UPDATE:
Medallia lancia quattro innovazioni rivoluzionarie nel campo dell'intelligenza artificialeAl via l’edizione primaverile di “La Lettura Intorno – BookCity tutto l’anno”, ideato con Fondazione Cariplo. Dal 21 al 24 marzo oltre 50 appuntamenti in tutti i Municipi della cittàLactalis lancia il programma “DISrACTIVE” per educare e agire contro le condizioni di fragilità e disagio e a favore dell’inclusioneEugenio De Marco è il nuovo Direttore di Facile.itOMG nel 2023 supera il miliardo di billing (+12%) e segna +15% dei ricavi. Il 2024 anno della svolta: attesa ulteriore crescita del +10% e focus su dati, martech & AI, retail media, misurazione, CSR e nuovi modelli di sviluppo global. Mercato adv a +2,5%Rai Pubblicità presenta la politica commerciale per la primavera 2024. Previsto un recupero di ascolti di due punti sul 2023. Listino in continuità rispetto al primo trimestre, con una variazione del 3,5% di cpg a prodotto omogeneoGruppo Matches sbarca in Sardegna. All’agenzia romana la co-organizzazione di una stagione di eventi sportivi, con l’apertura di un corner nell’isolaUn’analisi di GfK su IA generativa e AR/VR racconta i due trend emergenti che potrebbero risollevare il mercato della Telefonia. Nel 2023 le vendite totali di dispositivi legati al Metaverso diminuite del 2% a unità, i ricavi generati a +15%Agricoltura e cibo: le donne che guidano la transizione ecologica al centro della “Festa del BIO” di Milano, organizzata da FederBio, in programma per sabato 9 marzoComma3 festeggia 25 anni di attività con la riorganizzazione, la gara di Primadonna Collection e nuovi ingressi tra i quali quello di Debora Ferranti nel ruolo di Project Manager
Scenari

Huawei Global Connectivity Index, cresce il divario tecnologico. Investire in banda larga, data center, cloud, big data e Internet of Things per digitalizzare le economie

Lo rivela la quarta edizione dello studio annuale che mostra i progressi dei Paesi in termini di trasformazione digitale. Le aree dove la diseguaglianza tra le tre categorie è più evidente sono la disponibilità della banda larga mobile, la percentuale di forza lavoro IT, l’investimento in ICT rapportato al PIL, il download di app e le basi IoT installate rispetto alla popolazione.

Le economie sviluppate in campo digitale continuano a progredire in tutto il mondo grazie a importanti investimenti nell’Information Communication Technology. Allo stesso tempo, le economie digitali in fase di sviluppo hanno iniziato ad accelerare la loro crescita investendo strategicamente nelle tecnologie ICT e sul proprio percorso di trasformazione digitale; tuttavia il divario continua a crescere.

Queste sono alcune delle conclusioni del Huawei Global Connectivity Index (GCI) 2017, quarta edizione dello studio annuale che mostra i progressi dei Paesi in termini di trasformazione digitale, basandosi su 40 indicatori che fanno riferimento a cinque fattori determinanti: banda larga, data center, cloud, big data e Internet of Things. Investire in queste cinque tecnologie chiave permette ai Paesi di digitalizzare le loro economie. Attraverso una pianificazione centralizzata, le potenzialità della connettività possono essere interamente espresse grazie al supporto delle tecnologie ICT, favorendo la crescita delle economie nazionali. 

Secondo il GCI 2017, il progresso globale verso un’economia digitale si sta realizzando sempre più concretamente. Il punteggio mondiale del GCI è cresciuto di quattro punti percentuali dal 2015. Il report dimostra che l’ICT è diventato il motore della crescita economica. 

Dei 50 Paesi analizzati, 16 sono considerati all’avanguardia, ovvero ‘Frontrunners’, 21 sono ‘Adopters’, mentre i rimanenti 13 sono ‘Starters’. Queste classificazioni riflettono il progresso delle nazioni in ambito digitale.

