Premi

Enit ha premiato Padrenostro come miglior film sul viaggio in Italia alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Tra le sette opere in concorso ha trionfato il film di Claudio Noce, con la partecipazione di Pierfrancesco Favino. Il premio è stato assegnato durante l'evento “Sorriso Diverso Venezia Award” che si è svolto venerdì 11 settembre, alle ore 16 presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio Incontri Venice Production Bridge.

Enit-Agenzia Nazionale del Turismo entra nella famiglia della Biennale lo fa con l'esperienza della Dream on che per il decimo anno consecutivo rinnova la collaborazione con la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ed eredita il premio “Sorriso diverso Venezia Award” dall’organizzazione del Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera, l’Università cerca lavoro e la TSN.

Il premio collaterale di Critica Sociale “Sorriso Diverso Venezia Award” si è svolto venerdì 11 settembre, alle ore 16 presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio Incontri Venice Production Bridge.

Enit – L’Agenzia Italiana del Turismo, ha consegnato il premio “Il Viaggio Turismo Enit” a Padrenostro, film che meglio valorizza l’immagine della bellezza dell’Italia nel mondo per il rilancio del turismo italiano.  La giuria dell’edizione speciale del premio ENIT è composta dal direttivo dell’Italian Film Commission, presieduta da Cristina Priarone - Presidente dell’Italian Film Commission e direttore di Roma Lazio Film Commission, con Paolo Manera - Vice Presidente Italian Film Commission e direttore Torino Piemonte Film Commission e Luca Ferrario – Vice Presidente Italian Film Commission e direttore Trentino Film Commission.

Il Premio è stato consegnato da Maria Elena Rossi direttrice marketing Enit, al il film di Claudio Noce, con la partecipazione di Pierfrancesco Favino.

7 le opere che hanno concorso per il premio con contengono immagini suggestive dell'Italia:  “Le Sorelle Macaluso” di Emma Dante; “Padrenostro” di Claudio Noce; “La verità su la Dolce Vita” di Giuseppe Pedersoli; “Molecole” di Andrea Segre; “Salvatore” di Luca Guadagnino; “Lacci” di Daniele Lucchetti; “Lasciami Andare” di Stefano Mordini.

"I luoghi legati al cinema sono portatori di esperienze memorabili che invogliano alla scoperta dei territori. I film sono uno stimolo alla valorizzazione delle location, valorizzazione che non è così automatica ma occorre predisporre strategie e spazi per l'accoglienza e una spinta a maturare interesse crescente per luoghi anche meno noti visti da angolazioni e punti di vista differenti" dichiara il Presidente Enit Giorgio Palmucci.

Per il Premio Sorriso Diverso Venezia Award, invece una giuria  di esperti del mondo del cinema composta da Catello Masullo (Presidente di Giuria), Paola Dei (vice Presidente di Giuria), Armando Lostaglio, Rossella Pozza, Marcello Zeppi che hanno decretato il “Miglior Film Italiano” e il “Miglior Film Straniero"

Il premio è stato consegnato da Valeria Marini che ha ricevuto il “Testimonial del Sorriso Diverso” per la valorizzazione del ruolo delle donne artiste e imprenditrici e per il progetto “Boom”, dedicato a tutte le donne “stellari”.

Scritto insieme a Giacomo Eva, si propone di far ballare nelle calde sere d’estate tutte le generazioni ma… mantenendo le distanze.

“Boom” è stato arrangiato da Matteo Caretto presso lo Scene Music Studio, missato e masterizzato da Giampaolo Pasquile. Ha raggiunto oltre le 600.000 visualizzazioni su Youtube, ed ha ottenuto oltre 100.000 riproduzioni su Spotify, venendo inserito in oltre 2.300 playlist. Il brano è stato pubblicato dall’etichetta Joseba Publishing e  prodotto da Gianni Testa che dichiara: “Grazie per l’opportunità incredibile che ci avete regalato con questo premio. Essere a Venezia con voi è un grande traguardo per la nostra giovane etichetta”.

Il Sorriso diverso Venezia Award, si inserisce nell’ambito della “mission” del cinema di interesse sociale che valorizza le diversità e protegge le fragilità delle persone.