Premi

Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USA

La combinazione fra Creatività e Purpose come moltiplicatore dei risultati di business: questo il messaggio che i Grand Prix assegnati nella prima giornata del Festival nelle categorie Audio & Radio, Print & Publishing e Outdoor sembrano voler trasmettere. E che anche i lavori italiani che hanno conquistato il podio – in totale 1 oro, 3 argenti e 1 bronzo – riflettono pienamente.

Già in shortlist ai Titanium Lions e in molteplici altre categorie, “Pub Museums”, il progetto italo-irlandese firmato da LePub Milano e Publicis Dublino per Heineken, si è aggiudicato ben 3 leoni: un oro in Outdoor, un primo Argento in Audio & Radio e un secondo in Outdoor. Argento anche perMake Italy Green – The floating boat” di BBDO Italy per E.On, e per finire un bronzo ancora ad Heineken e Le Pub (Milano/Singapore) per il progetto Laundromatch”.

AUDIO & RADIO
In questa sezione il Grand Prix è andato al brand Specsavers per “The Misheard Version”, la campagna firmata Golin London  per invitare le persone a fissare una visita per il controllo dell’udito ha realizzato una nuova versione del celeberrimo brano “Never gonna give you up” in cui l’interprete originale Rick Astley ha inserito intenzionalmente parole ‘sbagliate’, così da far sospettare agli ascoltatori di aver capito male i versi della canzone. Risultato: la creazione di un fenomeno social pressoché istantaneo da 20 milioni di views su YouTube in solo 8 ore, e una crescita di più del 1200% nel numero di appuntamenti fissati.

“Quello che abbiamo apprezzato di più – ha spiegato il presidente della giuria Simon Vicars, Chief Creative Officer di Colenso BBDO, New Zealand – è stato che al di là della brillante idea creativa è stata scelta la strada meno facile per ingaggiare le persone”.

 

PRINT & PUBLISHING

Coca   Cola

 Come ha raccontato il presidente di giuria John Raúl Forero, President and Chief Creative Officer DDB Colombia, la scelta del Grand Prix è caduta su Coca-Cola Recycle Me’: una serie di annunci che raffigurano il logo del brand schiacciato e distorto, così some appare quando una lattina di Coca-Cola viene schiacciata prima di essere buttata via: “Una campagna che dimostra che il mezzo è vivo e in grado di andare oltre una semplice bella immagine e una bella headline. Una campagna che torna alle radici e alla semplicità degli annunci stampa più classici, ma che diventa iconica e che sarà ricordata per molti anni a venire”.

Non è riuscita a conquistare un leone l’unica campagna italiana in shortlist, “Irish-Ish For A Day”, di Le Pub Milano per Heineken.

 

OUTDOOR

DOORSTEP

 Quattro, come anticipato, i leoni conquistati dall’Italia in Outdoor grazie a Le Pub (1 oro, 1 argento e 1 bronzo) e BBDO (1 argento). Per quanto rigurada i Grand Prix, come è quasi sempre accaduto negli ultimi anni, sono stati 2 i progetti premiati dalla giuria presieduta da Marco Venturelli, Chief Creative Officer di Publicis Groupe per la Francia (guarda l'intervista), con il massimo gradino del podio. Da un lato il format più classico dell’Esterna, quello dei poster Magnum “Find Your Summer” di Lola Mullenlowe Madrid, e dall’altro un progetto dal carattere innovativo come Pedigree “Adoptable” firmato Colenso BBDO Auckland, in cui la tecnologia, Gen AI compresa, è stata al servizio dell’idea creativa. Un’idea che deriva a sua volta dal purpose – anche di business – della marca di far sì che tutti i cani in cerca di padrone siano adottati.

“Il trend più evidente emerso dai lavori che abbiamo visto è come anche i grandi marchi stiano tornando a scommetere alla grande sulla creatività che questo mezzo mette a disposizione e sul valore della presenza fisica dei brand nel mondo Out Of Home – ha dichiarato Venturelli in conferenza stampa –. E un livello veramente altissimo di tutti i lavori in shortlist, anche se non premiati”.