NC

NC n.103 | Red Carpet, people make the difference. La professionalità a servizio delle produzioni

Nella società guidata da Ellida Bronzetti e Fabrizio Carratù (in foto sotto), il talento, la creatività e l’impegno dei professionisti che compongono il team sono fattori determinanti, così come il saper individuare le celebrity giuste nel contesto giusto per permettere ai clienti di dar vita a prodotti di successo.

Red Carpet nasce nel 2008 da un’idea di Ellida Bronzetti e Fabrizio Carratù. L’ambizione era quella di dare vita a una realtà nuova nel campo del celebrity management: una società di consulenza che sapesse supportare produzioni televisive e aziende nel casting.

Proprio grazie all’esperienza dei soci fondatori nell’ambito sportivo e in particolare nel calcio, Red Carpet diventa un punto di riferimento nella selezione di ospiti sportivi come David Beckham, Cristiano Ronaldo e Diego Armando Maradona, consolidando rapporti di consulenza con le maggiori reti televisive e con numerose case di produzione italiane e straniere, garantendo inoltre negli anni il coinvolgimento di personaggi italiani e star internazionali del calibro di Al Pacino, Uma Thurman e Bradley Cooper, in linea con il target di riferimento.

Screenshot 2023 09 29 at 13.45.23

“Nel corso degli anni - spiega Ellida Bronzetti, ceo e founder - abbiamo aumentato il raggio delle nostre attività at- traverso un’offerta che spazia in più settori. Oggi, siamo una delle principali realtà di celebrity management che negli anni ha sviluppato una riconosciuta competenza nell’ideazione e nella produzione di con- tenuti originali e ‘brandizzati’ costruiti intorno alle celebrity per tutte le piattaforme - tv, ott, digital e cinema. Da giugno 2020 facciamo parte del gruppo ILBE, un’unione che ha garantito alla Società nuove opportunità di business sul mercato internazionale”. A Ellida Bronzetti e all’altro socio fondatore, Fabrizio Carratù, chiediamo di raccontarci i punti di forza di questa struttura composta da 16 professionisti impegnati a offrire strategie mirate, coin- volgenti, performanti e progetti sempre più innovativi nel settore dell’entertainment.

Branded Entertainment, Celebrity Management, Production e Animation sono le vostre aree operative. Per ognuna di esse, potete spiegarci quali servizi e soluzioni offrite?

(Carratù) In Red Carpet siamo attivi in quattro aree operative. Ci occupiamo di brand integration realizzando progetti crossmediali, campagne digital e attività di influencer marketing che integrano e promuovono marchi e servizi. Siamo una delle principali realtà di celebrity management, con una trentennale esperienza nell’individuazione e nel coinvolgimento di talent per i diversi media, dal programma televisivo alla campagna pubblicitaria, in cui ci occupiamo del coordinamento di tutte le attività legate alla celebrity. Un’altra area operativa è la produzione cinematografica e televisiva. Sviluppiamo film, documentari, serie-tv e web series per i più importanti broadcaster e per le più note piattaforme di streaming occupandoci del progetto in tutte le sue fasi. Infine, Red Carpet è coinvolta anche nel settore dell’Animation. Dal 3D all’anima- zione tradizionale, ci avvaliamo di varie tecniche per realizzare contenuti in stile cartoon e animazioni in CGI da inserire anche all’interno dei progetti di branded entertainment. Completa l’offerta la produzione digitale in 3D di billboard per campagne OOH.

Screenshot 2023 09 29 at 13.45.29

Sul vostro sito (www.redcarpet.group) si legge: ‘People make the difference’. Ci spiega meglio questo concetto?

