UPDATE:
Cannes Lions 2024. Bartoletti (Indiana Production): "I due argenti a Coordown premiano una campagna che scardina i format tradizionali e suggerisce un valore universale"Cannes Lions 2024. Eoin Sherry (LePub Italy) sul Leone d'Oro a 'Pub Museums' per Heineken: "Una campagna che trasforma i pub storici in experience di brand"Cannes Lions 2024. Droga (Accenture Song): “Nessun timore o nostalgia: la creatività che nasce dalle ricerche è molto peggio di quella generata dall’IA”. Murati (Open AI): “Non temere la tecnologia ma sperimentarla. Lavoriamo per renderla più facile"Cannes Lions 2024. Di Bruno/Dionisi BBDO Italy: "L'Argento a Make Italy Green per E.ON riconosce un lavoro di team con il cliente e il legame forte del purpose aziendale con la mission di portare energia pulita"De Vecchi (VML Health): "Il bronzo a “Not A Lonely Journey” di VML Italy per Biogen un primo traguardo per una campagna progettata per dimostrare, tramite l’esperienza diretta dei pazienti SMA, che una condizione differente è possibile".Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USACannes Lions 2024. Venturelli (Publicis Groupe): “Nell’era del post-purpose, vincono i brand capaci di trasformarlo in una leva di business. Nessuna invasione dell’IA, usata però per realizzare ciò che sarebbe altrimenti impossibile”A Catania la tappa italiana dell'International Recycling Tour, progetto internazionale di Every Can Counts per la raccolta "on the go" delle lattine per bevandeIGPDecaux si aggiudica un contratto di 13 anni per la metropolitana, gli autobus e i tram di RomaCannes Lion 2024 | Argento all'Italia in Health & Wellness con Small/Indiana Production per 'Assume That I Can' di Coordown. Bronzo a VML nel Pharma per 'Not a Lonely Journey' di Biogen. Premiati umorismo e purpose come leva di business e sviluppo sociale
Eventi

Evolution GROUP insieme ad Harvard Business School Club of Italy per la 3a edizione del European Alumni Summit. Presenti oltre 250 manager e aziende da tutto il mondo

La società, tra gli sponsor dell'iniziativa, inaugurerà a breve il suo nuovo hub tecnologico a Mercato San Severino, in provincia di Salerno. Uno spazio di mille metri quadrati pensato, tra le altre cose, per garantire prospettive lavorative a centinaia di giovani.

Si è concluso da pochi giorni l’Harvard Business School European Alumni Summit 2024, prestigioso appuntamento organizzato dalla Harvard Business School Club of Italy, associazione Italiana collegata direttamente alla Harvard Business School e, indirettamente, alla Harvard University, tenutosi quest’anno per la prima volta in Italia, a Milano dal 10 al 12 maggio 2024.

L’evento, il cui main focus è stato la “Geopolitical Disruption” e i suoi impatti nel business mondiale, ha visto la partecipazione di oltre 250 manager diplomati della prestigiosa Business School americana e provenienti da tutto il mondo e anche quest’edizione ha potuto vantare un programma con ospiti di primo livello, oltre a una serie di aziende che hanno sposato l’iniziativa, tra le quali spicca il nome di Evolution GROUP, presente in qualità di sponsor.

Per la tech company leader nel settore della tecnologia web e pubblicità, la partnership con il Summit europeo degli alumni della Harvard Business School rappresenta un tassello strategico all’interno di un progetto di più ampio respiro legato al mondo della formazione, con particolare attenzione ai temi legati all’editoria digitale.

Non è un caso, infatti, che la collaborazione nasca ora, anno in cui Evolution inaugurerà a breve il suo nuovo hub tecnologico a Mercato San Severino, in provincia di Salerno. Uno spazio di mille metri quadrati pensato, tra le altre cose, per garantire prospettive lavorative a centinaia di giovani.

Insomma una vision che guarda lontano per una società che intende investire in modo importante in ambito accademico, con l’obiettivo di mettere a disposizione il proprio know how a beneficio delle nuove generazioni. Si inseriscono in questo percorso anche due accordi con il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione ed Elettrica e Matematica Applicata (DIEM) e il Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione (DISPC) Università di Salerno, ubicata a soli 3 chilometri dal nuovo polo tecnologico e con la quale la tech company sta già lavorando per un dottorato di ricerca della durata di 3 anni (legato al mondo dell’AI) e per una serie di borse di studio.

“In Evolution abbiamo alle spalle una storia di crescita significativa che nasce innanzitutto da uno studio costante e puntuale delle principali novità e trend sul mercato digitale, che ha portato il nostro Gruppo ad attestarsi come eccellenza nazionale e internazionale – afferma Marco Lenoci (a sinistra nella foto), CEO di Evolution GROUP Sentiamo di avere una responsabilità in tal senso e vogliamo essere un punto di riferimento  formativo-informativo per tutti coloro che vogliono acquisire i giusti strumenti per potersi muovere all’interno dei nuovi scenari che ci circondano. Per questo motivo tra gli elementi che abbiamo identificato tra i prioritari nel nostro piano aziendale per i prossimi anni vi è proprio l’ambito accademico. Appare evidente come ormai il mondo in cui viviamo si muova a una velocità incredibile e per stare al passo pensiamo sia indispensabile preparare adeguatamente i talenti del domani”

“Desidero esprimere il mio più sincero apprezzamento e gratitudine verso Evolution Group per il loro straordinario supporto durante il nostro European Alumni Summit - conclude Paolo Lugiato (a destra nella foto), Vicepresidente dell'Harvard Business School Club of Italy - L'evento, che ha avuto luogo per la prima volta a Milano, ha rappresentato un'occasione unica di incontro e scambio per i nostri alumni provenienti da tutto il mondo.

Grazie anche al sostegno di Evolution Group, siamo stati in grado di organizzare un Summit di grande successo che ha stimolato discussioni profonde e costruttive, promuovendo una rete sempre più solida tra i nostri membri della comunità di Harvard Business School in Europa.”