UPDATE:
Cannes Lions 2024. Bartoletti (Indiana Production): "I due argenti a Coordown premiano una campagna che scardina i format tradizionali e suggerisce un valore universale"Cannes Lions 2024. Eoin Sherry (LePub Italy) sul Leone d'Oro a 'Pub Museums' per Heineken: "Una campagna che trasforma i pub storici in experience di brand"Cannes Lions 2024. Droga (Accenture Song): “Nessun timore o nostalgia: la creatività che nasce dalle ricerche è molto peggio di quella generata dall’IA”. Murati (Open AI): “Non temere la tecnologia ma sperimentarla. Lavoriamo per renderla più facile"De Vecchi (VML Health): "Il bronzo a “Not A Lonely Journey” di VML Italy per Biogen un primo traguardo per una campagna progettata per dimostrare, tramite l’esperienza diretta dei pazienti SMA, che una condizione differente è possibile".Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USACannes Lions 2024. Venturelli (Publicis Groupe): “Nell’era del post-purpose, vincono i brand capaci di trasformarlo in una leva di business. Nessuna invasione dell’IA, usata però per realizzare ciò che sarebbe altrimenti impossibile”A Catania la tappa italiana dell'International Recycling Tour, progetto internazionale di Every Can Counts per la raccolta "on the go" delle lattine per bevandeIGPDecaux si aggiudica un contratto di 13 anni per la metropolitana, gli autobus e i tram di RomaCannes Lion 2024 | Argento all'Italia in Health & Wellness con Small/Indiana Production per 'Assume That I Can' di Coordown. Bronzo a VML nel Pharma per 'Not a Lonely Journey' di Biogen. Premiati umorismo e purpose come leva di business e sviluppo socialeP. by pazienti.it: nasce il nuovo hub che rivoluziona il concetto di benessere
NC

NC n.106 | Best Brands 2024: Coca-Cola, Amazon, Plenitude e Nike dominano

Nona edizione italiana dell’iniziativa che misura la forza delle marche, lanciata nel 2004 da GFK e Serviceplan Group, patrocinata da UPA, e sostenuta dai partner Rai Pubblicità, 24 Ore System, Igpdecaux, Adc Group e Community. A dominare la classifica: Coca- Cola per ‘Best Product Brand’, Plenitude per ‘Best Growth Brand’, Amazon per ‘Best Service Brand’ e Nike per ‘Best Momentum Brand’.

Sono stati annunciati il 20 marzo, negli Studi Rai di via Mecenate a Milano, i vincitori della nona edizione italiana di Best Brands (SITO). L’iniziativa che misura la forza delle marche sul mercato italiano, è stata lanciata nel 2004 da GfK e Serviceplan Group, è patrocinata in Italia da Upa, e sostenuta dai partner Rai Pubblicità, 24 Ore System, IGPDecaux, Adc Group e Community. Le classifiche sono il frutto di 5.000 interviste rivolte ai consumatori per complessive 15mila valutazioni che, messe a confronto con i dati di mercato, rappresentano l’eccellenza delle marche a livello globale per i consumatori italiani.

“In dieci anni di Best Brands - ha dichiarato Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente Upa, che patrocina Best Brands sin dall’inizio - abbiamo premiato le visioni e le innovazioni, abbiamo promosso brand che disegnavano curve nella memoria. Abbiamo incoraggiato tendenze. Abbiamo premiato marche che segnavano il presente, marche che coglievano il momento e marche che ci dicevano chi saremo. Marche, insomma, che hanno alimentato l’emozioni per dare un volto all’azienda, un’anima al prodotto e libera scelta al consumatore”.

Screenshot 2024 05 06 at 09.50.05

“Misurare la forza della marca e determinarne il valore - ha precisato Giovanni Ghelardi, ad Serviceplan Group Italia - è un percorso complesso che Best Brands affronta in Italia da dieci anni valutando sia i Kpi economici sia il parere dei consumatori e mettendoli in relazione. Il risultato è una classifica molto obiettiva nella quale le marche sul mercato italiano si confrontano indipendentemente dai propri settori di appartenenza. E la nascita del Club dei Best Brands ha consentito negli ultimi tre anni di approfondire e discutere direttamente con i professionisti del marketing, i criteri che determinano la vera forza di una marca”.

