Evento pubblico

I documentari di Doc Fest al Guggenheim di Bilbao

La manifestazione si svolgerà dal 12 al 30 settembre 2007 per la prima volta a Milano. Il MiDoc è creato in stretta collaborazione con la sede milanese del Centro Sperimentale di Cinematografia, una delle prime scuole di cinema del mondo, ed è sostenuta dal Comune di Milano.

L’Associazione Doc Fest ha presentato, dal 12 al 18 marzo, una rassegna di documentari di architettura presso il Museo Guggenheim di Bilbao, realizzata in collaborazione con il Dipartimento Education and Interpretation del museo stesso.
Un ciclo di proiezioni di eccezionale valore che, per una durata di sei giorni, mostra uno scorcio della migliore produzione documentaristica internazionale dedicata all’architettura svelatasi in ogni sua forma e declinata in ogni suo aspetto e ospitata nelle passate edizioni del Festival di Palazzo Venezia di Roma.

Doc Fest, grazie all’attività svolta nella realizzazione delle varie edizioni del Festival di Palazzo Venezia e di altre iniziative legate alla promozione del documentario in Italia e all’estero (Sole e Luna Doc Fest a Palermo, Archi Doc Fest a Venezia, Archeo Doc Fest a Napoli), ha costituito un archivio di circa 1500 film documentari sull’arte, l’architettura, il cinema, il teatro, la musica e la danza. Documentari difficilmente reperibili sul “mercato”, che sono stati così messi a disposizione di un pubblico sensibile e attento come quello del Museo Guggenheim.

Il Doc Festival di Palazzo Venezia, rassegna internazionale che ha già organizzato tre sue edizioni con grande successo di pubblico a Roma, quest’anno si trasferirà nella capitale lombarda diventando il Milano Doc Festival – MiDoc. La manifestazione si svolgerà dal 12 al 30 settembre 2007 per la prima volta a Milano. Il MiDoc è creato in stretta collaborazione con la sede milanese del Centro Sperimentale di Cinematografia, una delle prime scuole di cinema del mondo, ed è sostenuta dal Comune di Milano.

Rubino Rubini, regista di documentari e direttore di Doc Fest, dichiara: “È importante per la documentaristica di oggi viaggiare senza confini, da Roma a Bilbao, per arrivare fino a Miami e approdare a Milano.
Il nostro prossimo obiettivo, anche in vista della candidatura all’Expo 2015, è quello di contribuire a rendere la capitale lombarda, grazie al MiDoc, un punto di riferimento del documentario a livello internazionale, ampliandone l’ambito al mercato della cinematografia no-fiction”.