Partner

Acqua Group acquisisce Young Digitals e punta a 21,4 milioni di ricavi nel 2019 e a 26 milioni nel 2021

L'agenzia guidata da Andrea Cimenti e Davide Arduini espande la propria presenza sul digital acquisendo il 60% della digital agency di Padova fondata da Michele Polico. Fra i nuovi incarichi vinti attraverso gara, un evento per l'edificio milanese 'The Angle' e uno per Banca Mediolanum, entrambi a fine ottobre.

Acqua Group ha annunciato, oggi 1 ottobre in una conferenza stampa tenutasi a palazzo Unicredit, l'acquisizione del 60% di Young Digitals, digital agency di Padova fondata da Michele Polico, operativa da 10 anni in Italia e all'estero.

Con questa acquisizione, che in previsione arriverà al 100% delle quote, il gruppo fondato nel 2004 da Davide Arduini, presidente, e Andrea Cimenti, amministratore delegato, si rafforza nel mondo digital e social, andando ad ampliare le proprie competenze nelle diverse aree della comunicazione. In seguito a questo accordo, Cimenti, Arduini e Roberto Frassinelli (altro membro del board di Acqua Group) entrano nel cda di Young Digitals, e Michele Polico entra nel consiglio di amministrazione di Acqua Group. Con la crescita futura delle quote fino al 100%, Polico entrerà nell'azionariato del Gruppo.

Acqua Group nasce nel 2004 per iniziativa di Arduini e Cimenti che decidono di costruire intorno alle loro competenze nel mondo delle ricerche un gruppo di comunicazione integrato, quando ancora di integrazione non parlava nessuno. Negli anni ha ampliato il proprio know how nei diversi settori della comunicazione,  dall'advertising classico agli eventi, con un occhio particolare al mondo del retail. Oggi è una realtà italiana indipendente in costante crescita da vari anni – vincitrice anche  del premio di 'Agenzia indipendente' agli NC Awards 2019 - che approccia il futuro con grandi ambizioni. I numeri parlano in maniera evidente: il  2018 gruppo si è chiuso con 19 mln di ricavi e un ebitda di 1,5  mln, e con l'acquisizione di Young Digitals punta per il 2019 arriva a 21,4 mln e un Ebitda di 2,5 mln (+65%). L'obiettivo è raggiungere, nel 2021, ricavi per 26 mln e un Ebitda di 4,251 mln. Una struttura dunque solida che conta su ricavi lordi molto importanti, segno di una approcci al mercato giusto in cui la qualità viene riconosciuta.

ForecastRicavi

“Per noi oggi è un grandissimo onore annunciare l'ingresso in Young Digitals – ha spiegato ai microfoni di Advexpress Davide Arduini, presidente Acqua Group -: era quello che ci mancava, la contaminazione che dovevamo avere. È stata un'operazione fantastica, che grazie alla condivisione della visione e alla 'chimica' che si è creata con Polico si è conclusa nel giro di soli tre mesi”.

“Questo 'matrimonio' rappresenta per noi un momento molto importante di un percorso di crescita che stiamo facendo in questi ultimi 10 anni – ha spiegato Michele Polico, fondatore Young Digitals -. In questo ultimo anno abbiamo in previsione una crescita del 50% e supereremo con buone probabilità i 4 milioni di fatturato. In questa fase di crescita era per noi fondamentale poter fare questo percorso più strutturato e solido, con competenze che vanno a integrarsi con le nostre e in cui possiamo diventare un'agenzia multichannel”.

Fra le varie discipline su cui l'agenzia  sta puntando molto vi sono gli eventi, sia b2c che b2b. Proprio su questo fronte il gruppo, la cui direzione creativa esecutiva è da metà settembre passata a Francesco Guerrera (leggi news), ha registrato due importanti vittorie a seguito di gare: il primo è l'incarico per un evento b2b per The Angle, un nuovo edificio in corso Italia, che si terrà afine ottobre,  il secondo è un evento b2c per Banca Mediolanum, che si terrà contemporaneamente in 10 sale cinematografiche sparse su tutto il territorio italiano.

Per il prossimo futuro, grazie all'acquisizione di Young Digitals, Acqua Group ha intenzione di cavalcare la componente digitale, che sarà trainante, insieme anche all'advertising tradizionale fortemente contaminato in un linguaggio che deve essere tradotto in stimoli digitali.

“Noi siamo una data driven company – spiega Andrea Cimenti, amministratore delegato Acqua Group -. Il gruppo nasce dalla nostra esperienza nel mondo delle ricerche di mercato, e siamo convinti che si debba partire dal dato per arrivare al dato. Bisogna dunque dare concretezza  a quello che facciamo”.

Inoltre, il gruppo continuerà la sua espansione internazionale, in Germania e Spagna, Paesi nei quali è già attiva. “Riteniamo che questo nuovo modello di business possa essere facilmente innestato in questi Paesi. E le richieste che già riceviamo ci danno ragione”.

Ilaria Myr