Brand Identity

The Embassy firma il Rebranding di Renogroup

Nuovo logo e monogram, entrambi caratterizzati da forme morbide e avvolgenti, e che percorre tutti i nuovi materiali di comunicazione. La vera esplosione dell’unicità del brand, poi, si realizza nel video manifesto. Una comunicazione più calda rispetto ai competitor che segna una vera e propria trasformazione e che riesce a creare una risonanza maggiore anche perché approda su touchpoint ancora non utilizzati dall’azienda, come i social

Diventare grandi significa cambiare aspetto, capire quali sono i valori in cui si crede e su cui puntare e trovare il modo migliore per rendere la propria voce personale e distintiva: per questo Renogroup, azienda bolognese di packaging healthcare, si è rivolta a The Embassy, l’agenzia milanese di marketing e comunicazione che si è occupata del rebranding, necessario per raccontare sia ai clienti che ai prospect, la trasformazione dell’azienda, da Renografica a Renogroup.

Al centro del nuovo storytelling aziendale c’è la capacità di ascolto, la caratteristica differenziante di Renogroup sul mercato e che fa da motore alla realizzazione di progetti costruiti prima di tutto sulle (e grazie alle) relazioni tra persone: una capacità che acquisisce ancora più valore se supportata da dinamicità e da uno sguardo costantemente rivolto al futuro. È questo il concetto che dà forma al nuovo logo e al monogram, entrambi caratterizzati da forme morbide e avvolgenti, e che percorre tutti i nuovi materiali di comunicazione.

La vera esplosione dell’unicità del brand, poi, si realizza nel video manifesto: un video in cui Renogroup viene raccontato attraverso keyword specifiche abbinate a immagini astratte ed emozionali, coppie concettuali concretizzate in forme dinamiche, dando sempre rilevanza all’aspetto umano, guida costante del brand.

Una comunicazione più calda rispetto ai competitor che segna una vera e propria trasformazione per Renogroup e che riesce a creare una risonanza maggiore anche perché approda su touchpoint ancora non utilizzati dall’azienda, come i social: la creazione di una pagina Linkedin e di campagne dedicate a questo canale dà il via a un’apertura anche nei confronti di un pubblico diverso, più ampio, più giovane e più attento alla costruzione di relazioni durevoli.

Hanno lavorato al progetto: Fabrizio Piccolini, Creative Director, Guido Lo Pinto, Art Director, Sissi Decorato, Copywriter, Silvia Sgarbi, General Manager, Fabio Paracchini, Chief Strategy and Innovation Officer, Barbara Sammarco, Client Service Director, Costanza Poi, Account Executive.