Sondaggi

Tecnologia e innovazione stanno cambiando i modelli di business e le organizzazioni in maniera esponenziale

Lo ha dichiarato il 78% dei manager protagonisti della survey condotta da AstraRicerche per WOBI e Manageritalia in occasione del World Business Forum 2018 - in programma a Milano il 30 e 31 ottobre.

In questi anni il mondo ha vissuto cambiamenti radicali, sono emerse in maniera sempre più dirompente le nuove tecnologie, si sono susseguite nuove teorie economiche e modelli di management che hanno cambiato il business in maniera esponenziale. WOBI, in collaborazione con Manageritalia, ha promosso una survey, condotta da AstraRicerche su oltre 1000 manager, volta a indagare l’impatto che le nuove tecnologie hanno avuto in azienda, le aree in cui ci sono stati i cambiamenti maggiori e come le organizzazioni a livello di management e leadership stanno affrontando le nuove sfide. 

Dalla survey emerge che per il 78% dei manager intervistati innovazione e nuove tecnologie hanno avuto un impatto significativo sui modelli di business e l’organizzazione aziendale; il 18% del campione ritiene addirittura che abbiano determinato cambiamenti radicali, costringendo le aziende a ripensare le proprie strategie di business e a rivedere l’organizzazione delle risorse.

Le aree aziendali in cui ci sono stati maggiori cambiamenti sono: il marketing e le vendite (in media per 45,5%), che addirittura nelle aziende di piccole dimensioni, fino a 50 dipendenti, arriva al 54%; la gestione delle risorse umane (in media per il 40%) e le strategie di business (in media per 39%), che nelle grandi organizzazioni con più di 1000 dipendenti tocca il 51%.

Il 91,4% dei manager intervistati da Manageritalia è, inoltre, concorde sul fatto che oggi non sia più possibile affrontare i continui cambiamenti e i nuovi scenari solo sulla base delle esperienze maturate in passato, ma sia necessario passare da una mentalità incrementale a una esponenziale, per affrontare sfide sempre più ambiziose.

Un tema, quello del cambiamento esponenziale in tutte le sue sfaccettature, a cui WOBI ha voluto dedicare l’edizione 2018 del World Business Forum dal titolo Exponetial, dove le menti più brillanti del business, dell’economia, dell’innovazione e della creatività a livello internazionale si confronteranno nella due giorni in programma a Milano al MiCo - Milano Congressi - il 30 e 31 ottobre.

In questo contesto in continua evoluzione, resta centrale (per il 74,9% degli intervistati) la capacità da parte delle aziende di saper ispirare e motivare le persone a raggiungere obiettivi comuni e di realizzare all’interno dell’organizzazione una profonda trasformazione culturale. Tuttavia, secondo i manager coinvolti nell’indagine, le imprese non sono sufficientemente attente a far crescere il potenziale personale e professionale delle loro risorse: solo per il 27,7% fanno molto o abbastanza in tal senso.

“I manager intervistati – ha affermato Guido Carella, Presidente di Manageritalia – sono pienamente consapevoli che in un mondo che cambia a una velocità esponenziale sia necessario cambiare approccio al modo di fare business sfruttando il potenziale dell’innovazione e quello delle risorse umane, che resta un fattore strategico per qualsiasi organizzazione. Se le imprese sapranno pensare in una prospettiva sempre nuova e differente e continuare a investire nel capitale umano, avranno l’opportunità di guidare una nuova fase di crescita senza precedenti”.

La ricerca promossa con Manageritalia offre degli spunti interessanti per aiutare le imprese a individuare le aree in cui intervenire per prepararsi alle nuove sfide”, ha commentato Francesco Manzullo, Direttore Marketing WOBI Europe. “Il World Business Forum, con i suoi speaker di fama internazionale, rappresenta un’esperienza unica di apprendimento, ispirazione e networking che da quindici anni supporta i leader nella crescita delle loro imprese, offrendo interessanti spunti di discussione e confronto”. 

Quest’anno sul palco del World Business Forum 2018 si alterneranno speaker del calibro di Alan Mulally, che ha guidato dal 2006 al 2014 Ford Motor Company in qualità di Presidente e CEO, Malcolm Gladwell, giornalista di fama mondiale, sociologo e autore di bestseller come Blink, Javier Zanetti, leggendario calciatore, icona dell’Inter e della nazionale sportiva argentina e dirigente sportivo, Daniel Goleman, psicologo e indiscussa autorità mondiale in tema di intelligenza emotiva e autore di Emotional Intelligence, e molti altri.