Agenzie

Acanto, trattare gli eventi fieristici b2b sempre più come Be To Brand: momenti di relazione di valore tra l’azienda e i suoi target

Ginevra Morosini, Sales Account: "Se è vero che il digitale sta mutando scenari e strumenti, sostituendosi a volte anche agli eventi fisici, la relazione personale resta un elemento fondamentale per il consolidamento del business e lo sviluppo del new business”.

Settembre e ottobre sono mesi densi di fiere ed eventi per le aziende che operano nel settore dei materiali, della componentistica e dei macchinari per l'industria del mobile e dell’arredamento. Dal Cersaie (l'appuntamento internazionale più importante per il design delle superfici ceramiche) al Sicam (il Salone Internazionale dei Componenti, Accessori e Semilavorati per l’Industria del Mobile), dal Marmomac (la più importante esposizione dedicata alla filiera della produzione del marmo e della pietra) a Emo (fiera internazionale dedicata alla lavorazione dei metalli), le aziende partecipano a questi eventi per potenziare il loro business, presentare nuovi prodotti e collezioni, aprirsi a nuovi mercati, aggiornarsi sulle ultime tendenze del settore, pianificare le future strategie aziendali. 

A questi appuntamenti è presente anche Acanto, agenzia di comunicazione con sede a Pesaro che opera da quasi 35 anni nel mondo del B2B e che gestisce per conto dei propri clienti - aziende leader nell’industria del mobile e del machinery come Biesse, Atlas Plan, HSD, Caesar Ceramiche, Cooperativa Ceramica d’Imola - le attività di comunicazione, progettazione stand, grafica, allestimenti, strategie e materiali di lancio prodotti per eventi e fiere. 

“Quello delle fiere è un mondo dinamico e complesso che, dopo gli anni della pandemia, è tornato ad attrarre visitatori, buyer, curiosi da tutto il mondo. Questi appuntamenti rappresentano un momento fondamentale per le aziende e le agenzie: consentono di aggiornarsi sulle tendenze e sulle novità del mercato, creare nuovi contatti e rapporti professionali, relazionarsi con clienti, fornitori e collaboratori in maniera più empatica rispetto a quanto si possa fare con uno scambio di e-mail o telefonata. Se è vero che il digitale sta mutando velocemente scenari e strumenti, sostituendosi a volte anche agli eventi fisici (si pensi agli show-room virtuali o alle piattaforme digitali all-in-one che anche noi in Acanto abbiamo progettato per alcuni clienti), la relazione personale resta un elemento fondamentale per il consolidamento del business e lo sviluppo del new business”. Commenta Ginevra Morosini (foto), Sales Account di Acanto

La comunicazione riveste un ruolo fondamentale negli eventi fieristici per consentire alle aziende di massimizzare l’investimento economico sostenuto per partecipare a questi appuntamenti. 

“Affinché possa generare un buon ritorno di investimento, un piano di comunicazione va progettato su misura degli obiettivi quantitativi e qualitativi delle aziende e tenendo conto delle diverse fasi: pre, durante e post evento. - continua Morosini - Prima della fiera occorre innanzitutto incuriosire e informare il pubblico per spingerlo a partecipare all’evento e visitare lo stand espositivo: newsletter, inviti, landing page dedicate, campagne digital/social, pubblicazione di video teaser sono, in questo senso, strumenti efficaci. Durante la fiera, invece, la comunicazione deve sostenere la visibilità dell’azienda e dello stand espositivo: rendere chiaro, visibile e riconoscibile il brand; valorizzare al meglio l’esposizione dei prodotti; approfondire le informazioni sull’azienda e sui prodotti attraverso strumenti cartacei e digitali come cataloghi e video; creare uno spazio di fruizione funzionale e accogliente. A conclusione dell’evento, le azioni di comunicazione vanno infine indirizzate alle attività di follow-up e retention per proseguire il racconto dell’esperienza in fiera e alimentare la relazione con clienti e prospect”. 

Ecco perché è fondamentale pianificare con cura le azioni di comunicazione e marketing in occasione degli eventi fieristici del settore b2b, che devono diventare sempre più Be To Brand: momenti di comunicazione e relazione di valore tra l’azienda e i suoi target.