Scenari

Osservatorio Digital B2b. Con documenti di trasporto digitali un risparmio da 18 mld di euro per il Paese. L'ecommerce B2b di prodotto vale 265 mld di euro, +10%

Italia prima in Europa nella fattura elettronica, ma solo un’impresa su tre emette Documenti di Trasporto digitali. Cresce il commercio elettronico B2b di prodotto, ma è ancora solo il 21% del transato tra imprese relativo alle filiere di prodotto. L’automazione del ciclo ordine-pagamento permetterebbe di risparmiare 58 minuti e 22 euro per ogni ciclo, un beneficio pari al 52% della performance.

Nella digitalizzazione delle relazioni B2b, l’Italia vive un vero e proprio paradosso: prima in Europa nella fatturazione elettronica e nella conservazione digitale, ma in grave ritardo nei Documenti di Trasporto elettronici e nell’eCommerce B2b. 

Infatti, solo il 35% delle imprese italiane emette Documenti di Trasporto digitali e solo il 22% li riceve. Eppure, i benefici della digitalizzazione di questa fase intermedia del ciclo dell’ordine sono evidenti: se in Italia si introducesse un obbligo generalizzato di trasmissione dei DdT in formato elettronico strutturato si otterrebbe un risparmio di 18 miliardi di euro, in gran parte grazie a un aumento di produttività (99,7%), oltre che a una riduzione di materiali (0,2%) e del tempo di ricerca in archivio (0,1%). Tale risparmio è pari a oltre 8 volte la spesa attuale delle imprese italiane in cybersecurity e oltre 20 volte il mercato dell’Artificial Intelligence in Italia. Risorse che potrebbero essere reinvestite in dotazione tecnologica o contribuire al raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione dell’Italia.

L’eCommerce B2b di prodotto, cioè il valore delle transazioni in cui l’ordine viene scambiato in formato digitale, nel nostro paese ha raggiunto il valore 265 miliardi di euro nel 2023, in crescita del +10% rispetto al 2022, ma pari ancora solo al 21% del transato B2b italiano nelle filiere di prodotto. E, ad oggi, solamente il 42% delle imprese ha almeno uno strumento di eCommerce già avviato.

Guardando ai prossimi 12 mesi, le priorità per le imprese sono chiare: gli investimenti in tecnologie per il Digital B2b si concentreranno su sistemi di gestione elettronica documentale (per il 35%), cloud (22%) e sistemi ERP (19%). Ma un terzo delle aziende investirà meno dell’1% del fatturato e solamente lo 0,4% ha allocato un budget che supera il 10% del fatturato: numeri troppo bassi per soluzioni integrate che siano alla base della strategia di digitalizzazione dell’impresa.

Sono alcuni risultati della ricerca dell’Osservatorio Digital B2b della School of Management del Politecnico di Milano presentata questa mattina al convegno “Lepre o tartaruga? Il paradosso del B2b italiano” presso l’ateneo milanese.

“La digitalizzazione nel B2b procede a due velocità – afferma Riccardo Mangiaracina (nella foto), Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Digital B2b -: da un lato gli obblighi normativi ci hanno portati a essere primi in Europa per la fatturazione elettronica, dall’altro l’adozione spontanea di soluzioni digitali nelle imprese fatica a procedere. Sul primo fronte siamo così avanti rispetto all’Europa che ora paradossalmente le Direttive rischiano di obbligarci a ripartire da zero, su altri siamo così indietro da faticare a competere alla pari con le imprese europee. Dobbiamo lavorare in modo unito per difendere gli investimenti già effettuati mettendo in luce i benefici derivanti dalle nostre soluzioni e spingere in modo deciso sull’acceleratore per colmare i gap rispetto ad altri Paesi”.

La digitalizzazione dei documenti di trasporto è ancora ferma al palo, in larga parte per le resistenze culturali dei partner di business – rileva Paola Olivares (nella foto), Direttrice dell’Osservatorio Digital B2b -. I tempi sono maturi per ipotizzare in questo ambito un approccio "top-down law-driven" che imponga a livello nazionale un obbligo generalizzato di trasmissione del DdT in formato elettronico strutturato. Una tale scelta consentirebbe al sistema Italia di raggiungere enormi vantaggi e di posizionarsi come leader nella transizione al digitale dei documenti e dei flussi informativi”.

