UPDATE:
In attesa della 60a edizione, Bologna Children’s Book Fair con BolognaBookPlus e Bologna Licensing Trade Fair/Kids protagonista di un tour che tocca quattro fiere del libro in diverse parti del mondoBea World Festival 2022. Meulendijks: “Il metaverso? Ci siamo già immersi. Nei prossimi 4 anni vedremo 100 anni di cambiamenti”Bea World Festival 2022. 'Events on Trial': a giudizio l'approccio alla sostenibilità delle agenzie. Dal 'giudice' i consigli per il futuro“envy non è una mela, è un’esperienza”. A cura di Grey, Milano ha fatto da cornice alla prima attivazione speciale sul territorio che mette al centro i consumatori e i loro sensiBea Italia Festival 2022. Location: l'evoluzione passa da territorio, tecnologia e sostenibilitàCourmayeur presenta Welcome Winter 23: il kickoff dell’inverno con Sky TG24 e la cantante AnnalisaDAZN e Cronache di spogliatoio insieme per una contaminazione editoriale che porta i tifosi nel salotto social dei MondialiTER –Tavolo Editori Radio apre le adesioni per le rilevazioni degli ascolti radiofonici in Italia per il 2023. Domande entro il 16 dicembreI migliori wedding planner italiani e internazionali ospiti di Byblos Art Hotel Villa Amistà per un evento organizzato dal team del cinque stelle lusso e PalazzoEventiContinua il successo di ascolti della FIFA World Cup 2022. Brasile-Serbia tocca il 30% di share. La platea tv registra un +10% rispetto alla settimana precedente durante l'on air delle partite. Boom di traffico digital su RaiPlay
Ricerche

L'impatto dell'aumento dei costi sull'industria della Live Communication: per eventi e fiere nel 2022 serve il 45% in più di budget rispetto al periodo pre-covid, ma la domanda di produzioni 'live' continuerà ad aumentare anche nel 2023

Il nuovo studio realizzato dal Research Institute for Exhibition and Live-Communication e commissionato da Fwd, membro dell'associazione paneuropea LiveCom Alliance, mostra come la pandemia abbia generato uno scenario che ostacola la ripresa a causa dell'aumento dei prezzi, della mancanza di personale qualificato sia tra gli organizzatori che tra i fornitori e della minore capacità econonico-finanziaria degli operatori del settore.

Fwd, German Federal Association of Event Management Industry e. V., ha fornito i risultati dello studio condotto dal R.I.F.E.L. Institute, che riflette i drastici cambiamenti nel settore degli eventi in tutto il mondo dall'inizio della pandemia ad oggi.

Oltre a un aumento dei costi  legati alla produzione di eventi, lo studio ha evidenziato anche una nuova tendenza che vede privilegiare eventi digitali o in presenza a seconda della stagione.

La primavera e l'estate hanno sempre visto un aumento degli eventi dal vivo, ma ora più che mai risulta essere il momento migliore  per le aziende per investire in eventi in presenza, preferendo invece optare per eventi digitali e ibridi per il periodo che va da ottobre ad aprile.

Questo trend dimostra che anche con l'attenuarsi della pandemia, i clienti sono ancora cauti nell'organizzazione di eventi live al chiuso tutto l'anno. La primavera e l'estate consentono eventi all'aperto molto meno suscettibili alla possibile diffusione del Covid. Scegliere eventi ibridi è invece la soluzione che andrà per la maggiore.

In questo meta-studio, l'istituto ha esaminato gli aumenti dei costi dei format di eventi dal vivo e fiere dal 2019 al 2022 utilizzando vari calcoli di esempio.
Ai project manager esperti di eventi/fiere è stato chiesto di ricalcolare formati live comparabili con i calcoli disponibili dal 2019 per il 2022.
Si tratta di progetti ricorrenti, richiesti o già implementati nel 2022. I calcoli sono stati mediati per fornire un'indicazione degli aumenti dei costi. I motivi dell'aumento dei costi sono stati elaborati in focus group e confrontati con indici.
Questo è stato preceduto da un rapido sondaggio di fwd sulle sfide che il settore deve affrontare al suo riavvio all'inizio di marzo 2022 (leggi news).

 

Di seguito le principali evidenze emerse dalla ricerca.
 
Tutto sta diventando più costoso. L'attuale inflazione non si ferma colpendo anche eventi e fiere. L'intero settore risente in modo sproporzionato di questi aumenti di prezzo. A seconda del formato e delle dimensioni dell'evento/fiera, nel 2022 deve essere messo a disposizione in media il 45% di budget in più rispetto a una produzione comparabile nel 2019. I progetti di eventi/fiere più piccoli sono colpiti in modo sproporzionato (49% più costosi in media) rispetto alle produzioni di eventi/fiere più grandi (41% più costosi in media) rispetto al 2019.

“L'indagine mostra che l'intero settore risente in modo sproporzionato degli aumenti dei prezzi. Il prezzo per eventi fino a 250 persone è aumentato del 58% rispetto al 2019, per eventi con 600 persone del 55% e per eventi con un massimo di 1.500 persone del 46%. A peggiorare le cose, le vendite che sono diminuite del -68,4% nel 2022. Inoltre, c'è solo circa la metà del numero di lavoratori qualificati rispetto al 2019. Per questo motivo, innumerevoli progetti non possono essere realizzati e si perdono entrate preziose”, Alexander Ostermaier (in foto), CEO di fwd: Bundesvereinigung Veranstaltungswirtschaft, si registra con una certa preoccupazione.
 
Le ragioni dell'inflazione hanno diversa natura:
- La domanda di fiere/eventi dal vivo è attualmente in forte aumento
- La stagione degli eventi dal vivo si è ridotta da un normale periodo di 12 mesi a solo da 6 a 8 mesi
- L'aumento della domanda in un periodo più breve colpisce un minor numero di fornitori e una minore capacità di mercato
- L'aumento dei requisiti di igiene anti-covid continua a portare a costi più elevati durante gli eventi
- L'aumento generale dei costi dalle materie prime ai costi di trasporto ha un notevole impatto sui costi di produzione
- La carenza di personale in tutti i settori ha portato ad un aumento dei costi di impiego del personale anche negli eventi
- Le interruzioni della catena di approvvigionamento richiedono bypass complicati, che richiedono lavoro aggiuntivo per le operazioni coinvolte, che portano ad aumenti di prezzo
 
Conclusioni e tendenze:
Nonostante quanto descritto sopra, la domanda di eventi in presenza rimarrà elevata anche nel 2023, considerato il lungo periodo in cui non ne sono stati organizzati a causa della pandemia.
Le società appaltatrici si assumono ulteriori aumenti dei costi e cercano di garantire determinate condizioni in accordi quadro a lungo termine (in media di 5 anni).
1.000 euro si è affermato come il limite più basso per le tariffe giornaliere dei project manager. Gli specialisti senior/creativi/digitali sono significativamente più alti.
I formati digitali rimarranno in vigore e continueranno a essere implementati in modo sempre più intensivo
I clienti investono sempre più nella sostenibilità.
 
 
La survey integrale in allegato