Sponsorizzazioni

Il viaggio del Pastificio Rana su due ruote prosegue: al via la partnership con Giro Donne

La passione dell'azienda per le due ruote sostiene il ciclismo femminile come partner della 33° edizione del Giro Donne, che si disputerà a partire dal 30 giugno 2022. Alla tappa finale di Padova, la Famiglia Rana conferirà un premio speciale alla squadra della vincitrice 2022 insieme a Maria Canins, primo oro storico della prestigiosa competizione.

Pastificio Rana resta in sella e, dopo il successo delle gamme limited edition dedicate al Giro d’Italia, annuncia oggi una nuova partnership all’interno del mondo dello sport delle due ruote, questa volta con il Giro Donne 2022, dal 30 giugno al 10 luglio, la più prestigiosa competizione a tappe nel panorama del ciclismo femminile.

Rana, da sempre conosciuto per la bontà e la creatività dei propri prodotti freschi, con questa partnership unisce ancora una volta gusto e spirito sportivo in un perfetto connubio.

Il progetto nasce dal forte legame di Rana per il territorio italiano e dalla condivisione di valori che accomunano il Pastificio e la manifestazione sportiva.

La passione di Rana per le due ruote ha radici profonde: già nel 2004 Gian Luca Rana (in foto), CEO del Pastificio Rana, è stato amministratore delegato dei Mondiali di Ciclismo organizzati a Verona; da ben 11 anni Rana è sponsor della celebre Maratona dles Dolomiti ed è diventata la Pasta Ufficiale del Giro d’Italia 2021 e 2022, creando una gamma speciale di pasta fresca ripiena dedicata alla gara.

La partnership con Giro Donne prosegue nel solco della celebrazione, tappa dopo tappa, del forte legame che unisce la famiglia Rana al territorio italiano. E come le 144 atlete attraverseranno l’Italia in sella alla propria bicicletta, così Rana la percorrerà da nord a sud, di tradizione in tradizione, con tappe culinarie dal gusto unico.

La competizione vedrà sfidarsi, in una gara avvincente all’ultima pedalata, atlete delle 24 migliori squadre al mondo grazie all’inserimento, quest’anno, all’interno del UCI Women’s World Tour. Mille chilometri per 10 tappe, attraverso un viaggio emozionante lungo il Bel Paese, capace di mettere in risalto la forza del ciclismo femminile e delle cinque regioni italiane coinvolte: Sardegna, Emilia-Romagna, Lombardia, Trentino-Alto Adige e Veneto.

Momento clou sarà il conferimento di un premio speciale alla squadra della vincitrice del Giro Donne 2022, incoronata nell’ultima tappa di domenica 10 luglio, a Padova. A premiare il team, accanto alla Famiglia Rana, anche la campionessa atleta olimpica Maria Canins, icona di riferimento per tutte le cicliste professioniste di oggi, nonché primissima vincitrice proprio del Giro Donne nell’edizione inaugurale del 1988.

Fondista, ciclista, mountain-biker: in tre parole, Maria Canins è una delle atlete più poliedriche nella storia dello sport italiano. Nata a La Villa, in Badia, esordisce con lo sci di fondo e si aggiudica la bellezza di 15 titoli italiani. Scopre la bicicletta per mantenersi in allenamento durante l'estate e nel 1982 partecipa ai mondiali in entrambe le discipline. Poi lascia il fondo, per dedicarsi a tempo pieno al ciclismo: vince 2 tour de France, un Giro d'Italia, due argenti e un bronzo ai mondiali, un oro e un argento nella cronometro a squadre. A Los Angeles, nel 1984, è stata la prima atleta ladina a partecipare ai giochi olimpici estivi.