Partner

CMO Barometer 2024/1. Il 40% dei CMO in Europa e il 49% in Italia aumenterà gli investimenti di marketing. L'interazione tra IA, quoziente emotivo e professionalizzazione delle pratiche di mktg la ricetta per costruire marche a prova di futuro

Sono le prime evidenze della nuova edizione della ricerca, di cui ADC Group è media partner, condotta da Serviceplan Group su 800 chief marketing officer in Europa per comprendere le competenze che devono possedere queste figure per rendere le proprie organizzazioni e le marche pronte al futuro. Tra i trend topics: la creazione di contenuti, l'emotional branding, la sostenibilità, l'omnichannel marketing, la journey management e personalization e il data based mktg. Come spiega ai microfoni di ADVexpressTV il Ceo di Serviceplan Group Italia, Giovanni Ghelardi, i marketer chiedono ai propri team una visione sempre più strategica e orientata al nuovo e una perfetta padronanza degli strumenti operativi, soprattutto in area digitale.

Per il terzo anno ADC Group è media partner del CMO Barometer,  la ricerca condotta dal Gruppo Serviceplan a livello europeo in 11 Paesi (ai quali si aggiungono gli Emirati Arabi Uniti) su 800 chief marketing officer per capire come cambia la loro professione. Partner della ricerca è l'Università di San Gallo.

In questa prima puntata,  in onda in esclusiva su ADVexpressTV, insieme a Giovanni Ghelardi, CEO di Serviceplan Group Italia, conosciamo le prime evidenze dell'indagine, giunta alla quarta edizione, per poi proseguire, nei prossimi giorni, con gli interventi di aziende, media e creativi per comprendere come meglio attrezzarsi per affrontare il presente in grande evoluzione e il futuro con le sue opportunità.

Nello studio vengono rappresentate tutte le categorie merceologiche, con una prevalenza  (18%) dei beni di consumo e del food,  così come tutte le dimensioni aziendali, dalle imprese più grandi, con oltre i 10 mila dipendenti, alle più piccole, con meno di 250.  Nel dettaglio, per l'Italia il campione comprende 70 risposte (pari al 10% del totale), a domande effettuate tra il 5 e il 19 settembre 2023 a professionisti che incarnano tutte le competenze del marketing.

Gli interrogativi rivolti ai CMO indagano il loro punto di vista sull'evoluzione economica nel loro settore, i loro orientamenti nella destinazione negli investimenti nel budget marketing nel 2024 rispetto al 2023, le tematiche che pensano dovranno affrontare l'anno prossimo, ma anche le competenze, o meglio 'i super poteri' che saranno loro richiesti per superare brillantemente le sfide del 2024 e le capabilities richieste ai loro team,  così come il tipo di partnership che si aspettano con le agenzie.

I CMO ritengono che la situazione economica non impatterà in modo eccessivo sui trend di investimento in comunicazione nel 2024, tanto che il 40% dei CMO in Europa e il 49% in Italia dichiarano l'intenzione di aumentare lo spending del budget marketing l'anno prossimo. 

Se l'anno scorso erano Sostenibilità, Brand Building e Flessibilità i trend più forti del momento, quest'anno emerge un trend topic molto forte, quello dell'IA generativa. A fare la differenza, per i CMO, sarà la capacità di utilizzare gli strumenti dell'IA in modo appropriato e di renderli utili nel marketing, la creazione di contenuti, l'emotional branding, la sostenibilità, l'omnichannel marketing, la customer journey, il data based marketing.

Questa la formula ideale per costruire marche di successo nel 2024:  l'interazione tra IA e quoziente emotivo, ovvero la capacità di ridefinire immaginari e ruolo della propria marca in funzione dello spirito del tempo senza perdere di vista la professionalizzazione delle pratiche di marketing.

Non solo ai CMO sono richiesti questi 'super poteri', ma l'indagine CMO Barometer rivela anche come i marketer pretendano dai loro team una visione sempre più strategica e orientata al futuro e una perfetta padronanza degli strumenti operativi, soprattutto in area digitale. 

Nella prossima puntata focus sull'impatto dell'andamento economico sugli investimenti di marketing delle aziende.