Mercato

Nasce VML Italy. Unisce brand & customer experience e commerce per creare e far crescere marchi connessi. Maggini: "Obiettivo 2024 performare come nel 2023 e meglio del mercato. Focus sui premi locali. Un appello: stop al dumping, più valore alle agenzie"

"Siamo la più grande agenzia italiana e una GLOBAL POWER HOUSE" ha dichiarato in conferenza stampa a Milano il Group Ceo Simona Maggini (nella foto), che insieme al Ceo Giuseppe Salinari guida la sigla di 300 talenti e 50 clienti nata dalla fusione a livello globale di Wunderman Thompson e VMLY&R. La company vuole creare brand connessi con i propri consumatori e sintonizzati sulle loro esigenze reali con un'offerta che comprende creatività, strategia, commerce, consulenza, CRM, CX, dati, produzione, tecnologia e la specializzazione nel mondo del pharma con VML Health. La manager ha lanciato un appello al mercato stigmatizzando "le politiche di dumping e la negoziazione estrema' che caratterizzano l'attuale contesto e invita le aziende a riconoscere più valore e la giusta remunerazione alle agenzie che offrono servizi di qualità.

Presentata in conferenza stampa al WPP Campus di Milano VML Italy, la #1 creative company della holding operativa da gennaio 2024, nata a seguito della fusione a livello globale di Wunderman Thompson e VMLY&R, annunciata a ottobre 2023, con l’obiettivo di unire brand experience (che era asset centrale nella proposition di VMLY&R), customer experience (che ha distinto insieme alla tecnologia l'offerta di WT), che si incrociano nel commerce, l'approccio al funnel di marketing  mirato alla conversion (retail e instore activation, ecommerce, shopper mktg). Con l'obiettivo di creare connected brands e guidarne la crescita.

Logo VML Italy

VML Italy è parte del network internazionale di VML, la più grande agenzia creativa a livello globale, che mira a supportare i clienti nella strategia di crescita creativa del brand e in tutte le loro iniziative di trasformazione, attraverso una profonda competenza in materia di dati, tecnologie di marketing e piattaforme.

La scelta da parte del gruppo WPP di unire due sigle del gruppo per creare la nuova company, spiega Maggini, non risponde a livello locale a politiche di saving ma a una logica di semplificazione  e di 'creazione di 'ordine' dopo una fase di crescita della holding per acquisizioni guidata dal Ceo Mark Read. La nascita dell'agenzia, inoltre, aggiunge la manager, intende dare al mercato un nuovo soggetto e la scelta di 'VML' e non di altri brand storici è legata all'intento di puntare su un approccio contemporaneo che tuttavia porta con sè l'heritage di altre sigle del Gruppo da cui provengono molti professionisti della nuova struttura. In risposta a una domanda della stampa sul tema, la manager ha affermato che non esistono conflittualità nella gestione di clienti dello stesso settore grazie a precise policy in tema di riservatezza applicate nell'allocazione dei team di lavoro. 
 

 

IL LEADERSHIP TEAM

Leadership  VML Italy

In Italia, l’agenzia è guidata da Simona Maggini, che ricopre anche il ruolo di Country Manager di WPP in Italia, in qualità di Group CEO, e da Giuseppe Salinari, che assume la carica di CEO. Paola Perrelli mantiene l’incarico di CFO e Francesco Lucchetta quella di Chief Strategy Officer. Luca Boncompagni e Diego Tardani sono confermati Chief Creative Officer dell’agenzia,  l’assetto della leadership creativa è in fase di completamento e verrà annunciato a breve. Chief Transformation Officer di VML Italy è Marco Bandini, mentre Chief People Officer è Isabella BoioliMatteo Bellisario è Head of Growth della nuova agenzia. Per quanto riguarda VML Health, la managing director Italy è Teresa Biondino.

 

IL POSIZIONAMENTO: LA PIU' GRANDE AGENZIA ITALIANA E UNA GLOBAL POWER HOUSE CON AL CENTRO LE PERSONE. MISSION: COSTRUIRE E FAR CRESCERE BRAND CHE CREINO VALORE EMOTIVO E FUNZIONALE

VML Italia è stata definita da Maggini e Salinari la più grande agenzia italiana e una Global Power House, potendo contare contare su oltre 300 talenti in due sedi, a Milano e Roma, che gestiscono una cinquantina di clienti, e a livello internazionale su un network costituito da più di 30,000 talenti, dislocati in oltre 150 uffici in più di 60 mercati, ognuno dei quali contribuisce a dare forma a una cultura che valorizza la connessione, l'appartenenza e il potere delle differenze.  Curiosità, il logo ridisegnato con il simbolo dello snowflake, legato a Kansas City e al clima nevoso del Paese che ospita l'headquarter della company. 

“Siamo entusiasti di dare ufficialmente il via alla nuova avventura di VML Italy, con cui vogliamo contribuire con un approccio flessibile e collaborativo a creare brand connessi con i propri consumatori e sintonizzati sulle loro esigenze reali” ha dichiarato Simona Maggini, Group CEO di VML Italy. “Con la fusione di VMLY&R e Wunderman Thompson abbiamo forgiato un nuovo percorso come partner di crescita dei nostri clienti: la creatività incontra la tecnologia e accende l'ispirazione, anche grazie a un team internazionale e a un bacino di eccellenza a cui solo un’agenzia creativa di queste dimensioni a livello globale può attingere”.

