite di una lunga serie di regali e oggetti cult da collezione. Oggi questa riproduzione fedele è un tuffo nei ricordi di Baby Boomers e Generazione X.

La Biscotazza è, invece, una moderna mug in acciaio inox, termica, a chiusura stagna, con un coperchio apri e chiudi sul fondo che può ospitare la giusta quantità di biscotti per la colazione. Un oggetto che strizza l’occhio soprattutto a Millennials e Generazione Z per una colazione fuori casa comoda e personale.

La Mattutina, infine, è sia una caffettiera che uno scalda-bevande e si ispira allo storico Bricco del Mulino degli anni 80-90, rinnovata nel design e nella multifunzionalità. Un simbolo di tradizione e modernità a colazione che si appresta a diventare l’oggetto cult di questa nuova raccolta punti.

“Mulino Bianco ha da sempre rivestito un ruolo da protagonista nelle abitudini alimentari degli italiani e sente forte la responsabilità di dover offrire prodotti buoni sotti tutti i punti di vista – afferma Julia Schwoerer, Responsabile Marketing Mulino Bianco. Lo facciamo attraverso il miglioramento continuo delle nostre ricette, un’attenzione costante alla qualità e alla sostenibilità delle nostre filiere ed anche dialogando con le persone attraverso ogni mezzo, compresa la community “Nel Mulino che Vorrei”. L’interesse che osserviamo ogni anno per oggetti da collezione come Mattutina, Coccio e Biscotazza ci dice molto del legame stretto e profondo che gli italiani hanno con Mulino Bianco. Una sintonia con le persone che ci contraddistingue da oltre 45 anni”.

RACCOLTE PUNTI IN ITALIA: UN PO’ DI STORIA…
In Italia il fenomeno parte da lontano, nel 1872, per volere del barone Von Liebig, che utilizzò una raccolta punti per promuovere il suo estratto di carne.
Negli anni tra il 1935 e il 1937 fece scuola, invece, la raccolta punti Buitoni-Perugina, che trasformò in un fenomeno di costume le sue 100 figurine con i personaggi (il più celebre e introvabile fu il Feroce Saladino) di una trasmissione radiofonica satirica che era una parodia dei 3 moschettieri. Pensate che alla fine del triennio vennero vinte ben 25 Topolino: per quei tempi un premio davvero da sogno.
Passando per la raccolta Ava di Mira Lanza (1954) – altra pietra miliare di questa storia, con la sua Olandesina volante – si arriva a quell’incredibile successo dei tempi moderni che è, nel 1978, la raccolta punti del “Coccio” Mulino Bianco. Segna l’inizio di un vero e proprio fenomeno che ha portato nelle dispense degli italiani oggetti cult che ancora oggi sono disponibili nei siti e-commerce, per gli amanti della tradizione e per gli appassionati della marca.


LA STAGIONE D’ORO DELLE COLLECTION MULINO BIANCO
L’era d’oro delle raccolte punti legate alla prima colazione è inaugurata da Mulino Bianco nel 1978 e prosegue per quasi 20 anni durante i quali il brand del Gruppo Barilla ha promosso 16 Collection (dal 1978 al 1996) mettendo in palio 108 premi, indirizzando la passione degli italiani verso il fenomeno delle raccolte punti.
Basti pensare che dal 1978 al 1986 oltre 20 milioni di italiani hanno collezionato 600 milioni di “spighe” e “covoni” per il Coccio del Mulino (in 8 versioni).

Ma sono tantissimi gli oggetti promozionali che hanno fatto la storia delle raccolte punti Mulino Bianco, rappresentando veri e propri simboli di quei tempi.

Dal 1978 al 1985 i premi oggetto delle raccolte punti sono soprattutto legati alla colazione e alla casa: dal Bricco del Mulino alla zuccheriera, ai coccini fino a ricettari sul pane. Nel 1984 poi, il tema delle rondini, legato alla natura, entra a far parte dei servizi da pranzo e colazione di Mulino Bianco.

Non solo utensili da cucina per la colazione: è il 1985 quando la Collection di quell’anno si arricchisce di oggetti per la scuola del “Mugnaio Bianco”: astuccio e zaino, fino alla cintura portamonete. Due anni dopo arrivano la pianola tascabile, la radiocuffia e il mangiacassette, allora veri e propri oggetti cult, mentre nel 1988 ecco in premio la radio e la torcia magica.

Walkie talkie, marsupio e binocolo saranno i premi della raccolta punti del 1991 a cui faranno seguito negli anni successivi la caffettiera con Bricco del 1992, il fornetto scalda brioche, il geo watch, la macchina fotografica impermeabile, le automobiline radiocomandate, la cappuccina, fino al karaoke system e all’agenda game con cui si chiude la stagione d’oro delle raccolte Mulino Bianco. Una tradizione costante nel tempo, andata avanti negli anni fino ad arrivare ai giorni nostri.

Ancora oggi è possibile ritrovare sul sito dell’Archivio storico del Gruppo Barilla
(www.archiviostoricobarilla.com) molti di questi oggetti che hanno segnato i ricordi di intere generazioni.


LE SORPRESINE MULINO BIANCO, OGGETTO DA COLLEZIONE 

Parlando di Mulino Bianco non si possono non citare le Sorpresine degli anni Ottanta e Novanta, destinate anche ai più piccini, da portare con sé per giocarci con gli amici, scambiarle e, soprattutto, collezionarle.
A partire dalla prima, 'Carta Vince, Carta Perde', ne vengono ideate 650 differenti tipologie. I primi anni c'è la scatolina, simile a quelle dei fiammiferi di legno, che contiene la sorpresa e un piccolo foglietto guida con il nome dell'oggetto e le istruzioni per giocare, il plus dell'intera iniziativa.

Il successo è tale che per celebrare le “scatoline di fiammiferi” di allora, nel 2010 Mulino Bianco le ripropone in versione digitale con il Catalogo Multimediale – un catalogo personalizzato e con le App per smartphone dove si può giocare con tre storici giochi (il Gioco delle Coppie; il Quadrato Magico; le Biglie Incappucciate).

Negli anni il dialogo con il consumatore si fa poi sempre più digitale con la nascita, nel 2009, della piattaforma web Nelmulinochevorrei.it. Nell’era della condivisione della conoscenza, i nuovi progetti di Mulino Bianco nascono anche attraverso il confronto e lo scambio continuo con una community di oltre 250mila partecipanti attivi che dialogano con la marca proponendo e commentando ogni giorno migliaia di idee su nuovi prodotti e attività per costruire insieme il Mulino del domani.

Creative Agency: Publicis Italy
CCO Publicis Italy: Cristiana Boccassini
Creative Director/Art: Luca Boncompagni
Creative Director/Copy: Diego Tardani
Creative Supervisor/Copy: Rosario Floridia
Creative Supervisor/Art Director: Giuseppe Vescovi
Strategy Director: Ornella Ciot
Account Director: Matilde Dettin
Account Executive: Federica Mileti
Production Company: BRW
Music production: Sizzer



Per maggiori informazioni: https://www.mulinobianco.it/promozioni/raccolta-punti-colazione