La serata è stata condotta da Serena Autieri, attrice, cantante e conduttrice televisiva, ha visto la partecipazione di oltre 400 persone tra manager e imprenditori ed è stata arricchita dalla performance del violinista, polistrumentista e compositore Alessandro Quarta, che si è esibito con un medley dal titolo ‘400 anni di musica’ tra le note di Bach, Paganini, Astor Piazzola fino a Michael Jackson, esplorando diversi secoli di musica. Il Maestro Quarta, definito ‘musical genius’ dalla CNN, ha suonato con Santana, Céline Dion e ha collaborato con Roberto Bolle, oltre a essere stato il primo violino del grande direttore Lorin Mazel. La serata si è conclusa ‘A cena con Armando’: la tradizionale cena di gala, allestita alle Officine del Volo, è stata realizzata con i rinomati prodotti di Pasta Armando, gala dinner host di questa edizione. L’edizione è stata realizzata con il contributo degli sponsor tecnici Althea Grafiche, Atelier Esse, Bkm Production, Fedrigoni, Mionetto e Neverest.

Screenshot 2024 05 06 at 09.50.29

Il podio

Le classifiche degli Oscar delle marche hanno visto al vertice: Coca-Cola per ‘Best Product Brand’ (migliori prodotti), Plenitude per ‘Best Growth Brand’ (migliore crescita anno su anno), Amazon per ‘Best Service Brand’ (migliori marche nei servizi) e Nike per ‘Best Momentum Brand’ (marche più capaci di anticipare le sfide del presente e del prossimo futuro). Infine, è stata Amazon a essere selezionata come vincitrice della classifica speciale di questa edizione, ‘Best Generation Brand’, in quanto marca più capace di connettersi con tutte le generazioni. Un riconoscimento speciale, ‘Innovation Award 2024’, è stato assegnato a Circularity, la piattaforma italiana di simbiosi industriale dedicata all’Economia Circolare, per aver dimostrato di aver apportato un contributo significativo all’innovazione nel marketing attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie. Sostenuto da IGPDecaux, 24 Ore System e Teads, l’Innovation Award è stato consegnato da Dario Caiazzo, managing director Italia Teads e Innovation Partner, alla fondatrice e amministratrice delegata di Circularity, Camilla Colucci, e consiste in 120mila euro in spazi pubblicitari.

Screenshot 2024 05 06 at 09.50.54

I contenuti

All’annuncio delle classifiche si sono alternati gli interventi di Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente Upa, Giovanni Ghelardi, ceo Serviceplan Group Italia, ed Enzo Frasio, ad NielsenIQ e GfK Italia, affiancati dai partner del progetto Andrea Rustioni, managing director di IGPDecaux, Auro Palomba, ceo Community, Salvatore Sagone, presidente Adc Group, Federico Silvestri, direttore generale media & business Gruppo 24 Ore e Gian Paolo Tagliavia, ceo Rai Pubblicità.

Durante la serata è intervenuto anche il professor Nicola Palmarini, direttore di UK’s National Innovation Centre for Ageing (nica), l’organizzazione creata dal Governo Britannico per lo sviluppo e la promozione di soluzioni innovative dedicate alla lon- gevity economy.

L’intervento ha analizzato due macro-trend globali: l’invecchiamento della popolazione e il cambiamento climatico, sottolineando come la nostra società stia attraversando una fase di transizione, passando da una società dell’invecchiamento a una della longevità. Un cambiamento epocale in cui si trovano a coesistere cinque gene- razioni distinte e in cui i brand assumono un ruolo chiave, fungendo da rete neurale che connette le diverse generazioni.

In questo contesto, le ‘United Generations of Best Brands’ riflettono la necessità di superare gli stereotipi di un sistema complesso, in cui coesistono generazioni accumunate da valori e abitudini di consumo che convergono nonostante le diversità nei linguaggi e nelle necessità. L’obiettivo era duplice: da un lato, restituire valore all’industria delle marche, offrendo strumenti per comprendere il contesto e gestire la rigenerazione in un panorama in continua evoluzione. Dall’altro, premiare le aziende che, attraverso attività concrete e innovative, rispondono alle sfide del presente, creando valore per il business e per la società. “Le generazioni non sono monoliti, ma sono interconnesse. Un Best Brands sa intercettare desideri e bisogni, capire il sentiment e parlare il linguaggio specifico delle coorti generazionali al di là degli stereotipi e nella consapevolezza che esistono valori, atteggiamenti e visioni condivisi da tutte le generazioni”, ha commentato Enzo Frasio, amministratore delegato NielsenIQ e GfK Italia, a proposito della classifica speciale ‘Best Generation Brand’ che ha premiato le marche in grado di comunicare efficacemente con tutte le generazioni.

Screenshot 2024 05 06 at 09.51.12