UPDATE:
Ferrero affida a Caffeina il rilancio della comunicazione digital e social media del progetto di Csr Kinder Joy of MovingDall'Adforum Worldwide Consultants Summit 2022 i trend più rilevanti per l'industry. "Centralità di dati, Sustainability, Purpose e significato emotivo dei brand, agenzie chiamate a idee rilevanti, che risolvano problemi di business e ingaggino "#AcallforUkraine: dal palco del Bea World Festival, un appello alle aziende europee da parte dei professionisti ucraini: “Non lasciateci da parte, dateci lavoro, faremo del nostro meglio”Il sindaco Brugnaro di Venezia accende il grande albero di Piazza Ferretto a Mestre. Ufficialmente avviata la stagione di eventi "A Venezia è di scena il Natale!"Caorle Street Winter Edition, al via il festival invernale sul litorale che punta a incrementare i flussi turistici anche nei mesi più freddi dell’annoQuest'anno, bici elettriche illuminano l'albero di Natale nel mercatino della stazione di Zurigo, il più grande d'Europa al coperto.Pantène con Moschino e Chiara Ferragni per la seconda edizione di #FORTIINSIEME, il progetto a impatto sociale dedicato alle start up innovativeIn attesa della 60a edizione, Bologna Children’s Book Fair con BolognaBookPlus e Bologna Licensing Trade Fair/Kids protagonista di un tour che tocca quattro fiere del libro in diverse parti del mondoGetir lancia una campagna in partnership con Universal Pictures per il Gatto con gli Stivali 2 - L'ultimo desiderio. Echo firma creatività e pianificazione'Tre Marie, a Natale tutti i giorni dell'anno', il nuovo format del brand del Gruppo Galbusera firmato VMLY&R e Wavemaker
Inchieste

Moige VS spot TIM. Gitto (ADCI, GB_22): "Tanto rumore per nulla. Meglio fornire ai più piccoli strumenti per filtrare con consapevolezza un battuta ironica, meno sconveniente di volgarità ben più gravi diffuse in tv e in rete"

Il presidente ADCI e founder, con Roberto Battaglia, dell'agenzia GB_22, intervistato da ADVexpress, spiega come consideri esagerato l'intervento del Movimento Italiano Genitori contro lo spot Tim contenente l'espressione di Lino Banfi 'porta puttena'. Un'azione che "ha amplificato uno spot che avrebbe diversamente avuto una normale pianificazione senza un ritorno mediatico così eclatante".

E' di venerdì 3 settembre la notizia di un nuovo soggetto dello spot Tim per l’offerta ‘Calcio e Sport’ nel quale non c'è più il 'porca puttena' pronunciato da Lino Banfi nei panni di Oronzo Canà nel precedente film per gli Europei. Questa volta il noto attore viene inoltre affiancato nel film dal CT degli Azzurri Roberto Mancini.

Il Movimento Italiano Genitori, ricordiamo, nei giorni scorsi è intervenuto chiedendo l’esclusione dal circuito dei minori della prima campagna Tim perchè ritenuta inadatta ai più piccoli vista l'espressione colorita di Banfi.

Abbiamo chiesto un parere sulla vicenda a Vicky Gitto, presidente ADCI e founder, con Roberto Battaglia, dell'agenzia GB_22.

"Mi sembra di vivere in un contesto da 'Santa Inquisizione' in cui risulta sempre più difficile utilizzare linguaggi e concetti che non siano condivisi da tutti. Inviterei a un atteggiamento meno censorio e meno critico verso i contenuti di comunicazione, che spesso obbliga a rivedere posizioni non sempre così tanto inadeguate.

Nel caso specifico dello spot Tim, trovo esagerato l'attacco del Moige. Al di là del valore dell'idea creativa della campagna, sul quale non mi soffermo, prendendo in considerazione il messaggio dello spot, trovo difficile credere che contenga elementi eccessivamente disturbanti per la sensibilità dei minori".

"Credo che per i genitori sia prioritario preoccuparsi di fornire ai propri figli gli strumenti per filtrare con consapevolezza e anche un po di leggerezza una battuta come quella pronunciata con un pizzico di ironia da Lino Banfi, certamente meno sconveniente di molti altri messaggi violenti e volgari che spesso a livelli inaccettabili vengono diffusi da programmi televisivi o in rete. La pubblicità TIM, a mio avviso, si è limitata ad utilizzare in modo ironico un luogo comune della dialettica storica di Banfi che, peraltro, come apprendo dalla stampa, non ha subito alcuna censura da parte del Giurì. Insomma, per farla breve, 'tanto rumore per nulla' e un polverone che ha amplificato uno spot, indipendentemente dal suo effettivo valore, che avrebbe diversamente avuto una normale pianificazione senza un ritorno mediatico così eclatante".