UPDATE:
In attesa della 60a edizione, Bologna Children’s Book Fair con BolognaBookPlus e Bologna Licensing Trade Fair/Kids protagonista di un tour che tocca quattro fiere del libro in diverse parti del mondoBea World Festival 2022. Meulendijks: “Il metaverso? Ci siamo già immersi. Nei prossimi 4 anni vedremo 100 anni di cambiamenti”Bea World Festival 2022. 'Events on Trial': a giudizio l'approccio alla sostenibilità delle agenzie. Dal 'giudice' i consigli per il futuro“envy non è una mela, è un’esperienza”. A cura di Grey, Milano ha fatto da cornice alla prima attivazione speciale sul territorio che mette al centro i consumatori e i loro sensiBea Italia Festival 2022. Location: l'evoluzione passa da territorio, tecnologia e sostenibilitàCourmayeur presenta Welcome Winter 23: il kickoff dell’inverno con Sky TG24 e la cantante AnnalisaDAZN e Cronache di spogliatoio insieme per una contaminazione editoriale che porta i tifosi nel salotto social dei MondialiTER –Tavolo Editori Radio apre le adesioni per le rilevazioni degli ascolti radiofonici in Italia per il 2023. Domande entro il 16 dicembreI migliori wedding planner italiani e internazionali ospiti di Byblos Art Hotel Villa Amistà per un evento organizzato dal team del cinque stelle lusso e PalazzoEventiContinua il successo di ascolti della FIFA World Cup 2022. Brasile-Serbia tocca il 30% di share. La platea tv registra un +10% rispetto alla settimana precedente durante l'on air delle partite. Boom di traffico digital su RaiPlay
Nielsen

Nielsen Media Research: '05 chiuso a 8.351 milioni; +2,8% sul 2004

"I risultati complessivi dell'anno sono superiori di mezzo punto rispetto alla previsione fatta a novembre del 2004" - spiega ad ADVexpress Paolo Duranti, managing director NMR. Per i cinque settori principali andamenti disomogenei: Alimentari -1,2%, Auto +2,2%, TLC +12%, Media/Editoria +1,6% e Bevande/Alcoolici -8,1%.

Secondo gli ultimi dati elaborato da Nielsen Media Research, il 2005 si è chiuso con investimenti pubblicitari pari a circa 8.351 milioni di euro con una crescita del +2,8% sul 2004. La Televisione, la Stampa e l'Affissione hanno fatto registrare valori positivi, la Radio è rimasta stabile e il Cinema ha rallentato.

Per quanto riguarda i cinque settori più importanti, gli andamenti sono stati disomogenei: Alimentari -1,2%, Auto +2,2%, TLC +12%, Media/Editoria +1,6% e Bevande/Alcoolici -8,1%. I Top Spender del 2005 sono stati nell'ordine: Unilever, Ferrero, P&G, Vodafone, TIM e Barilla.

La Televisione ha segnato sull'anno il +2,7%. Per quanto riguarda i Settori, in flessione gli Alimentari (-2,2%) e le Bevande/Alcoolici (-6,9%), in crescita le Auto (+0,8%), le TLC (+14,8%) e il Media/Editoria (+2,4%).

La Stampa, nel suo complesso, ha aumentato la raccolta del +3,5%. I Quotidiani sono cresciuti del +2,7% superando i 1.767 milioni, con trend differenziati a livello di tipologie di testate. La Commerciale Nazionale è a +4,3%, la Locale a +1,1% e la Rubricata e la Di Servizio sono a +0,8%. Sui Quotidiani hanno aumentato gli investimenti le Auto (+10,3%) e la Finanza/Assicurazioni (+17,3%), mentre hanno rallentato la Distribuzione (- 16,7%) e le TLC (-6,1%). I Periodici sono cresciuti del +4,5%. Trainanti sono stati l'Abbigliamento (+9,6%), gli Alimentari (+15,9%) e gli Oggetti Personali (+4,4%). Hanno frenato l'Abitazione (-5%), la Cura Persona (-6,3%) e le Auto (-4,1%).

La Radio, con 401 milioni di investimenti, è rimasta stabile sui valori del 2004 (+0,3%). L'importante exploit di Finanza/Assicurazioni (+64,1%) è stato bilanciato dalle performances negative delle Auto (-6,9%), degli Alimentari (-8,5%) e del Media/Editoria (-1,2%).

Trend positivo per l'Affissione (+3,4%). In negativo il Cinema (-8,3%).

Nielsen Media Research, in collaborazione con IAB Italia e AssoInternet, fornisce anche i dati relativi agli investimenti pubblicitari su Internet. Nel 2005 la spesa è stata pari a 137 milioni di euro, in crescita del +18% sul 2004.

Contatto da ADVexpress, Paolo Duranti, managing director di Nielsen Media Research (nella foto), commenta: "I risultati sono superiori alle previsioni. Nel novembvre 2004 avevamo infatti delineato per l'anno seguente una crescita intorno al 2,3%. Oltre a questo mezzo punto in più sulle previsioni, è positivo anche il fatto che emerga  una sostanziale convergenza fra le previsioni e il consuntivo, sia per quanto riguarda i 15 settori merceologici da noi esaminati, sia per quello che conerne i singoli mezzi".