Evento sportivo

Milano Cortina 2026: 'Futura' è il logo scelto con votazione popolare online per i Giochi Olimpici invernali

Simbolo ufficiale delle prossime Olimpiadi invernali, è stato selezionato per la prima volta nella storia della kermesse, dalle persone e dagli appassionati di sport che in oltre 870mila hanno partecipato al referendum. Il dito che scrive sulla neve è un simbolo che richiama la sostenibilità e l’inclusione. La versione paralimpica con i colori primari rosso, verde e blu

A mezzanotte di domenica 28 marzo si è chiusa la votazione per scegliere l’emblema ufficiale delle Olimpiadi di Milano Cortina 2026. “Dado” e “Futura”, i due simboli presentati sul palco di Sanremo lo scorso 6 marzo dagli Ambassador Federica Pellegrini e Alberto Tomba e ideati da Landor, società di Wpp che ha vinto la gara indetta dalla Fondazione Milano-Cortina per le sue prime attività di comunicazione, hanno ricevuto 871.566 voti validi provenienti dall’Italia e da altre 168 nazioni, con una partecipazione dall’estero che si approssima al 10%.

Il logo vincitore, che diventerà il simbolo ufficiale delle Olimpiadi di Milano Cortina 2026, è 'Futura'. L'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa in modalità digitale che si è svolta il 30 marzo alle ore 12 su Facebook, alla pagina di Milano Cortina 2026, in diretta streaming dalla Torre Isozaki di Milano, sede della Fondazione Milano Cortina 2026, e dal Salone d’Onore del Coni di Roma.

E’ la prima volta nella storia che l’emblema dei Giochi viene scelto dalle persone e dagli appassionati di sport con una votazione popolare online.

Il logo Futura, scelto dal 75% dei votanti, è la traccia lasciata da un dito sulla neve, a simboleggiare l’impatto leggero che la manifestazione avrà dal punto di vista ambientale. I designer hanno voluto scegliere il bianco proprio per questo motivo, ma anche perché simbolo di un altro messaggio, profondamente intrinseco nella comunicazione olimpica, e cioè l’inclusione e la parità di tutti.

In occasione della conferenza stampa è stato presentato anche il logo ufficiale delle Paralimpiadi, sempre il disegno di Futura ma con colori che richiamano l’aurora, in ricordo dell’unicità dell’aurora boreale arrivata fino a Cortina d’Ampezzo nel 2003. Un logo che rappresenta l’unicità, l’inclusione e la sostenibilità dei Giochi Olimpici del 2026, e che include soprattutto il mondo degli ipovendenti, che anche se non possono vedere il simbolo sono tutti accomunati dal simbolo del cielo.

"Il logo Futura è molto elegante. Sono contento che il comitato olimpico internazionale e gli stakeholder avevano già espresso la loro opinione. È un simbolo da sostenere, da indossare e farà da apripista alle nuove generazioni anche nella grafica" ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò. Anche l’assessore allo Sport Roberta Guaineri ha elogiato la scelta degli italiani, definendo l’emblema "molto milanese, perché discreto, essenziale", innovativo simbolo "nella Milano del design e nell’Italia del buon gusto"

La sei volte campionessa Olimpica di fioretto, Valentina Vezzali, emozionata per essere entrata da sottosegretaria allo Sport nel Salone d’Onore del Coni, ha così commentato: "Le Olimpiadi sono un’occasione per inorgoglire l’Italia e rappresentare il Mondo. Da qui la decisione che la scelta del logo di Milano Cortina fosse condivisa con tutti gli italiani, poiché i giochi olimpici saranno di tutta l’Italia e saranno una leva in grado di aiutare l’Italia a rialzarsi".

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha aggiunto che "pensare ai Giochi Olimpici 2026 fa emergere la convinzione che stiamo guardando verso il futuro e che siamo in prossimità del superamento di questo drammatico anno. Nel 2026 presentermo una Lombardia, un Veneto e un’Italia rinnovati, più forti e con più voglia di fare".

"Le Olimpiadi 2020 sono un progetto nuovo e sostenibile che guarda all’Agenda 2020. Cortina e le altre città e regioni che ospiteranno i giochi si stanno preparando ad ospitare i Giochi Olimpici, che tornano a Cortina dopo 70 anni" ha commentato il sindaco di Cortina Giampietro Ghedina.

Per l'Amministratore Delegato della Fondazione, Vincenzo Novari, "il logo Futura ha avuto la meglio sull'altyro proposto con una vittoria schiacciante, raggiungendo il 75% dei consensi. I due loghi rappresentano due modi di interpretare i giochi e la montagna. Questo logo bianco su bianco è la narrazione di ciò che vogliamo realizzare in questi 5 anni ed è coerente con il tocco lieve che vogliamo adottare, un progetto non invasivo ma di sostenibilità, sia economica che ambientale che sociale".