Congresso - convegno

A Future for fashion 2024, la Ceo Benedetta Chiara Conticelli introduce Land of Fashion Villages

L'appuntamento, che si è sviluppato intorno al macro-tema “L’anima del consumatore”, ha fornito l'opportunità di presentare il progetto finalizzato a promuovere una riflessione sull’evoluzione e il futuro della moda, intesa non solo come settore economico di riferimento per il Made in Italy, ma anche come espressione culturale e sociale.

A Palazzo Pitti a Firenze, sede della moda e delle sue avanguardie, la CEO di Land of Fashion Villages, Benedetta Chiara Conticelli (foto), è intervenuta all’evento ‘Future for Fashion’ che, in questa terza edizione, si è sviluppato intorno al macro-tema “L’anima del consumatore”. L'intervento della CEO moderato da Simone Marchetti (foto), Direttore Editoriale Europa Vanity Fair e Direttore Vanity Fair Italia, si è sviluppato attraverso tre tematiche principali: resilienza dello store fisico, approccio all’acquisto cross-generations e sfide future dei brand. 

Benedetta Chiara Conticelli ha presentato Land of Fashion Villages nella sua accezione più affine: “I villaggi sono da intendersi come estensione del bellissimo territorio italiano che li ospita, con una qualità di offerta simile al settore dell’hôtellerie, grazie alla bellezza del contesto, alla cura del dettaglio e all’esperienza totalizzante che sono capaci di offrire. Insieme al comparto del retail hanno dimostrato una grande resilienza, anche in momenti di crisi, perché capaci di creare esperienze immediate e totalmente gratificanti in contesti esteticamente molto gradevoli”. 

In merito all’attrattività di Land of Fashion Villages sulla clientela, il CEO afferma che “I Villaggi sono luoghi in cui si sta bene, dove svagarsi dal quotidiano e soprattutto capaci di soddisfare le esigenze di acquisto di diverse generazioni, dai boomers, ai consumatori X, ai millennials fino alle generazioni più giovani. Infatti, negli outlet convergono approccio di acquisto tradizionale, approccio funzionale alla ricerca di eccellente rapporto qualità/prezzo, esperienza, sperimentazione e socializzazione. Il tutto avviene in luoghi dove non solo la vegetazione, la struttura, l’artigianalità e il cibo sono permeati dal territorio ospitante, ma dove anche grazie ad eventi immersivi creati appositamente per i nostri ospiti si vivono esperienze significative”.  

Il CEO ha concluso parlando del futuro sottolineando, in un’era di incertezza geopolitica, l'importanza della flessibilità delle aziende di adattarsi velocemente al contesto e in merito a quello di “Land of Fashion Villages” afferma: “Continuare a fornire prodotti di qualità e costruire momenti in cui le persone stanno bene per creare ricordi tangibili che contano”.

‘Future For Fashion’ è un progetto finalizzato a promuovere una riflessione sull’evoluzione e il futuro della moda, intesa non solo come settore economico di riferimento per il Made in Italy, ma anche come espressione culturale e sociale. Tra i partecipanti al convegno tanti i nomi di spicco nel campo della moda che hanno partecipato con la loro voce ad un approfondimento sul tema del convegno. L’edizione 2024 ha visto anche il coinvolgimento attivo di alcune delle principali scuole di moda e design, al fine di stimolare gli studenti su temi di attualità e condividere con il pubblico le considerazioni più significative emerse dal confronto con i ragazzi.