Nielsen

Nielsen. Nei primi sei mesi del 2012 investimenti a -9,7%

La stampa quotidiana segna un calo del 13,5% e la periodica del 14,8%. TV nel complesso a -9,5% mentre la radio si attesta a -5,5%. Internet conferma la crescita con un +11,2%. Outdoor a -14,3%, “OOH” e “Transit” rispettivamente a -7,2% e -12,5%. Cinema a -21,9%.
Prosegue il calo degli investimenti pubblicitari su tutti i mezzi, ad accezione di Internet. Dopo un primo trimestre chiuso a -7,5% e un primo quadrimestre a -8,2%, la diminuzione risulta ancora più pesante nel primo semestre, durante il quale, come si evince dai dati diffusi oggi, 4 settembre, da Nielsen, il budget destinato all'advertising è sceso complessivamente del 9,7%.

D'altra parte, il dato risulta in linea con le (sconfortanti) previsioni comunicate da AssoComunicazione all'inizio di luglio, secondo cui, a fine 2012, il mercato dell'advertising dovrebbe risultare in calo del 7%, per un totale di 8,65 mld, con raccolta negativa su tutti i media tradizioniali. UPA ha previsto per fine anno un -7,5%, dato che tra l'altro tiene conto della possibilità che il secondo semestre sia migliore del primo.

Come commenta Alberto Dal Sasso (nella foto a sx) Business Unit Director Nielsen: "Il primo semestre 2012 si è chiuso con un dato consolidato del mercato pubblicitario in calo del 9,7% rispetto al periodo omologo del 2011. In quest’ambito la stampa quotidiana segna un calo del 13,5% e la periodica del 14,8% confermando sostanzialmente il trend dei mesi precedenti. TV nel complesso a -9,5% con andamenti differenti al suo interno dovuti anche all’effetto Europei di calcio, radio che conferma esattamente il trend fermandosi ad un -5,5%; internet a +11,2% conferma la crescita ed il momento positivo. Outdoor a -14,3%, “OOH” e “Transit” rispettivamente a -7,2% e -12,5%. Cinema a -21,9%.

Calo generalizzato nei settori fatta eccezione per Tempo libero (+24,8%) e Turismo (+7,6%) con i principali (Alimentari, Automobili) che calano meno rispetto alla media di mercato (rispettivamente a -7,7% e -5,5%) e telecomunicazioni che invece continuano nel loro sentiero negativo a -19,1%, il farmaceutico infine a -1,6%.

Sul perimetro rilevato dal Nielsen il secondo semestre si confronterà con una seconda metà 2011 che aveva fatto segnare un -3,2% rispetto all’anno precedente.”

(In allegato la tabella con i dati relativi agli investimenti pubblicitari in formato pdf)

MF