UPDATE:
Oltre 300 imbarcazioni e 270 aziende le protagoniste della quinta edizione del Salone Nautico di Venezia. Fabrizio D’Oria: “La città si sta candidando a diventare un centro permanente per la nautica".Different presenta a Padova i risultati della ricerca sull’influencer marketing condotta da EMG Different alle aziende del Nord EstZurich torna on air con la campagna pubblicitaria a cura di 72andSunny che racconta il valore della protezione assicurativa e finanziaria. La pianificazione è affidata a DentsuCasa.it lancia la nuova campagna “La casa che cerchi” a cura di CaffeinaIl Gruppo 24 ORE supporta con tutte le iniziative editoriali e la capacità di produzione informativa la 3a edizione del Festival dell’Economia di Trento. Inclusa una campagna adv e socialPer Ichnusa, LePub realizza uno spot per dire no all'abbandono bottiglie di vetro come lascito della serata fuori: “Se deve finire così, non beveteci nemmeno”Ferrafilm e STIM Tech Group sostengono "Love is love", cortometraggio dal messaggio corale di rispetto e inclusione contro le discriminazioni sull’orientamento di genereDal Progetto Montagna, il Teatro Verdi Pordenone e Cai promuovono il debutto del "Montagna Teatro Festival": spettacoli, nuova drammaturgia, incontri, convegni, letteraturaGruppo Mondadori lancia PLAI, l’acceleratore dedicato alle startup nel campo dell’Intelligenza Artificiale Generativa. Investimento da 6 milioni nel triennio 2024-2026Serviceplan Italia vince la gara e lancia la nuova campagna corporate di Nestlé ' Il nido che condividiamo'
Sondaggi

Studenti.It, Bullismo e Cyberbullismo: due studenti su 10 dichiarano di aver subito atti di violenza. Solo il 9% dei giovani dice di essere stato vittima di bullismo sui social media

Secondo un'indagine condotta sul sito del brand Mondadori, che ha coinvolto oltre 4mila ragazze e ragazzi, il 43% dei casi di bullismo avviene a scuola; solo il 9% sui social. Il 3% delle vittime ha scelto di denunciare.

In occasione della Giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo, Studenti.it ha intervistato oltre 4.000 ragazze e ragazzi, utenti del sito, per indagare quanto i due fenomeni sociali siano diffusi tra i giovani e capire, tramite le loro opinioni, come poter intervenire e prevenire questo genere di violenza. 

Studenti.it ha chiesto alle studentesse e studenti partecipanti al sondaggio le loro esperienze. Il 10% dei giovani ammette di essere stato vittima di bullismo, il 2% di cyberbullismo, mentre l’8% ha dichiarato di aver subito entrambe le forme di violenza. Il restante 80% del campione dichiara di non essere mai stato importunato o infastidito. 

Studenti.it ha inoltre domandato il motivo per cui, secondo loro, i bulli si comportano da tali con i loro coetanei.

Il 37% crede che si tratti di persone deboli che cercano di dimostrare di essere forti. Il 16% ritiene invece che dipenda da una cattiva educazione e che i bulli sono persone prepotenti a cui nessuno ha mai posto limiti. Secondo il 9% degli intervistati, chi fa atti di bullismo non teme le conseguenze delle proprie azioni, mentre l’8% ritiene che il motivo si nasconda nel non saper accogliere e rispettare la diversità. Non sa darsi una spiegazione il restante 30%.

Studenti.it ha rilevato che è proprio la scuola il luogo in cui avvengono più di frequente gli atti di bullismo: è stato così per il 43% degli intervistati, mentre il restante 48% ha subito questo genere di violenza in altri contesti, fuori dalle mura scolastiche. Solo il 9% dei giovani dichiara di essere stato vittima di bullismo sui social media, in particolare su TikTok (4%), Instagram (3%) e Youtube (2%). 

Mentre il 24% degli intervistati ha subito bullismo senza reagire, il 22% si è difeso autonomamente a tali atteggiamenti di prepotenza. Alcuni giovani si confidano con la famiglia (12%), altri con i professori (5%), ma solamente il 3% ha scelto di denunciare legalmente l’accaduto. 

Il 42% degli intervistati ritiene che le vittime non si espongono legalmente per paura di ritorsioni. Il 36% pensa che la causa sia nella rassegnazione, nella convinzione che denunciare non servirà a cambiare le cose. Per il 22% la motivazione è da ricercare nel non sentirsi protetti da chi dovrebbe, invece, tutelarli. 

Secondo il 41% dei rispondenti all’indagine di Studenti.it, per combattere il bullismo e cyberbullismo occorre introdurre pene più severe, oltre a promuovere attività di sensibilizzazione nelle scuole (39%). Sarebbe invece molto utile, per il restante 20%, inserire all’interno della scuola una figura professionale di riferimento, come un tutor o uno psicologo a cui rivolgersi in caso di aiuto.

Il tema del bullismo e del cyber-bullismo tocca da vicino la Generazione Z. Come dimostrano i dati dell'indagine di Studenti.it, un'elevata percentuale di ragazzi e ragazze ne è vittima e non sempre trovano la forza o il coraggio per denunciare. Anche Webboh si è sempre schierato dalla parte di chi subisce quella che è una violenza a tutti gli effetti e cerchiamo di sensibilizzare sul tema, anche collaborando con alcune onlus attive nel settore” dichiara Giulio Pasqui, CEO di Webboh.it.