Le novità dall’Europa. Sono diversi i progetti e le evoluzioni normative in discussione Europa per rendere più standardizzati i servizi di digitalizzazione di processi interni e di relazione con i partner di business. La nuova versione di eIDAS 2.0, introduce l’eArchiving come servizio fiduciario abilitante la ricezione, la conservazione, la consultazione e la cancellazione dei dati elettronici con reciproco riconoscimento tra gli Stati membri. Legato a questo regolamento, però, ci sono potenziali rischi nella scelta di standard e specifiche da adottare, poiché l’Italia si è dotata in anticipo rispetto al resto dell’Europa di un quadro normativo organico. Sarà conveniente per l’Europa attingere dalla nostra esperienza, anziché intraprendere strade sconosciute.

Il regolamento eFTI (Electronic Freight Transport Information) e il protocollo addizionale sulla Convenzione del CMR (la lettera di vettura internazionale utilizzata a livello comunitario per il trasporto a titolo oneroso di merci su strada a mezzo di veicoli), invece, intendono digitalizzare i documenti della logistica incentivando la valorizzazione dei dati e l’automazione dei processi, per ridurre i costi e ottenere maggiore interoperabilità tra sistemi informatici, più trasparenza dei task di diversi soggetti, più allineamento agli standard internazionali di sostenibilità. In questo fronte, l’Italia presenta un forte ritardo: le complessità da affrontare per digitalizzare il processo di consegna sono diverse e in vista del recepimento del regolamento europeo eFTI e del protocollo eCMR, un obbligo di digitalizzazione dei Documenti di Trasporto sul territorio nazionale snellirebbe le attività amministrativo-contabili delle imprese.

Gli approcci di eCommerce B2b. Le diverse soluzioni di eCommerce B2b adottate dalle imprese dipendono dalla combinazione delle funzionalità del sito, dall’importanza di questo nella strategia aziendale, dall’organizzazione interna e dall’integrazione tecnologica.

Il 48% delle imprese italiane ha un approccio da “infante”, con iniziative semplici di siti vetrina o punti di raccolta di richieste d’ordine. Il 31% è “adolescente”, con un buon grado di consapevolezza sull’importanza dei nuovi canali nella relazione con i clienti B2b, ma arretrato sul fronte organizzativo e tecnologico. Il 21% è “adulto”, con hub per tutte le fasi del ciclo esecutivo, dall’emissione dell’ordine al relativo pagamento, integrando servizi avanzati di reportistica o di personalizzazione e visualizzazione dei prodotti tramite realtà virtuale. Questi step non sono necessariamente obbligatori: in alcuni casi potrebbe essere sufficiente un sito vetrina o transazionale in cui il pagamento e la logistica sono gestiti in modo non integrato, in altri servono configurazioni evolute a cui arrivare anche senza essere passati per quelle meno mature.

I vantaggi dell’automatizzazione. Tra le tecnologie B2b future, il 9% delle imprese intende introdurre strumenti di Robotic Process Automation per automatizzare i processi aziendali. Ad oggi solo il 10% delle imprese italiane li ha introdotti. In uno scenario automatizzato nel ciclo ordine-pagamento, con una gestione digitale dei principali documenti esecutivi e l’introduzione di robot per l’automazione delle attività più ripetitive e standardizzabili, i vantaggi sono evidenti: si stima un risparmio di 58 minuti e 22 euro per ogni ciclo, ossia un beneficio pari al 52% della performance di partenza. Un vantaggio particolarmente evidente nella gestione delle fatture (-86% in termini di tempo) e delle non conformità (-74%).

 

*L'edizione 2023/2024 dell'Osservatorio Digital B2b è stata realizzata in collaborazione con Credemtel, Consorzio Dafne, Ediel, GS1 Italy, Metel, Big Commerce, Calicantus, EOS Reply, Indicom Document Care, Intesa Sanpaolo, Liferay, SMC, Tekne, Tesisquare, Zucchetti, American Express, Arxivar, Blue Reply, Edicom, Edison, EY, Intesa, a Kyndryl Company, IDM, Siav, Talea Consulting, Top Consult, TSeed Visa e con il patrocinio di AgID