UPDATE:
Cannes Lions 2019. L'efficacia della creatività cala. Lo dice un report di WARC. La colpa? E' del pensiero a 'breve termine'Cannes Lions 2019. Sciarpelletti (Giurato Direct): "Premiate le belle idee, non solo i progetti da grandi audience. Molte le campagne che affrontano temi di attualità. I lavori italiani? Non hanno nulla da invidiare a quelli degli altri Paesi"Cannes Lions 2019. Lachlan Murdoch (FOX/NewsCorp): “I giganti del web sono cresciuti monetizzando i nostri contenuti e i nostri target. Servono regole nuove. E all’intera industry serve più creatività”Cannes Lions 2019. A Canada, Svezia e Brasile i Grand Prix in Creative Data, Creative Strategy e MediaSpace Available in Cannes/3. Et Arthur crea la MusiqueCannes Lions 2019. Pereira (Presidente Giuria Social & Influencer): "I progetti Diesel firmati Publicis? 'Be a follower' è una delle campagne più raffinate in gara, solo un brand 'punk' come Diesel poteva lanciarla"Cannes Lions 2019. Piscopo (Giurato Media): "I progetti italiani sono all'altezza, ma serve un'attenzione maggiore alle manifestazioni internazionali importanti come il Festival"Clear Channel Italia ai Cannes Lions 2019 con un ricco programma di eventi. Debutto come advertising company indipendente nel settore OOHPerfetti Van Melle prepara i nuovi spot Daygum e Vigorsol con Selection e torna in tv con Fruittella dopo oltre 10 anni. Budget 2019 in linea. Il digital vale il 20%Riffeser (FIEG) e Levi (AIE) sottoscrivono un accordo di consultazione e azione comune: “Gli Editori per l’Editoria”
Partner

NC Awards 2019. Fedele Usai (Condé Nast Italia) Media Person of the Year: "Un riconoscimento al lavoro fatto dall'azienda in questi anni. Il futuro? E' nello sviluppo delle aree di business 'direct to consumer'"

All'Amministratore Delegato di Condé Nast Italia è stato assegnato il prestigioso Premio dell'Editore alla tredicesima edizione degli NC Awards di ADC Group. Sotto la sua guida la casa editrice è diventata a tutti gli effetti una multimedia communication company. Tra le nuove iniziative la vendita di corsi online di cucina, fotografia e gestione social e un progetto di affiliation con Amazon legato a 'Wired' e 'La Cucina Italiana'. L'obiettivo? Monetizzare la relazione dei brand con i consumatori per diversificare il rischio di impresa.

All'edizione 2019 degli NC Awards di ADC Group è stato Fedele Usai, Amministratore delegato di Condé Nast Italia, ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento di Media Person of the Year (guarda il video della cerimonia di premiazione). 

Sotto la sua guida, l’azienda ha rinnovato profondamente il proprio sistema editoriale, rafforzando i brand delle testate e gestendoli in modo da valorizzare ogni possibile punto di contatto con il consumatore, offline e online. 

Come ha sottolineato Usai ai microfoni di ADVexpressTv, il premio, che il manager vorrebbe condividere con il suo team, rappresenta un riconoscimento per il lavoro fatto da Condé Nast in questi anni, che l'ha portata a diventare una vera e propria multimedia communication company

Come ha spiegato Usai ai nostri microfoni, oggi il modello di business legato all'advertising non funziona più, come dimostra il fatto che anche quest'anno gli investimenti in pubblicità segneranno una flessione importante. Questo significa che gli editori devono necessariamente orientarsi verso altri modelli per continuare a restare sul mercato. Una strada possibile è lo sviluppo delle aree 'direct to consumer', legate ai contenuti e soprattutto ai servizi, che permettano di monetizzare la relazione dei diversi brand con i consumatori. 

A questo proposito, come ha anticipato l'Ad di Condé Nast Italia ai microfoni di ADVexpressTv, le iniziative in cantiere sono molte. Grazie a una collaborazione con Vodafone, è già partita la vendita di corsi online di cucina, a cui si aggiungeranno quelli di fotografia e di gestione dei profili social. Inoltre Condé Nast ha dato il via insieme ad Amazon a un progetto di affiliation legato a 'Wired' e 'La Cucina Italiana'. 

Si tratta un modo per diversificare il rischio di impresa, prime legato soltanto all'andamento della pubblicità. Il fatto che gli investimenti in advertising 'tradizionale' siano in continuo calo mentre crescono i cosiddetti 'progetti speciali' è infatti soltanto apparentemente una buona notizia. "La realizzazione dei progetti speciali richiede costi e uno sforzo maggiori, dunque in ogni caso bisogna intraprendere anche altre strade", ha dichiarato Usai ai nostri microfoni. 

SP