UPDATE:
Carglass in TV e digital con gli spot sulla riparazione del parabrezza. Firma la creatività Belron in collaborazione con ServiceplanNitiative rilascia il terzo report dell’osservatorio “stand out in culture” sui grandi temi culturali della nostra società. Il tema è l’evoluzione del concetto di saluteSIAV presenta Siav Healthcare, la business unit dedicata alla sanità digitaleChi vuole essere il tifoso più cool? Heineken celebra la partnership con UEFA EURO 2020 con un concorso dedicato e una campagna TV a supportoPrima campagna per Honda Motor Europe Italia insieme ad UM con al centro Jazz HEV (Hybrid Electric Vehicle) e Honda E. Firma OliverUnieuro e BCube agganciano i social con due personaggi: il social media manager del brand e il suo gatto. In pochi giorni +85mile interazioni per il lancio di un prodottoTorino si aggiudica le Nitto ATP Finals e sceglie il Gruppo Gattinoni come Official Tour Operator. Franco Gattinoni: "Dal “match” fra eccellenze sportive e del territorio il rilancio del turismo"BIT 2021: venerdì 14 maggio il DigiTalk "Meeting oltre il Covid: soluzioni per sedi ed eventi sicuri" organizzato da MPI Italia Chapter e Federcongressi&eventiBirrificio Angelo Poretti mette al centro socialità e condivisione nel nuovo spot TV firmato Dude con protagonista la 4 Luppoli LagerNetcomm Forum 2021: 6.900 professionisti (+25%) per la due giorni dedicata ai dati e ai trend del commercio digitale. Gli e-shopper sempre più digital e meno fedeli alle insegne
Evento culturale

A Firenze una 'ferita' su Palazzo Strozzi. E' l'installazione di JR che racconta un anno senz’arte

L’opera dell'artista francese, visibile fino al 22 agosto e realizzata con un collage fotografico in bianco e nero tipico dello stile dell’artista, è costruita come una anamorfosi, un gioco illusionistico in cui, osservando da un preciso punto di vista, i nostri occhi vedono diversi ambienti di Palazzo Strozzi incluso il colonnato del cortile, un’immaginaria sala espositiva e una biblioteca.

Uno squarcio su Palazzo Strozzi ci dice che Firenze è “ferita”: è l’ultima opera d’arte dell’artista francese JR che fa riflettere sulla drammaticità del momento. L’istallazione, intitolata proprio “La Ferita”, è alta 28 metri e larga 33 e illude davvero i nostri occhi che il palazzo sia squarciato.

L’opera, visibile fino al 22 agosto e realizzata con un collage fotografico in bianco e nero tipico dello stile dell’artista, è costruita come una anamorfosi, un gioco illusionistico in cui, osservando da un preciso punto di vista, i nostri occhi vedono diversi ambienti di Palazzo Strozzi incluso il colonnato del cortile, un’immaginaria sala espositiva e una biblioteca.

Ma molto di più di una stupenda e realistica immagine: è un messaggio importante che fa riflettere sulle ferite che stiamo subendo tutti, e in particolare l’arte, in epoca Covid.

“Inserendo opere iconiche del patrimonio artistico fiorentino e citando direttamente un luogo reale come la biblioteca dell’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento – si legge sul comunicato di Palazzo Strozzi – JR propone una diretta e suggestiva riflessione sull’accessibilità non solo a Palazzo Strozzi ma a tutti i luoghi della cultura nell’epoca del Covid-19”.

Il Palazzo, costruito tra il 1489  e il 1538 in perfetto stile rinascimentale, è inaccessibile, come moltissimi luoghi della cultura, chiusi in ottemperanza alle misure restrittive anti-Covid.

“Palazzo Strozzi diviene così il palcoscenico spettacolare per una ferita, simbolica ma dolorosa, che accumuna tutte le istituzioni culturali italiane e non solo: musei, biblioteche, cinema e teatri, costretti a limitare o a non poter far accedere il pubblico ai propri spazi”.

JR è nato nell’83 e all’anagrafe si chiama Jean René. JR però non sono solo le iniziali del suo nome ma anche un’allusione al personaggio principale della serie americana “Dallas”, J. R. Ewing. Bizzarro.

A cosa è dovuto il suo successo? Possiamo dire che ha creato l’Infiltrating art: durante le sue attività di collage infatti, le comunità locali prendono parte all’atto di creazione artistica, senza però un palcoscenico che separi gli attori dagli spettatori. Così nell’atto creativo, l’anonimato dell’artista e l’assenza di qualsiasi spiegazione che accompagni gli enormi ritratti, lasciano uno spazio libero in cui tematiche e attori, performer e passanti si incontrano, formando l’essenza del suo lavoro.

I suoi progetti sono attuali, dirompenti, teatrali. Curiosate tra ciò che ha creato in tutto il mondo: dalle favelas di Rio de Janeiro alla grande piazza della Piramide del Louvre, da Ellis Island a New York alla prigione di massima sicurezza di Tehachapi in California. Ne rimarrete affascinati.