Partner

Inizia la nuova era UNA, con Nenna presidente e Arduini, Cornelli e Pasqualotto vicepresidenti. Nenna: "Partiamo con il giusto slancio. Responsabilità, crescita e partecipazione i concetti chiave. Il 14 maggio il prossimo Consiglio Direttivo"

Marianna Ghirlanda, CEO di DLVBBDO, è stata eletta presidente del Centro Studi, Eugenio Bona è confermato alla presidenza di Assap Servizi. Stefano Del Frate ricoprirà l'incarico di direttore generale, mentre ad Alessandro Ubertis è stata attribuita la carica di Presidente emerito. 5 gli hub verticali all'interno di UNA: Media, PR, Eventi, Retail, Digital & Innovation.

Sarà Emanuele Nenna a guidare UNA, Aziende delle Comunicazioni Unite, per i prossimi tre anni.

Lo ha stabilito il Consiglio Direttivo dell'Associazione nata dalla fusione di Assocom e Unicom, eletto ieri, 11 aprile, dopo una lunga giornata di lavori durante la quale gli Associati sono stati chiamati a scegliere i 12 Consiglieri (ricordiamo che Michele Cornetto è entrato di diritto nel Consiglio Direttivo perché nominato della consulta territoriale, ndr.) i quali a loro volta hanno votato il Presidente Nenna. 

A supportare Nenna nel suo compito sarà dunque il Consiglio Direttivo composto da:

Graziana Pasqualotto (OMG) - Vice Presidente

Andrea Cornelli (Aida & Partners) - Vice Presidente

Davide Arduini (Acqua Group) – Vice Presidente

Michele Cornetto (Tembo) - Rappresentante della Consulta territoriale

Ottavio Nava (We Are Social) - Consigliere

Alessandra Giaquinta (Dentsu) - Consigliere

Davide Boscacci (Publicis) - Consigliere

Federico Rossi (Sintesi) - Consigliere

Stefano Capraro (Ideal) - Consigliere

Massimiliano Gusmeo (True Co.) - Consigliere

Saverio Addante (Promomedia) - Consigliere

Mauro Miglioranzi (Cooee) - Consigliere

 

UNA

 

A questi nomi si aggiungono Stefano Del Frate, Direttore generale, Marianna Ghirlanda (DLV BBDO), nominata Presidente del Centro Studi UNA, ed Eugenio Bona (Media Italia) che presiederà il Consiglio di Amministrazione di ASSAP Servizi. L'Ad di ASSAP Servizi sarà Stefano Del Frate, mentre Marzia Curone, Alessandro Ubertis e Roberto Amarotto sono stati nominati Consiglieri. 

Poche le novità rispetto ai nomi già indicati da Nenna nei giorni scorsi quando, dopo aver svelato su LinkedIN i punti chiave del suo programma (leggi news), aveva anticipato le persone che avrebbe votato come membri del Consiglio Direttivo, motivando anche le ragioni delle sue scelte (leggi news). 

Nella lista ufficiale dei Consiglieri mancano all'appello Roberto Locatelli, Francesco Mazzo e Massimo Cicatiello, che figuravano tra i 'preferiti' di Nenna, ma sono comparsi Massimiliano Gusmeo e Mauro Miglioranzi

Interpellato a caldo da ADVexpressTv sull'esito delle elezioni e sulla nuova governance, Nenna ha spiegato di essere molto orgoglioso di essere stato eletto alla presidenza di UNA e soddisfatto della squadrà che lo affiancherà in questo ruolo.

Come ha affermato ai nostri microfoni, la scelta dei tre vicepresidenti è significativa: Graziana Pasqualotto, oltre ad essere il primo vicepresidente donna, rappresenta un grande gruppo di comunicazione e viene dal media, la cui crescente importanza strategica nel mondo della comunicazione è nota a tutti; Davide Arduini proviene dal mondo Unicom e da un'agenzia indipendente e testimonia il peso politico e operativo di Unicom in UNA; Andrea Cornelli, oltre a guidare PR Hub, il primo hub nato in seno ad Assocom, è stato tra coloro che hanno contribuito fattivamente alla nascita di UNA, gestendo in prima persona le criticità. 

"Sono molto felice di questa possiblità che mi ha stata data - ha affermato Pasqualotto - . Si tratta della mia prima esperienza in campo associativo e ho tanta voglia di fare. Credo che in ambito media UNA possa fare molto anche dal punto di vista della formazione, spesso carente per chi vuole diventare un professionista del settore".

