UPDATE:
Cannes Lions 2024. Bartoletti (Indiana Production): "I due argenti a Coordown premiano una campagna che scardina i format tradizionali e suggerisce un valore universale"Cannes Lions 2024. Eoin Sherry (LePub Italy) sul Leone d'Oro a 'Pub Museums' per Heineken: "Una campagna che trasforma i pub storici in experience di brand"Cannes Lions 2024. Droga (Accenture Song): “Nessun timore o nostalgia: la creatività che nasce dalle ricerche è molto peggio di quella generata dall’IA”. Murati (Open AI): “Non temere la tecnologia ma sperimentarla. Lavoriamo per renderla più facile"Cannes Lions 2024. Di Bruno/Dionisi BBDO Italy: "L'Argento a Make Italy Green per E.ON riconosce un lavoro di team con il cliente e il legame forte del purpose aziendale con la mission di portare energia pulita"De Vecchi (VML Health): "Il bronzo a “Not A Lonely Journey” di VML Italy per Biogen un primo traguardo per una campagna progettata per dimostrare, tramite l’esperienza diretta dei pazienti SMA, che una condizione differente è possibile".Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USACannes Lions 2024. Venturelli (Publicis Groupe): “Nell’era del post-purpose, vincono i brand capaci di trasformarlo in una leva di business. Nessuna invasione dell’IA, usata però per realizzare ciò che sarebbe altrimenti impossibile”A Catania la tappa italiana dell'International Recycling Tour, progetto internazionale di Every Can Counts per la raccolta "on the go" delle lattine per bevandeIGPDecaux si aggiudica un contratto di 13 anni per la metropolitana, gli autobus e i tram di RomaCannes Lion 2024 | Argento all'Italia in Health & Wellness con Small/Indiana Production per 'Assume That I Can' di Coordown. Bronzo a VML nel Pharma per 'Not a Lonely Journey' di Biogen. Premiati umorismo e purpose come leva di business e sviluppo sociale
Evento musicale

Sis Apis, la musica delle api in un’opera-concerto scritta dal maestro Sebastiano Cognolato e rivolta alle nuove generazioni

Venerdì 17 maggio al Teatro Munari di Milano sulle note delle ‘buone pratiche’ di un piccolo insetto che ha molto da insegnare.

Armonia con l’ambiente, solidarietà collettiva, ingegnosità. Rispetto delle regole, socialità, operosità e una sconfinata libertà di volo. È una meravigliosa sinfonia di valori quella che regola il mondo delle api. Il compositore Sebastiano Cognolato è riuscito a coglierla, a metterla sul pentagramma e a renderla musica.

Secondo appuntamento della rassegna Una Rete di Note (trilogia musicale ispirata agli scritti, al pensiero e agli ideali della senatrice Liliana Segre), Sis Apis è un’opera-concerto che, strizzando l’occhio alle nuove generazioni, propone l’ecosistema delle api come modello di buone pratiche replicabili, perché no?, anche nel nostro ‘umanissimo’ vivere e convivere quotidiano.

Otto brani scritti, suonati e cantati sulle metriche della musica classica capaci di evocare i concetti educativi della convivenza sociale, dell’inclusività, della sana nutrizione e, in senso lato, delle più buone abitudini comportamentali.

Si sapis, sis apis. Se sei saggio, fa come l'ape, recitava un antico proverbio latino con un divertente gioco di sillabe.

Siamo al debutto. Patrocinata dal Comune di Milano e dal WWF, la prima esecuzione è allestita venerdì 17 maggio (ore 18.00) al Teatro Bruno Munari di Milano, vivace polo culturale e polifunzionale che – bello a sapersi - nel suo giardino ospita un apiario in grado di accogliere 120.000 api.

Sul palco i Musici Cantori di Milano diretti dal Maestro Mauro Penacca e gli orchestrali Esecutori Metallo su Carta guidati dalla bacchetta del Maestro Marcello Corti. E sotto il palco i presenti in platea, grandi e piccoli in un carosello senza età, da spettatori si fanno protagonisti. Ogni canzone è infatti partecipata dal pubblico che è chiamato a cantare, danzare, utilizzare e ‘far suonare’ oggetti (magari preparati precedentemente in classe) quasi fossero strumenti aggiuntivi.

E così, quasi per magia, la musica classica, scevra per definizione dai capogiri delle mode di un momento, coinvolge i giovani (e i non più giovani) ascoltatori invitandoli a confrontarsi sui grandi temi che pervadono la nostra società prendendo spunto dall’istintivo comportamento di un piccolo insetto che sa sempre quando e dove sciAmare, che si nutre con poco e in maniera sana e che, pur se battagliero quando occorre, sa comunicare danzando i suoi messaggi vitali.

Otto i brani in scaletta:

  • Sinfonia - Le api entrano in scena
  • Colori – Ogni essere vivente vede il mondo a modo suo
  • Apefiore – L’ape sa ascoltare il fiore, il fiore sa parlare all’ape
  • Bzz – Volano libere tra il verde e il blu
  • La danza delle api – il corpo ci parla, parliamo al corpo
  • Quattro gradini – Quattro alimenti per ogni ape, quattro alimenti per ogni uomo
  • SciAmare – Custodiamo la memoria, costruiamo il futuro
  • Inno finale - Si sapis, sis apis: raccogli il nettare

“Non sono un compositore tradizionale. La mia musica parla di cibo e oggetti, insetti, ecosistemi, materiali, sostenibilità, emozioni, ma anche di ingiustizie, di detenzione, di lotta. La mia platea suona, balla, canta, si scambia utensili, grida, sussulta, si diverte: scrivo le mie partiture immaginandomi un pubblico rumoroso e partecipe.” – dichiara Sebastiano Cognolato“La mia è stata definita un’arte contaminata e piena di sorprese. Mi identifico in questa definizione, con la mia musica cerco di raccontare ai giovani il mondo di oggi e le sue contraddizioni.”

Una Rete di Note, tre concerti per una rassegna dedicata al pensiero di Liliana Segre

Sis Apis è il secondo concerto (dopo Respect! del 17 aprile e in attesa di Sognatrici, Sognatori del 30 maggio) della rassegna musicale Una Rete di Note - musica per le buone pratiche, rivolta a famiglie, bambini, giovani e scolaresche dedicata a Liliana Segre.

La rassegna è proposta dall’associazione Amici del Rusconi (ente senza fine di lucro che sostiene l'attività educativa e musicale dell'Istituto musicale Giulio Rusconi) con l’apporto progettuale e artistico del compositore Sebastiano Cognolato. Tutti gli eventi sono basati sulla interazione tra musicisti e pubblico in ottica formativa e didattica: ogni concerto è infatti attivamente partecipato dagli studenti con diverse modalità (arie/canzoni da studiare e imparare; laboratori e percorsi interdisciplinari riguardanti le buone pratiche e l’inclusione nella declinazione specifica di ogni appuntamento; ecc.). L’intero progetto è realizzato in collaborazione con I Virtuosi del Teatro alla Scala, con I Musici Cantori di Milano e con gli Esecutori di Metallo su Carta, grazie ai contributi della Fondazione Banca del Monte di Lombardia e al contributo di Regione Lombardia.