(Bronzetti) ‘People make the difference’ si declina in due significati: il primo è che in Red Carpet le risorse umane hanno da sempre rappresentato il motore principale di successo della società. Il talento, la creatività e l’impegno dei professionisti che compongono il nostro team sono fattori determinanti per l’eccellenza dell’azienda stessa. In prima linea, alla guida delle diverse business unit, abbiamo figure di grande esperienza: l’area sponsorizzazioni è guidata da Manuela Nunnari (sponsorship director), il settore digital è affidato a Melania Pirastru (head of brand activation & special project), mentre a coordinare l’area delle produzioni c’è Mattia Lapiana (head of production). Inoltre, possiamo contare sulle abilità dell’administrative team guidato da Loredana Catania, su un efficiente reparto logistico-organizzativo affidato a Elisabetta Bronzetti, e sul nostro communication team coordinato da Letizia Bronzetti. Il secondo significato si riferisce alla capacità di saper individuare le celebrity giuste nel contesto giusto per permettere ai clienti di dar vita a prodotti di successo.

Quali sono i vostri punti di forza rispetto ai competitor? (Carratù) I punti di forza rispetto ai competitor derivano dalla nostra capacità di saper coniugare in un’unica realtà le più importanti aree dell’industria dell’in- trattenimento: siamo allo stesso tempo un’agenzia di marketing, una società di celebrity management e una content production company. Questo ci permette di offrire un approccio integrato attraverso cui soddisfare i clienti fornendo soluzioni coerenti con le loro esigenze.

Screenshot 2023 09 29 at 13.46.00

Può raccontare una o più case history ra presentative del vostro modus operandi? (Bronzetti) Tra gli ultimi lavori nella unit del celebrity management Red Carpet si è occupata della ricerca del testimonial di Poste Italiane per la campagna Poste Energia, individuando Mara Venier come nuovo volto. Abbiamo svolto lo stesso lavoro anche per quanto riguarda l’individuazione di Laura Chiatti come testimonial di Dixan. Inoltre, abbiamo gestito per Fascino PGT le partecipazioni di Charlize Theron e Charles Leclerc come special Guest a ‘C’è Posta per Te’ 2023.

Di rilievo è anche il lavoro svolto dalla unit sviluppo 3D di Red Carpet che si è recentemente occupata della realizzazione del materiale video per la campagna digital out of home 3D volta ad aumentare la brand awareness del marchio Polaroid Eyewear. Se dovessi scegliere una produzione che rappresenta appieno i nostri valori e le nostre capacità, sceglierei ‘Mahmood’, il docu-film sulla vita di uno dei talenti più amati della scena musicale italiana, prodotto da Red Carpet per Prime Video e presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma lo scorso ottobre. Il team di Red Carpet, oltre alla produzione del docu-film, ha gestito l’artista in tutte le attività di engagement e promozione del prodotto, on line e off line realizzando una campagna di brand integration che ha unito Kia e Mahmood e che ha ricevuto diversi riconoscimenti, ultimo dei quali gli NC Awards nella sezione Best Holistic Campaign settore automotive. Anche il reparto Animation ha contribuito al film realizzando scene che ritraggono Mahmood in una versione stilizzata. Un vero lavoro corale dunque, in cui ogni unit ha contribuito dando valore al progetto.

Screenshot 2023 09 29 at 13.46.07

Parliamo di numeri. Come avete chiuso il 2022 in termini di fatturato e new bu- siness? Quali risultati pensate di ottenere per il 2023?

(Carratù) La società ha chiuso il 2021 con un fatturato di 4 milioni e mezzo di euro, e di 6 milioni a fine 2022 continuando il trend di crescita che ci accompagna negli ultimi anni. L’obiettivo per il 2023 è sostenere una crescita stabile cercando di ‘unire’ in manie- ra sinergica le aree di operativity tramite produzioni originali e progetti sostenibili che favoriscano l’integrazione dei principi Esg.

Chiudiamo con il futuro. Quali progetti in cantiere? Avete intenzione di introdurre novità? (Bronzetti) Tra i progetti in corso abbiamo ‘Glo for music’ in cui Red Carpet ha ingaggiato artisti del calibro di Durdust, Noemi e Lazza con il relativo coordinamento per la produzione di un brano musicale che proprio in questi giorni sta spopolando sui canali social del brand. Red Carpet sta sviluppando per questo progetto anche la produzione di tutti i video e di tutti i contenuti social. Tra le produzioni cinematografiche e ott abbiamo in cantiere un nuovo docufilm con protagonista un cantante molto amato, ma purtroppo non possiamo dirvi di più.