"Credo che la nascita di UNA sia un segnale positivo, di unione e di superamento delle barriere - ha dichiarato Arduini - . Abbiamo grandi aspettative su noi stessi e il mercato ne ha su UNA, per questo affronterò il mio lavoro con entusiasmo".

"In un contesto in forte trasformazione UNA nasce per aiutare le aziende associate ad anticipare il cambiamento, al di là dei credo professionali - ha detto Cornelli - . Abbiamo un compito di grande responsabilità: dobbiamo aiutare il mercato ad adeguarsi alle nuove richieste". 

Alla guida del Centro Studi, Marianna Ghirlanda, come ha sottolineato Nenna ai microfoni di ADVexpressTv, avrà il compito di coordinare un gruppo di professionisti proattivo nella produzione di contenuti di valore:  "UNA deve accreditarsi anche presso i media generalisti e l'unico modo per farlo è attraverso ricerche e studi realizzati grazie al nostro Osservatorio, che è già attivo in tal senso", ha detto Nenna.

Per il fondamentale contributo apportato alla nascita di UNA, Alessandro Ubertis è stato proclamato Presidente Emerito di UNA. Nel ruolo di tesoriere Calogero Chioggia, ex CFO di FCB, mentre sono stati nominati revisori Matilde Artusi (BBDO) e Fabio Sperti (Serviceplan). 

Dai probiviri, Fidelio Perchinelli, Giorgio Bonifazi e Diego Masi, il presidente Nenna si aspetta un contributo attivo. Come ha affermato ai nostri microfoni, si tratta di professionisti stimatissimi il cui incarico sarà di sostanza e non di forma. "Tra i loro compiti, quello di valutare l'ammissibilità dei nuovi associati, operando una selezione basata sulla qualità". 

I PUNTI CHIAVE DEL PROGRAMMA

Passando al programma, i concetti chiave saranno tre: responsabilità, crescita e partecipazione.

Come ha spiegato Nenna ad ADVexpressTv, la responsabilità di UNA nei confronti del mercato va intesa sotto quattro differenti aspetti: trasparenza, che genera rispetto, valore e fiducia; qualità, nel senso che l'Associazione deve essere garanzia di qualità e le agenzie che vi entrano devono avere di conseguenza un livello qualitativo adeguato; etica, poiché i messaggi che le agenzie trasmettono nello svolgimento della professione devono essere positivi ed eticamente corretti; presenza, perché UNA deve partecipare a tutti i momenti di confronto più importanti in cui si parla di comunicazione. 

Anche il concetto di crescita ha varie sfaccettature, come ha sottolineato Nenna: crescita innanzitutto numerica, da ottenersi attraverso l'ingresso di nuovi associati (sono 180 quelli attuali, ndr.) che rispondano ai requisiti richiesti; crescita degli investimenti, da convogliare in progetti che generino valore, proposti dagli stessi associati; infine crescita professionale, ovvero iniziative di formazione per gli stessi membri di UNA e per tutti gli associati.

E poi partecipazione. Che significa innanzitutto hub, gruppi su tematiche verticali. 5 quelli in seno a UNA, con almeno 5 agenzie ognuno: Media, PR, Eventi, Retail, Digital & Innovation. Ma partecipazione intesa anche come presidio del territorio grazie alle consulte territoriali (attualmente 5: Piemonte, Triveneto, Emilia Romagna e Marche, Lazio e Toscana, Sud) e coinvolgimento in prima linea negli eventi. Come ha detto Nenna ai microfon di ADVexpressTv, restano confermati naturalmente IF! e Comunicare Domani, il cui format verrà rivisto, inoltre UNA è già coinvolta nei progetti Effi Awards e Italia che comunica, ma a questi dovranno aggiungersene altri in futuro. 

Senza dimenticare i gruppi di lavoro, a cui tutti possono partecipare. "Invito anche chi non è stato eletto a dare il suo contributo con proposte e idee", ha tenuto a precisare il neo presidente di UNA. 

E per quanto riguarda i rapporti con le altre Associazioni? "Siamo già al fianco di ADCI per alcune iniziative e stiamo dialogando con Assorel che ha dimostrato molta apertura nei nostri confronti", ha dichiarato Nenna ai nostri microfoni. 

Per le prime proposte, appuntamento al 14 maggio prossimo, quando è prevista una nuova riunione del Consiglio Direttivo

Serena Piazzi