Interviste

Bea Festival. Ghigi e Malaguti ad ADVexpressTv: 'Food for Good' per eventi due volte buoni

Combattere lo spreco destinando il cibo in eccesso derivante dagli eventi alle mense caritatevoli. E' quello che si può ottenere grazie al progetto presentato nell’ambito del Bea Festival e promosso da Federcongressi&Eventi, Banco Alimentare ed Equoevento Onlus.

clicca per ingrandire
Un evento due volte buono e sostenibile. E' quello che si può ottenere grazie a 'Food For Good', il progetto, presentato nell’ambito del Bea - Festival Italiano degli Eventi e della Live Communication, promosso da Federcongressi&Eventi, Banco Alimentare ed Equoevento Onlus, che consente di recuperare il cibo in eccesso nell’ambito degli eventi, per destinarlo a mense caritatevoli (vedi notizia correlata a fondo pagina).

Come ha spiegato ai microfoni di ADVexpressTv Gabriella Ghigi (a sinistra nella foto), responsabile delegazione Lombardia Federcongressi&eventi, l'idea nasce dalla constatazione che molto spesso gli eventi prevedono momenti di socializzazione e convivialità durante i quali viene offerto ai presenti del cibo che spesso viene avanzato in grande quantità.
Questi alimenti di qualità potrebbero essere recuperati e consegnati a chi ne ha bisogno. 

Guarda l'intervista su ADVexpressTv

Come ha dichiarato ai nostri microfoni Giuliana Malaguti (a destra nella foto), responsabile approvvigionamenti Banco Alimentare, il funzionamento è davvero molto semplice: chi organizza l’evento comunica a Federcongressi&eventi l’iniziativa in questione; in base alla località viene allertato o Banco Alimentare o Equoevento Onlus; la onlus incaricata individua la struttura caritatevole più vicina; la onlus fornisce indicazioni al catering di chi organizza l’evento; la onlus recupera il cibo, conservato in apposite vaschette, e lo consegna nel più breve tempo possibile alla struttura caritatevole; il cibo viene consumato da chi ne ha bisogno.

I risultati possono essere molto soddisfacenti: basti pensare che 20 kg di cibo, preparato per un evento di circa 100 persone, grazie al progetto ‘Food for Good’ è in grado di sfamare circa 40 persone

All'iniziativa, come ha affermato Malaguti, hanno già aderito varie aziende del Centro e Nord d'Italia, di dimensioni diverse e attive in differenti settori, dalla ricerca, alla trasformazione, passando per la medicina.