Digital

Thenewway firma la campagna digitale di Viatris sulla salute mentale

Dopo essersi aggiudicata la relativa gara, l’agenzia sta curando la comunicazione integrata sui canali digitali con diversi formati.

Parlare di ansia e depressione senza più tabù e pregiudizi e rivolgersi ai professionisti della salute mentale quando necessario. Su questi obiettivi si fonda la campagna di sensibilizzazione Non Sono Solo, un progetto nato dall’idea di Viatris, Healthcare Company, e Thenewway, agenzia impegnata in Italia nella comunicazione del settore salute.

La campagna ha lo scopo di arricchire il dialogo sui disturbi della salute mentale. Il claim “Non Sono Solo. Normale è chiedere aiuto” è un invito a non minimizzare i sintomi di tali disturbi e rivolgersi agli specialisti qualora necessario senza il timore di essere giudicati.

“Per costruire la strategia di lancio di Non Sono Solo siamo partiti da una web e social listening per individuare il target di riferimento. – ha commentato Michela Carella, Head of BU People Health di Thenewway – Il passo successivo è stato quello di coinvolgerlo grazie alla collaborazione dei due digital ambassador, nei cui racconti ognuno può riconoscersi, e di facilitare la richiesta di aiuto agli specialisti attraverso una pagina web dedicata in cui, oltre a trovare contenuti informativi, si può cercare il centro di salute mentale più vicino”.

Online da ottobre, mese dedicato alla salute mentale, prevede un sito di progetto (www.nonsonosolo.it), una pagina Instagram e una pagina Facebook, i cui contenuti forniscono tutti gli strumenti per riconoscere i segnali di ansia e depressione.

I canali offrono contenuti educazionali, informazioni pratiche su come trovare l'aiuto più adatto (centri a cui rivolgersi), e approfondimenti sulla connessione con il cinema e la letteratura grazie al coinvolgimento di due digital ambassador: Mattia Ippolito e Violetta Rocks.

Entrambi gli ambassador contribuiscono ad abolire lo stigma sulla salute mentale e la richiesta di aiuto attraverso il racconto e la presentazione di libri, autori, film con un focus su ciò che si può nascondere dietro una produzione artistica nota.

La campagna è amplificata anche dalla comunicazione digitale e face to face a farmacisti, medici di Medicina Generale e specialisti.