Educational

t.bd - think. by diennea inaugura il nuovo format di video pillole spiegando alle aziende l’approccio vincente al Performance Marketing. Fari accesi sulle case history di Unicef Italia e Sixs

Nel primo video, ora disponibile sul sito della business unit di Diennea, Marta Valenti, Performance Marketing Manager di t.bd, racconta il giusto approccio al Performance Marketing, spiegando come poterlo utilizzare nella maniera più efficace, grazie anche all'illustrazione di case di grande successo come Unicef Italia e Sixs.

Il mercato richiede alle aziende sempre maggiori competenze per evolvere strategicamente il proprio business. t.bd - think. by diennea, business unit di Diennea specializzata nell’ideazione e realizzazione di progetti di lead intelligence mirati alla fidelizzazione e alla crescita del valore cliente, si presenta ora come partner consulenziale e creativo per offrire un servizio e risultati davvero differenzianti ai suoi clienti.

Per fare queste mette in prima linea i suoi migliori esperti di strategia e business perché raccontino le chiavi del successo per accelerare la crescita del proprio business e raggiungere risultati ottimali.

Con questo obiettivo la business unit di Diennea presenta ora un nuovo format di video pillole dedicate ai tre servizi più efficaci per vincere sul mercato: il primo episodio, disponibile ora sul sito, è focalizzato sul performance marketing. Marta Valenti, Performance Marketing Manager di t.bd, racconterà il giusto approccio a questo strumento, spiegando come poterlo utilizzare nella maniera più efficace.

“Quando si parla di Performance Marketing spesso si pensa in modo restrittivo a un’attività di sponsorizzazione sui canali digitali e i vari social in cui a fronte di un investimento si raggiungono risultati sicuri e misurabili. Il nostro approccio è invece molto più ampio per una gestione ottimale dei propri contatti che non punti solo a una conversione immediata ma a una valorizzazione di questi più prolungata nel tempo” commenta Marta Valenti, Performance Marketing Manager.

Il servizio offerto da t.bd parte da un’accurata analisi iniziale per arrivare a un’attività puntuale e dettagliata di reportistica real time. Per ogni azienda, che abbia già investito budget in advertising o meno, il primo step è un’analisi “as-is” volta a capire la situazione di partenza e a mappare i dati disponibili e le caratteristiche di tutti i canali di contatto attivi. Uno studio fondamentale per raggiungere una reale e completa conoscenza del proprio target di riferimento, che spesso, per molte aziende, risulta sommaria e che non prende in considerazione i nuovi comportamenti degli utenti nel contesto attuale dove il rapporto tra online e offline è sempre più ibrido e integrato. Solo in questo modo è possibile scoprire insight interessanti e inaspettati che permettono di costruire content strategy profilate. L’attività di sponsorizzazione diventa quindi centrale non solo per intercettare e veicolare alla propria audience in modo appropriato il messaggio, ma anche per adattare e migliorare i contenuti proposti e la comunicazione aziendale in seguito anche ai risultati derivanti da un’attività di reportistica in real time delle performance.

Esempi vincenti di come questo servizio possa portare ottimi risultati sono le case di Unicef Italia e Sixs.

La prima, ha portato a compimento campagne Lead Ads degne di nota su Facebook e Instagram per il progetto #PossoFareCiòCheVoglio che la Onlus ha ideato in occasione della Festa della Donna con l’obiettivo di raccogliere contatti e contemporaneamente sensibilizzare contro la disparità di genere e dare risonanza al tema delle pari opportunità.

Sixs, azienda leader nella produzione di abbigliamento tecnico sportivo, ha chiesto il supporto di t.bd per l’implementazione di un piano di sponsorizzazione dei contenuti su Facebook, Instagram e Google Ads sfruttando Google Shopping e Remarketing Dinamico, mirato a potenziare le vendite dell’e-commerce, lanciato durante il lockdown. Le cifre di fatturato ottenute hanno superato le stime di fatturato previste nei primi tre mesi di campagne. Inoltre la campagna ha permesso di ottenere importanti insight per il brand sulla suddivisione regionale degli utenti più attivi, dati preziosi per poter elaborare strategie di business future in store e online.