I Frontrunners (PIL medio pro capite di US$50,000) sono per lo più economie sviluppate, in grado di migliorare costantemente l’esperienza digitale dell’utente utilizzando i Big Data e l’IoT per realizzare società più ‘intelligenti’ ed efficienti. Gli Adopters (PIL medio pro capite di US$15,000) si focalizzano sull’aumento della domanda ICT per favorire la digitalizzazione dell’industria e sostenere la crescita economica. Gli Starters (PIL medio pro capite di US$3,000) si trovano nella fase iniziale di realizzazione di infrastrutture ICT, e si dedicano al potenziamento dell’offerta ICT per garantire l’accesso al mondo digitale a un numero sempre maggiore di persone. 

La ricerca afferma che le strategie economiche dei Paesi dovrebbero prestare molta attenzione alle crescenti disuguaglianze in campo digitale, sottolineando che “il digital divide è cresciuto considerevolmente”. 

La ricerca rivela che “Prendendo in esame i dati forniti dal GCI in tre anni consecutivi, notiamo una crescente diseguaglianza; una versione ICT del ‘Matthew Effect’, la teoria sociologica secondo cui “I ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri”. La teoria suggerisce che gruppi o individui che dispongono di un vantaggio accumulato nel tempo non solo raggiungono il successo, ma utilizzano il proprio vantaggio per allontanare sempre più i propri competitor. Gli enti garanti delle policy devono riconoscere che il digital divide si sta allargando e influirà su ogni settore dell’economia e della società. Le nazioni che non sono in grado di realizzare una crescita economica stabile potrebbero anche avere difficoltà nel sostenere, educare e offrire opportunità di lavoro ai loro cittadini.”

Facendo leva su tecnologie Cloud, Big Data e IoT, i Paesi Frontrunners hanno conseguito un aumento di 4.7 punti GCI dal 2015 al 2017. Gli Adopter hanno evidenziato un aumento di  4.5 punti, mentre gli Starter si trovano in posizione arretrata e registrano scarsa competitività nell’Economia Digitale, con un miglioramento di soli 2.4 punti GCI.

Le aree dove la diseguaglianza tra le tre categorie è più evidente sono la disponibilità della banda larga mobile, la percentuale di forza lavoro IT, l’investimento in ICT rapportato al PIL, il download di app e le basi IoT installate rispetto alla popolazione. Da sottolineare che la crescita di 1 punto nella classifica GCI equivale a un aumento del 2.1% in competitività, del 2.2% in innovazione e del 2.3% in produttività.   

Il GCI 2017 ha confermato che l’esistenza di una correlazione tra investimenti in ICT e crescita del PIL è stata generalmente accettata da governi e settori produttivi. Esaminando i dati grazie a numerosi modelli di previsione economica, lo studio evidenzia che una nazione che ha investito circa il 10% in tecnologie e infrastrutture innovative ICT negli anni tra il 2017 e il 2025 ne trarrà importanti benefici. Come riportato nella ricerca, “Utilizzando questo modello di impatto economico scopriamo che ogni ulteriore dollaro investito in infrastrutture ICT potrebbe rendere circa 3 dollari sul PIL di quest’anno, 3,70 dollari nel 2020 e circa 5 dollari nel 2025”.

“Il crescente divario ha avuto un impatto significativo sui Paesi che si stanno avviando verso la trasformazione digitale” ha commentato Kevin Zhang (nella foto), Presidente Huawei Corporate Marketing. “Per restare competitive, le nazioni dovranno dare priorità allo sviluppo delle infrastrutture ICT nella fase iniziale della trasformazione digitale, come ad esempio la connettività a banda larga e l'adozione di cloud a livello strategico nella pianificazione economica, per attivare risorse locali e raggiungere una crescita sostenibile. Allo stesso tempo, i Paesi che mirano a capitalizzare il loro stato di Frontrunners devono privilegiare il cloud quale efficace catalizzatore per innescare una reazione a catena che acceleri il processo di trasformazione attraverso i Big Data l’IoT.”

I 50 Paesi valutati dal GCI 2017 rappresentano circa il 90% del PIL mondiale e il 78% della popolazione globale.

Per maggiori informazioni sul Huawei Global Connectivity Index 2017:  http://www.huawei.com/minisite/gci/en/.

 

EC