“Il cuore pulsante di VML Italy sono le persone, professionisti che valorizziamo nelle loro passioni e competenze” ha sottolineato Giuseppe Salinari, CEO di VML Italy. “La sinergia di skill approfondite e diversificate e l’importante background di VML, frutto della lunga storia delle agenzie dalle quali nasce, fa da solida base a uno sguardo rivolto al futuro, proiettato verso le nuove tendenze che influenzeranno i consumatori di domani. Il nostro obiettivo è quello di costruire brand che creino valore emotivo e funzionale per aziende e consumatori. Siamo in un tempo di rapidi e forti cambiamenti: non possiamo prevedere il futuro, ma possiamo aiutare i brand a scriverlo”. Il manager ha inoltre parlato dell'IA generativa, dei plus ma anche dei rischi che il suo utilizzo porta con sè nelle professioni creative, tema che verrà approfondito in un'altra notizia.

 

GLI OBIETTIVI DI CRESCITA e L'INTEGRAZIONE DI VML HEALTH

La Group Ceo ha dichiarato di puntare, nel 2024,  a ripetere i risultati ottenuti nel 2023 e di mantenere ritmi di crescita del fatturato oltre la media del mercato, che l'anno scorso è stata del +2,6% e per quest'anno, sottolinea il Group Ceo, è atteso un miglioramento grazie agli eventi sportivi che rappresentano un forte traino degli investimenti.  Le stime di crescita del business di VML Italy tengono conto degli obiettivi di crescita dei margini di oltre il 10% definiti da WPP.

Salinari Maggini Biondino

L’expertise di VML nel settore di brand experience, customer experience e commerce a livello mondiale si specializza nella comunicazione Healthcare con VML Health, la divisione specializzata nella industry del pharma. Teresa Biondino (a destra nella foto con Giuseppe Salinari e Simona Maggini), Managing Director Italy VML Health, dichiara: “Oggi più che mai il mondo della comunicazione della salute ci pone delle sfide: cambiamenti di paradigma terapeutico in alcuni casi senza precedenti, ad esempio nell’oncologia, che reinventano anche il ruolo dei medici; pazienti sempre più informati e attivi; il ruolo dinamico della farmacia; un ecosistema di comunicazione sempre più articolato; la necessità di saper capire e interpretare i dati. VML Health è a fianco dei clienti pharma e degli altri attori del mondo della salute per affrontare queste sfide e costruire esperienze di valore per medici e società scientifiche, ma anche consumatori e pazienti”.

Grazie alla varietà delle skill al suo interno, VML Italy garantisce ai suoi oltre 50 brand clienti un ampio set di esperienze e competenze complementari: creatività, strategia, commerce, consulenza, CRM, CX, dati, produzione, tecnologia e la specializzazione nel mondo del pharma con VML Health. Un insieme di competenze che rende la nuova creative company di WPP un partner ancora più strutturato per guidare la crescita dei brand, mettendo sempre al centro gli obiettivi e il valore del business.

 

 lL FOCUS SUI PREMI LOCALI

VML Italy investe sull'Italia, che è tra i primi dieci mercati del Gruppo WPP ha sottolinea Simona Maggini e grande attenzione verrà riservata ai premi locali, che per i clienti devono essere motivo di orgoglio e conferma della qualità di un progetto. Tra gli awards sui quali la nuova VML Italy continuerà a investire il Group Ceo dell'agenzia ricorda gli NC AWARDS di ADC Group, i premi dedicati alla migliore comunicazione integrata, dei quali la manager ricorda il posizionamento distintivo di Premi delle Aziende grazie alla giuria composta dai marketing manager delle aziende top spender del mercato che valutano le campagne in concorso. 

 

L'APPELLO AL MERCATO: STOP AL DUMPING E ALLA NEGOZIAZIONE ESTREMA, PIU' VALORE ALLE AGENZIE

Durante l'incontro e ai microfoni di ADVexpressTV Simona Maggini, anche in qualità di membro del Consiglio Direttivo di UNA e considerando la posizione di leadership che VML assume sul mercato, ha lanciato un appello al mercato stigmatizzando "le politiche di dumping e la negoziazione estrema' che caratterizzano l'attuale contesto frammentato dove non vengono riconosciuti i costi e gli investimenti delle agenzie nella formazione dei talenti e nell'offerta di tecnologie, dati e strategia. Ha invitato "le aziende a riconoscere più valore e la giusta remunerazione alle agenzie che offrono servizi di qualità e  queste ultime a non farsi coinvolgere in logiche di prezzo al ribasso che non portano risultati di lungo periodo e danno messaggi scorretti ai clienti". "Tutti dobbiamo impegnarci e lavorare insieme per creare una sostenibilità anche futura di questa industry che dà occupazione a moltissimi professionisti e attorno alla quale ruota una galassia di altri player specializzati".  "La mentalità anglossassone nella gestione dell'asset brand, che considera strategici gli investimenti di marketing  continuativi per la crescita delle marche - conclude Maggini - deve diventare una realtà anche in Italia, a partire dalle istituzioni governative, che all'estero sono spesso i primi investitori del mercato".