Evento educational

Zenith Talks riparte e inaugura una serie di incontri sul tema della Diversity, Equity & Inclusion

La prima ospite è Benedetta Barzini con l’intervento dal titolo “Intelligenza che crea Bellezza”. Benedetta è uno dei volti più significativi della moda italiana e internazionale degli anni Sessanta. Indossatrice apprezzata, nel 1965 sarà la prima modella italiana su Vogue America

Da oggi ripartono gli eventi Zenith Talks nell’ambito del progetto Zenith Culture rivolto ai talenti dell’agenzia per ampliare la conoscenza e accrescere il senso di appartenenza alla Brand.

Il primo appuntamento dell’anno si svolge nella Giornata Mondiale delle Donne e inaugura una serie di incontri sul tema della Diversity, Equity & Inclusion. Proprio un’icona femminile che da sempre si batte per le pari opportunità è la prima ospite, Benedetta Barzini con l’intervento dal titolo “Intelligenza che crea Bellezza”.

L’incontro con Benedetta si inserisce nel percorso organizzato da Zenith ha trovato nuove modalità di riflessione e di relazione per e con i talenti dell’agenzia.

Benedetta Barzini è riconosciuta come uno dei volti più significativi della moda italiana e internazionale degli anni Sessanta. Indossatrice apprezzata, nel 1965 sarà la prima modella italiana su Vogue America.

Dopo cinque anni, passati a New York, torna in Italia con lo scopo di diventare una giornalista, senza sapere che la sua bellezza sarebbe stato un limite, in un mondo fatto prettamente da uomini: puoi essere bella, ma non puoi essere bella ed intelligente!

E da qui in poi comincia la sua vera storia di vita, in controtendenza.

Il racconto di Benedetta nello Zenith Talks parte proprio dalla sua esperienza, da quando diventa giornalista e assume diversi ruoli nelle università, sempre nel campo del design, delle arti e dei mass media. Una ex modella, perché questa è l’etichetta che le rimane appiccicata per tutta la vita, può avere un impegno politico e morale, andando molto oltre il concetto di corpo: questo è il suo significato della volontà di andare oltre le apparenze.

Il suo intervento è stato un racconto della sua vita professionale di donna dove la sua bellezza è un ostacolo, dove i canoni del mondo del lavoro sono maschili.

Durante l’incontro Benedetta Barzini ha dichiarato “I giudizi sono facili. Difficile è capire come mutare anche solo una piccola cosa.”

Il suo racconto è stato il punto di partenza di un dibattito tra tutto il team Zenith in cui hanno espresso il loro punto di vista, suggerendo temi che sono di ispirazione per promuovere nuove iniziative con l'obiettivo di sensibilizzare le persone sul tema, a conferma che in Zenith tutti sono direttamente coinvolti nell’impegno della Brand per promuovere il rispetto e l’integrazione nel territorio della Diversity&Inclusion.

“Un’onore per noi ospitare un personalità del calibro di Benedetta Barzini, che con la sua esperienza ha dimostrato come la determinazione per affrontare le nuove sfide sia la chiave e che l’innovazione nasce da persone che hanno avuto il coraggio di mettere in discussione ciò che per tutti gli altri era ovvio e scontato.” Dichiara Andrea Di Fonzo (in foto), CEO di Zenith “E gli Zenith Talks vogliono essere questo, un momento per guardare al futuro, un regalo a noi stessi, ai nostri talenti, per sfidare lo status quo”