UPDATE:
Cannes Lions 2024. Bartoletti (Indiana Production): "I due argenti a Coordown premiano una campagna che scardina i format tradizionali e suggerisce un valore universale"Cannes Lions 2024. Eoin Sherry (LePub Italy) sul Leone d'Oro a 'Pub Museums' per Heineken: "Una campagna che trasforma i pub storici in experience di brand"Cannes Lions 2024. Droga (Accenture Song): “Nessun timore o nostalgia: la creatività che nasce dalle ricerche è molto peggio di quella generata dall’IA”. Murati (Open AI): “Non temere la tecnologia ma sperimentarla. Lavoriamo per renderla più facile"Cannes Lions 2024. Di Bruno/Dionisi BBDO Italy: "L'Argento a Make Italy Green per E.ON riconosce un lavoro di team con il cliente e il legame forte del purpose aziendale con la mission di portare energia pulita"De Vecchi (VML Health): "Il bronzo a “Not A Lonely Journey” di VML Italy per Biogen un primo traguardo per una campagna progettata per dimostrare, tramite l’esperienza diretta dei pazienti SMA, che una condizione differente è possibile".Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USACannes Lions 2024. Venturelli (Publicis Groupe): “Nell’era del post-purpose, vincono i brand capaci di trasformarlo in una leva di business. Nessuna invasione dell’IA, usata però per realizzare ciò che sarebbe altrimenti impossibile”A Catania la tappa italiana dell'International Recycling Tour, progetto internazionale di Every Can Counts per la raccolta "on the go" delle lattine per bevandeIGPDecaux si aggiudica un contratto di 13 anni per la metropolitana, gli autobus e i tram di RomaCannes Lion 2024 | Argento all'Italia in Health & Wellness con Small/Indiana Production per 'Assume That I Can' di Coordown. Bronzo a VML nel Pharma per 'Not a Lonely Journey' di Biogen. Premiati umorismo e purpose come leva di business e sviluppo sociale
Poltrone

IAKI spinge il focus sui contenuti con la creazione della nuova Direzione Content and Media guidata da Michele Baldari

Approccio sempre più content e data driven per l'omnichannel e multigeneration marketing agency milanese, che mette a capo della struttura Michele Baldari nuovo Head of Content and Media. La figura si occuperà della creazione di contenuti e della gestione dell'intera pianificazione media, sempre più performante e mirata rispetto alle richieste dei brand.

Il concetto di social media è in continua evoluzione e oggi la necessità dei brand non è più solo quella di avere un piano editoriale social ma contenuti che siano performanti e una gestione unitaria del customer journey. Per governare questo cambiamento, IAKI ha nominato Michele Baldari Head of Content and Media.

Con una formazione di tipo economico/analitica, Baldari ha un'esperienza decennale nel mondo della comunicazione digitale, dove ha avuto l'opportunità di lavorare in maniera trasversale nei differenti ambiti merceologici occupandosi dalla strategia alla gestione degli investimenti media. Nel corso della sua ultima esperienza lavorativa, in Together del gruppo Oneday, ha gestito la strategia social di diversi brand e industry, dal gaming al food passando per il settore energetico e il mondo della sostenibilità. Porta la sua esperienza in ambito editoriale e di performance in IAKI, dove si occuperà di guidare la strategia e lo sviluppo dei contenuti in modo efficace per massimizzare l'impatto e la visibilità su ogni canale in un contesto omnichannel e generation driven.

"Il posizionamento di IAKI sta cambiando e va sempre più in una direzione che prevede lo sviluppo di contenuti performanti e la gestione dell'intera pianificazione media, attraverso la costruzione di un palinsesto dinamico sviluppato su trend e conversazioni rilevanti" commenta Sandro Marchetti, Amministratore Delegato di IAKI. In quest'ottica di omnicanalità e di marketing generazionale, in cui è fondamentale integrare contenuto, dato e creatività, l'ingresso di Michele rappresenta la base di una progettualità che va in questa direzione".

"Il mio ingresso in IAKI arriva in un momento di grande cambiamento, in cui gli utenti cercano esperienze digital sempre più orientate alla conoscenza e all'intrattenimento" commenta Michele Baldari. Nel mio nuovo ruolo mi occuperò di aiutare i brand ad adattarsi a questo ambiente in rapida evoluzione, integrando storie autentiche e coinvolgenti che si allineino con i valori e gli interessi del pubblico. Sempre adottando un'approccio data e generation driven in linea con la strategia di IAKI".