UPDATE:
Oltre 300 imbarcazioni e 270 aziende le protagoniste della quinta edizione del Salone Nautico di Venezia. Fabrizio D’Oria: “La città si sta candidando a diventare un centro permanente per la nautica".Different presenta a Padova i risultati della ricerca sull’influencer marketing condotta da EMG Different alle aziende del Nord EstZurich torna on air con la campagna pubblicitaria a cura di 72andSunny che racconta il valore della protezione assicurativa e finanziaria. La pianificazione è affidata a DentsuCasa.it lancia la nuova campagna “La casa che cerchi” a cura di CaffeinaIl Gruppo 24 ORE supporta con tutte le iniziative editoriali e la capacità di produzione informativa la 3a edizione del Festival dell’Economia di Trento. Inclusa una campagna adv e socialPer Ichnusa, LePub realizza uno spot per dire no all'abbandono bottiglie di vetro come lascito della serata fuori: “Se deve finire così, non beveteci nemmeno”Ferrafilm e STIM Tech Group sostengono "Love is love", cortometraggio dal messaggio corale di rispetto e inclusione contro le discriminazioni sull’orientamento di genereDal Progetto Montagna, il Teatro Verdi Pordenone e Cai promuovono il debutto del "Montagna Teatro Festival": spettacoli, nuova drammaturgia, incontri, convegni, letteraturaGruppo Mondadori lancia PLAI, l’acceleratore dedicato alle startup nel campo dell’Intelligenza Artificiale Generativa. Investimento da 6 milioni nel triennio 2024-2026Serviceplan Italia vince la gara e lancia la nuova campagna corporate di Nestlé ' Il nido che condividiamo'
Nielsen

Nielsen Annual marketing report 2023: cross-medialità fondamentale nei piani media EMEA. In Italia più del 70% degli investimenti alla TV tradizionale

Nonostante la congiuntura economica sfavorevole i marketer EMEA prevedono una crescita dei budget pubblicitari ma il 68% ha dichiarato che le condizioni economiche hanno avuto un impatto significativo sulla pianificazione per il 2023.

Nielsen, leader mondiale nella misurazione dell'audience,  elaborazione dati e analisi, ha pubblicato il suo Annual marketing report 2023, da cui è  emerso che l'80% dei marketer dell'area EMEA sta includendo i canali di streaming nei  propri piani media. È interessante notare che, nonostante questa percentuale elevata,  quando si tratta di OTT-TV e Connected-TV, solo il 49% degli intervistati a livello globale  considera la spesa "estremamente efficace" o "molto efficace". 

Il quinto rapporto annuale, che ha intervistato quasi 2.000 marketer globali nel dicembre  2022, ha anche rilevato che il 67% degli intervistati riconosce, in un panorama digital-first, l'importanza di una misurazione comparabile tra i canali per garantire che si sappia chi sta  interagendo con i dispositivi e i canali che veicolano la loro pubblicità.

Tra i numerosi risultati, il report ha anche rilevato che, in media, nei mercati chiave in ambito  Emea, Internet e TV rappresentano il 69% della spesa pubblicitaria. Tuttavia, ci sono alcune  importanti differenze a livello nazionale tra alcuni dei mercati chiave:

● Nel Regno Unito, il 38% della spesa pubblicitaria è stata destinata alla TV e il 37% a Internet 

● Al contrario, la TV tradizionale è stata il mezzo con la maggiore spesa pubblicitaria in Italia (73%), Francia (54%) e Germania (47%), mentre in tutti e tre i Paesi la spesa pubblicitaria per l’online è stata molto inferiore a quella del Regno Unito (rispettivamente 8%, 16% e 16%).

L’annual marketing report 2023 ha intervistato gli operatori del settore sulle implicazioni del contesto economico recessivo, sulla spesa pianificata per i media, sul media mix comprensivo dello streaming, sulle sfide della misurazione cross-mediale e sulla tecnologia  di misurazione. Tra i risultati principali figurano anche: 

1. A parte i venti contrari dell'economia, i marketer prevedono una crescita dei  budget pubblicitari: Più di due terzi dei marketer dell'area EMEA (62%) prevedono un aumento dei budget annuali quest'anno, nonostante il 68% abbia dichiarato che le condizioni economiche hanno avuto un impatto significativo sulla pianificazione per il 2023. Di questo 62%, il 13% prevede aumenti del 50% o più. 

2. L'utilizzo di più strumenti di misurazione ostacola la fiducia in un'unica visione delle performance dell'audience: in media, il 68% dei marketer dell'area EMEA  utilizza più soluzioni di misurazione per ottenere una misurazione cross-mediale, con il 16% che utilizza da quattro a cinque strumenti di misurazione.

3. La fiducia nella misurazione del ROI è bassa sui canali digitali: In media, in tutta  l'area EMEA, la fiducia dei marketer nella misurazione del ROI sui canali digitali è  solo del 57%, il che li lascia senza i necessari approfondimenti sul ritorno della loro  spesa 

Katya Edelshtein, responsabile commerciale EMEA, ha commentato: "Il rapporto del  pubblico con la televisione continua ad evolversi e questo dà forma a quello che oggi è un  ecosistema mediatico sempre più complesso. Con la continua proliferazione dei canali, il  settore diventa sempre più frammentato e questo continua a cambiare il comportamento  dei consumatori. Ciò comporta enormi sfide per i responsabili marketing, che devono  mettere il pubblico al primo posto. Il nostro report mostra chiaramente i problemi che si  stanno affrontando quando i marketer cercano di incontrare l’audience laddove si trova. Per i manager dell'area EMEA è chiaro che i canali di streaming stanno assumendo un ruolo  sempre più importante nella strategia pubblicitaria, tuttavia constatiamo non poche difficoltà causate dalla mancanza di una consistente currency cross-media che possa generare fiducia nella valutazione dei ritorni su questi investimenti. Per fare progressi in questo senso sarà necessario un pensiero trasformativo, oltre a sfruttare input e dati di altissima qualità". 

Scaricate il report qui.