UPDATE:
In attesa della 60a edizione, Bologna Children’s Book Fair con BolognaBookPlus e Bologna Licensing Trade Fair/Kids protagonista di un tour che tocca quattro fiere del libro in diverse parti del mondoBea World Festival 2022. Meulendijks: “Il metaverso? Ci siamo già immersi. Nei prossimi 4 anni vedremo 100 anni di cambiamenti”Bea World Festival 2022. 'Events on Trial': a giudizio l'approccio alla sostenibilità delle agenzie. Dal 'giudice' i consigli per il futuro“envy non è una mela, è un’esperienza”. A cura di Grey, Milano ha fatto da cornice alla prima attivazione speciale sul territorio che mette al centro i consumatori e i loro sensiBea Italia Festival 2022. Location: l'evoluzione passa da territorio, tecnologia e sostenibilitàCourmayeur presenta Welcome Winter 23: il kickoff dell’inverno con Sky TG24 e la cantante AnnalisaDAZN e Cronache di spogliatoio insieme per una contaminazione editoriale che porta i tifosi nel salotto social dei MondialiTER –Tavolo Editori Radio apre le adesioni per le rilevazioni degli ascolti radiofonici in Italia per il 2023. Domande entro il 16 dicembreI migliori wedding planner italiani e internazionali ospiti di Byblos Art Hotel Villa Amistà per un evento organizzato dal team del cinque stelle lusso e PalazzoEventiContinua il successo di ascolti della FIFA World Cup 2022. Brasile-Serbia tocca il 30% di share. La platea tv registra un +10% rispetto alla settimana precedente durante l'on air delle partite. Boom di traffico digital su RaiPlay
Nielsen

Nielsen Media Research: nel 2005 investimenti su Internet a +18%

La ricerca, realizzata in collaborazione con IAB Italia e Assointernet, rileva che nel 2005 la spesa on line è stata pari a 137 milioni di euro con una crescita del 18% rispetto al 2004. Il primo settore per investimento è quello delle Telecomunicazioni che, con una spesa di circa 16,6 milioni di euro, rappresenta il 12,1% del totale advertising in rete.

Nielsen Media Research (nella foto il managing director Paolo Duranti), in collaborazione con IAB Italia e Assointernet, rileva che nel 2005 la spesa on line è stata pari a 137 milioni di euro con una crescita del 18% rispetto al 2004.

"Questa crescita risulta particolarmente positiva soprattutto nel confronto con il totale mezzi classici (tv, stampa, radio, affissioni e cinema) che chiudono l'anno al +2,8% - afferma Michele Strazzera, marketing director di Nielsen Media Research Italia - Si tratta di uno sviluppo molto importante ma che ci aspettavamo, in quanto la rete rappresenta una modalità di pianificazione nuova che le aziende sempre di più utilizzano anche in via esclusiva".

Il primo settore per investimento è quello delle Telecomunicazioni che, con una spesa di circa 16,6 milioni di euro, rappresenta il 12,1% del totale advertising in rete. Seguono Finanza/Assicurazioni (11,3%), Media/Editoria (10,8%), Servizi Professionali (8,9%) e Tempo Libero (8,7%). E' marginale invece la presenza del Largo Consumo: Alimentari, Bevande/Alcoolici, Prodotti per Gestione Casa e Toiletries sui mezzi classici rappresentano il comparto più importante (29,5%) mentre sulla rete raggiungono solo il 4%.

La tipologia pubblicitaria più utilizzata è quella dei banners, che coprono il 38,9% della comunicazione su Internet per un valore di circa 53 milioni di euro. Elevato anche l'interesse per sponsorships e bottoni (18,2%) e per le keywords (13,1%).

Per quanto riguarda i banners, il settore che ne fa più uso è quello delle TLC, con circa 4,4 miliardi di impressions. Seguono il Tempo Libero con circa 4,1 miliardi e Finanza/Assicurazioni con 3,5 miliardi. La tipologia pubblicitaria delle newsletters/e-mail viene usata prevalentemente per comunicazioni del settore Turismo/Viaggi che con i suoi quasi 4,4 miliardi di invii rappresenta il 26,1%. I settori Enti/Istituzioni e Toiletries si distinguono per l'utilizzo dell'sms: nel 2005 ne hanno inviati rispettivamente 1,3 e 1,2 milioni, mentre gli altri settori non superano i 600 mila. Circa il 50% del numero di clicks ottenuti dalle keywords si spartisce tra i settori Finanza/Assicurazioni e Servizi Professionali. Le TLC sono, per numero di giorni pianificati, ancora al primo posto per sponsorships e bottoni; seguono, a distanza, Media/Editoria, Finanza/Assicurazioni e Servizi Professionali. Le aziende che fanno comunicazione su Internet sono 1.762 con un investimento medio di circa 78mila euro.

"Un risultato quello del 2005 in linea con le nostre aspettative e comunque davvero soddisfacente – ha dichiarato Layla Pavone, Presidente di Iab Italia (nella foto). Credo sia anche importante, a chiusura di un anno davvero interessante per lo sviluppo dei media interattivi, fare un focus sul comparto dei motori di ricerca e quindi al keyword advertising, che, grazie alle logiche legate ad un modello di business "pay per click", si è rivelato un mezzo di grande appeal per le campagne con obiettivi di direct response. Infatti la piccola e media impresa italiana ha immediatamente compreso le opportunità di comunicazione di questo veicolo pubblicitario, al quale e' possibile accedere con budget molto piccoli, e che per questo motivo ha generato volumi di investimento molto importanti. Isolando gli investimenti in keyword advertising rilevati da NMR (circa 18 milioni) e sommando ad essi la raccolta diretta dei principali tre operatori specializzati in questo ambito, che quindi non viene intermediata dalle concessionarie di pubblicità/editori online attraverso rapporti di partnership, si arriva ad una stima di circa 80 milioni di euro. Quindi volendo avere un'overview più ampia del mercato la stima totale degli investimenti online arriva a circa 200 milioni La stima di crescita per il 2006 è di circa il 30% ad esclusione del comparto motori di ricerca che cresceranno presumibilmente piu' del 50%".