Advertising

Sephora lancia una campagna con Big Mama a supporto della comunità LGBTQIA+. Creatività firmata da Media.Monks Milan

Nel video la cantante guida un corteo in stile parata Pride all’interno del corridoio della scuola: invitando altri studenti e studentesse a fare comunità per portare ovunque nuovi luoghi liberi dai pregiudizi, nuovi safe place.

In occasione del Pride Month 2024, Sephora Italia lancia “We Belong Here”, campagna manifesto che ribadisce l’importanza per la comunità LGBTQIA+ di avere un posto libero, sicuro e in cui poter essere se stessi, e ne realizza uno, concreto, insieme ad Arcigay.

Testimonial della campagna è Big Mama. La rapper, icona della comunità LGBTQIA+, ancora una volta si fa portavoce di un messaggio di inclusione e di riscatto contro pregiudizi e stereotipi. Nel video, distribuito sui social e ambientato all’interno di una scuola, l’artista rivive i fantasmi dell’adolescenza: quando era conosciuta solo come Marianna e ogni giorno subiva i giudizi e gli insulti dei compagni di scuola per il suo aspetto, le sue scelte e il suo orientamento.

“A scuola non ho avuto una bella esperienza” ha raccontato più volte Big Mama “avevo molta paura a girare nel corridoio, a entrare in classe, alzarmi dal banco, perché avevo paura degli sguardi degli altri. Per una persona queer, vivere la scuola era qualcosa di estremamente difficile.”

L’esperienza personale della cantante è una conferma dell’insight da cui è nata l’operazione: Sephora ha individuato la scuola come uno dei primi ambienti sociali in cui le persone si espongono al giudizio degli altri, e per questo primo luogo di possibili discriminazioni tra i ragazzi e ragazze.

Uno spazio che può essere ostile e di cui è necessario riappropriarci perché diventi un luogo libero e sicuro. Spinta da questo desiderio, Big Mama nel video guida un corteo in stile parata Pride all’interno del corridoio della scuola: invitando altri studenti e studentesse a fare comunità per portare ovunque nuovi luoghi liberi dai pregiudizi, nuovi safe place.

“Per safe place intendiamo uno spazio sicuro dove le persone possano esprimersi senza timore di giudizi, discriminazioni o ripercussioni” spiega Fenisia Cilli, Marketing Director di Sephora “un luogo dove l’unicità di ciascuno è riconosciuta e apprezzata. Ogni spazio Sephora è un safe place, lo sono tutti i beauty store, lo è ogni spazio virtuale dove ciascun membro della beauty community può sentirsi libero e accolto.”

È per questo che Sephora ha deciso di sostenere concretamente la comunità LGBTQIA+ creando un nuovo safe place digitale dedicato a studenti e finanziando 1000 ore di supporto psicologico gratuito in collaborazione con Arcigay, nota organizzazione no-profit LGBTQIA+ in Italia. A partire da giugno, mese del Pride, gli studenti LGBTQIA+ avranno a disposizione un luogo virtuale sicuro dove potersi esprimere liberamente, confrontare e chiedere aiuto, grazie al supporto di psicologi ed educatori. Lo sportello psicologico educativo sarà disponibile con slot gratuiti prenotabili dagli
studenti a partire dal 14 giugno sul sito di Arcigay.

“Per il secondo anno consecutivo, insieme a Sephora, giugno, mese del Pride, diventa un momento importante per lanciare un messaggio di inclusione forte. Questa volta abbiamo voluto parlare in primis a coloro che sono più fragili: studenti e studentesse, che più di tutti necessitano di essere accettati e amati in un periodo critico della scoperta della propria identità, sessuale e di genere.” aggiunge Cristina D’Anna, Direttrice Creativa Media.Monks

Elemento fondamentale della campagna realizzata da Media.Monks Milan è proprio il Manifesto, che nel finale del video viene affisso da Big Mama e che verrà esposto all’ingresso di tutti i 131 negozi dell’azienda e in tutte le properties digitali. Questo manifesto invita tutti i clienti di Sephora a sentirsi liberi e a contribuire alla creazione di luoghi sicuri per la comunità LGBTQIA+ ovunque sia possibile.