UPDATE:
Ruolo chiave di media e comunicazione per generare attrattività per il brand Italia. Regioni italiane: nel 2021 investimento pubblicitario più che raddoppiato (23 mln) per sostenere il turismo. TV protagonistaNC Awards, Brand Loyalty Awards 2022: la giuria ha votato i vincitori. La sostenibilità si afferma come asset centrale nella comunicazione di brand. Emergono i trend dell'empowerment femminile e della responsabilità sociale. Messaggi più customizzatiNC Awards, Brand Loyalty Awards 2022. Sironi (Bolton Group): "La molteplicità dei punti di vista in giuria segno di un momento di profondo cambiamento nel giudicare la comunicazione integrata. Marche e agenzie cercano vie più personali"Alessandro Volanti nominato Direttore Marketing e Commerciale di Radio ItaliaAlessandro Volanti nominato Direttore Marketing e Commerciale di Radio ItaliaLancia presenta un piano strategico a 10 anni e nomina cinque brand manager in EuropaDopo il successo dell’Eurovision a Torino, le nuove proposte di Rai Pubblicità per i grandi eventi musicali sul territorioRai Pubblicità: per 'Summer Hits La musica dell’estate', 'Music Awards', 'Arena ’60, ’70, ’80, ’90 di Amadeus' un’offerta crossmediale e modelli integrati di partnership per i brandBosch lancia la campagna “#LikeABosch" per promuovere le tecnologie dei prodotti e la semplicità d’uso. Creatività a cura di Different. Pianifica ZenithOn air “Kimbo, Una tazza di aroma, Una tazza di Napoli” dedicata alla linea di capsule compatibili in alluminio Nespresso Original. Firma Serviceplan
Mice

Presentato il nuovo Convention Bureau di Roma e del Lazio

La nuova realtà, nata dalla volontà di quattro associazioni - Confesercenti, Federalberghi – Confcommercio Roma, Federcongressi&eventi e Unindustria - vedrà la sua vera nascita entro il mese di giugno con la stipula dell’atto costitutivo.

Grazie all’impegno di Confesercenti, Federalberghi – Confcommercio Roma, Federcongressi&eventi e Unindustria, si sono gettate le basi per la costituzione del Convention Bureau di Roma e del Lazio. Dopo una prima fase di approfondimento e di studio della materia, le quattro associazioni hanno dato vita a questo strumento decisivo per il rilancio competitivo della città e della Regione in uno dei settori a più alto sviluppo economico e occupazionale.

Il turismo congressuale rappresenta infatti una delle componenti a maggior valore aggiunto nella filiera turistica: la spesa media giornaliera per congressista è di 652 $ (Icca, 2016) e la permanenza media è di 3,67 giorni; favorisce la destagionalizzazione, valorizza le aree urbane spesso fuori dai circuiti turistici tradizionali riqualificandole e contribuisce alla valorizzazione dell’immagine del territorio.

Il Convention Bureau vuole innanzitutto supportare tutti gli operatori della Meeting Industry per l’acquisizione e la migliore realizzazione dei grandi eventi che la città di Roma ambisce a ospitare, ponendosi come punto di riferimento nella promozione delle strutture e dei servizi del territorio e nel favorire il dialogo tra i soggetti pubblici e privati coinvolti. Negli ultimi anni, Roma ha perso competitività nella classifica mondiale del turismo congressuale, scivolandoal 20° posto. Uno dei primi obiettivi che le quattro associazioni si pongono è quello di portare Roma nelle prime dieci posizioni e competere con le altre capitali Europee, come Parigi, Londra e Madrid.

La centralità di Roma nel settore turistico è evidente nei 5,6 miliardi di spesa in arrivi stranieri nel 2016 e nella pluralità di offerta che nessun altro territorio può vantare. Le quattro associazioni hanno dato vita al Convention Bureau proprio per sostenere concretamentela ripresa di un settore fondamentale dell’economia del territorio.

Il progetto Convention Bureau di Roma e del Lazio, presentato e discusso presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, è stato illustrato agli operatori dell’intera filiera che compone il settore della meeting industry e che saranno, insieme alle associazioni promotrici, i soggetti costituenti dell’organismo che assumerà la veste giuridica di società consortile.

Il progetto, che nasce e si svilupperà con fondi privati, è stato condiviso fin dal primo momento con Roma Capitale e Regione Lazio. Il Convention Bureau di Roma e del Lazio vedrà la sua vera nascita entro il mese di giugno con la stipula dell’atto costitutivo.