UPDATE:
YesMilano lancia la nuova campagna Dooh e OOH 'Milano Home of Design 2024''La fabbrica della felicità'. RED ROBIGLIO&DEMATTEIS firma la piattaforma internazionale per le Pastiglie Leone. Dai disegni a matita, trasformati in bozzetti 3D, alla Virtual production ad altissima risoluzioneDustin Hoffman, Helen Hunt, Sofia Boutella, Giacomo Gianniotti, Jonno Davies e Laura Morante protagonisti del nuovo film “Untitled - Peter Greenaway” prodotto da Facing East e Jumpy Cow con produzione esecutiva di The FamilyCompagnia dei Caraibi presenta Oroboro, il progetto che racchiude gli strumenti di comunicazione e vendita con un approccio ineditoPernod Richard Italia lancia la nuova campagna 'Drink More Water' a cura di LiveZone per promuovere il responsible drinking tra i giovaniHeineken apre le selezioni per i giovani laureati STEM con la Heineken Massafra AcademyA Milano la prima MypersonalExperience in occasione del lancio di Mypersonalbeauty e The Wom Beauty, la nuova offerta di Mondadori Media con nuove opportunità ai brand dei settori beauty e wellnessD'Amico partner del Padiglione della Repubblica di San Marino alla 60ma Biennale di Venezia con il progetto NomaderFuture of Employee Experience. Nel report sul mondo del lavoro TBWA\Italia svela le nuove tensioni e ciò che sarà necessario per attrarre e trattenere i talenti in futuro. Miglioramento delle competenze, futuro flessibile, gestire il cambiamentoI Metamostri del gruppo editoriale Ciaopeople escono dalla dimensione digitale per partecipare al lancio dei Kid Pass alla Città della Scienza di Genova
Sondaggi

“Strategie competitive e sviluppo delle competenze”: come le aziende cambieranno nel prossimo triennio secondo l’indagine di Fòrema. Per il 53% investire nella formazione del proprio personale ha una priorità medio alta

L’ente di formazione ha realizzato l’analisi su centinaia di imprenditori tra il Padovano e il Vicentino. la formazione è rivolta ai manager e non ai neo assunti. Dopo il Covid, stop ad investimenti per lo smart working, meglio innovazione e prodotto. Per una azienda su quattro il 2026 segnerà un cambio totale nell’operatività. Solo il 35% dei rispondenti non prevede cambiamenti sostanziali.

“Strategie competitive e sviluppo delle competenze”, è questo il titolo della quarta indagine annuale sui fabbisogni aziendali 2023 proposta da Fòrema, coinvolte centinaia di aziende principalmente dell’area del Padovano e del Vicentino, molte del settore metalmeccanico. La prima parte dell’analisi ha fatto emergere le strategie attivate dalle imprese in ottica di investimenti. La seconda parte si è concentrata sull’aggiornamento dei trend attuali per quanto riguarda gli interventi formativi aziendali, mettendo a confronto le urgenze attuali con le analoghe rilevazioni degli anni precedenti. Infine, è stato analizzato il ruolo dell’Hr Manager per capire quali metodologie è necessario attivare oggi per potenziare il ruolo del capitale cognitivo e organizzativo. Riassumiamo qui sotto i dati più importanti relativi alla scelte sulla formazione e sulle strategie aziendali per il prossimo triennio.

Il sondaggio di Fòrema ha chiesto agli imprenditori di individuare il livello di priorità con cui l’organizzazione intende mobilitare il proprio capitale cognitivo. Più della metà del panel (53%) ritiene che investire nella formazione del proprio personale abbia una priorità medio alta o alta (20% dei casi), in particolare per quanto riguarda il personale con ruoli di responsabilità (priorità massima per un’impresa su quattro), seguiti dal personale operativo (21%), confermando solo in parte il trend rilevato nel 2022 (focus su impiegati, direzione, neo-assunti: in quest’ultimo caso, la diminuzione di interesse nella formazione è connessa al fatto che si fatica a trovare personale).

“Da quest’anno si registra anche la direzione generale e la proprietà dell’impresa come un target rilevante per l’implementazione delle strategie formative”, commenta il direttore generale di Fòrema, Matteo Sinigaglia. “Nel 19% dei casi sono proprio queste figure imprenditoriali a evidenziare la priorità d’azione più alta”.

Passando all’analisi delle aree e delle funzioni aziendali che saranno maggiormente interessate da consulenze formative, gli interventi a supporto delle competenze interne devono interessare gli uffici progettazione e sviluppo (priorità massima nel 22% dei casi, ma con un trend in calo rispetto al 2022), i processi produttivi (21% e in crescita rispetto allo scorso anno), l’area marketing e vendite (20%, in crescita), la gestione dei sistemi informativi (19%, ma in diminuzione sul 2022).

“La variabile della strategia imprenditoriale perseguita, influenza in parte le aree aziendali su cui intervenire”, interviene Matteo Sinigaglia, direttore generale di Fòrema. “L’importanza massima di investire nella progettazione e sviluppo dei prodotti e dei servizi offerti al mercato, accomuna i tre cluster composti dalle aziende che danno priorità all’ambiente (25%), alla crescita (23%) e all’internazionalizzazione (26%), mentre chi si focalizza sull’innovazione di prodotto mette al primo posto l’ambito produzione con il marketing e le vendite (entrambi 25%, catturando la metà delle priorità)”.

Le aziende partecipanti segnalano come particolarmente rilevanti per l’anno in corso l’innovazione del prodotto e dei processi (priorità massima per il 22% del panel), digitalizzazione (21%), controllo di gestione (18%) e sviluppo dei collaboratori (16%), in discontinuità rispetto al 2022. Escono dall’analisi i temi delle soft skills e dei modelli organizzativi smart, l’impatto ambientale della produzione, la sostenibilità sociale. Interessante anche un'analisi pluriennale sulle priorità: la digitalizzazione dei processi e delle attività è in crescita.

Interessante il passaggio della survey dedicato alla rilevazione delle aspettative di medio periodo (2026), legate alla trasformazione della propria organizzazione. A livello aggregato prevale la consapevolezza che nel prossimo triennio le attività aziendali e di conseguenza l'organizzazione sarà cambiata rispetto alla situazione attuale: solo il 35% dei rispondenti non prevede cambiamenti sostanziali (era il 29% nel 2022). Anche se è sempre difficile fare delle previsioni (il 77% dei rispondenti riesce a sbilanciarsi, contro l'84% dello scorso anno), nel complesso, il 58% converge verso uno scenario caratterizzato dall'aumento delle funzioni e delle attività aziendali, il 24% si aspetta un cambiamento radicale dell'azienda (era il 17% nel 2022) e il 30% ritiene che la struttura organizzativa sarà focalizzata su poche attività a valore.